Rocco Bruno, un profeta del cazzo

Riprendo in mano questo blog dopo circa un anno è mezzo. In questo periodo ho preferito informarmi, anzichè informare. Ho frequentato vari siti, vari canali youtube, in cui persone che rispetto stavano cercando, faticosamente, di diffondere certe verità, e di aprire un po’ gli occhi. Fra questi, ho visto diverse conferenze di Rocco Bruno. Di chi si tratta? E’, almeno all’apparenza, una persona che ha studiato alcune cose, e cerca genuinamente di diffonderle. In particolare lui parla spesso del film Matrix, e del simbolismo in esso presente, cercando di collegarlo alla tradizione esoterica cristiana. Pur mantenendo una certa distanza da tutto ciò che riguarda, anche indirettamente, la grande truffa della religione cattolica, devo dire che per un certo periodo l’ho seguito. Faceva, in fondo, ragionamenti intelligenti. E il suo modo di fare era senz’altro accattivante, pieno di entusiasmo. Mi è sembrato un autentico ricercatore della verità. Almeno fino a quando ho avuto a che fare con lui direttamente…

Qualche mese fa, infatti, sono diventato suo amico su Facebook. All’inizio tutto bene, anche se lui mi è sembrato subito molto freddo, poco aperto alle informazioni e alle comprensioni altrui. Per esempio, io pur non essendo medico sono un discreto esperto di Hamer e della Nuova Medicina. Anche lui ha parlato, anche se poche volte in realtà, dell’argomento, e sempre in termini entusiastici. Tuttavia, ne sa ben poco. Pensavo avrebbe approfittato in qualche modo, con qualche domanda o curiosità. Niente. Avrà altre fonti, più qualificate, ho pensato. Poi ho cominciato a osservare i commenti ai suoi video. Tutti positivi, entusiasti. Le pochissime voci critiche venivano subissate di insulti, e molto spesso poco dopo venivano censurate. Quest’atteggiamento mi puzzò molto. E’ vero che il web è pieno di troll che, pagati o meno, hanno come compito quello di smontare ogni tesi alternativa al mainstream. Però è anche vero che, ormai, si riconoscono subito. C’è bisogno davvero di censurare? O non è più opportuno rispondere a tono, o al limite ignorare il rompiballe? Non so, ho sempre avuto un’avversione innata verso ogni forma di censura. Volevo capire meglio.

L’occasione si è presentata con un recente video di un amico di Rocco, tale Filippo Giordana, che è intervenuto ad una sua conferenza. L’intento era quello di esporre una serie di suoi studi sull’argomento Sovranità Individuale. Si tratta, a mio parere, di qualcosa di molto interessante, per niente campato in aria. Tanto è vero che ho iniziato questo blog proprio parlando di esso. Purtroppo, l’applicazione pratica dei principi portati avanti da questa, chiamiamola così, “corrente di pensiero”, è stata ben spiegata per i paesi anglosassoni, mentre molti dubbi rimangono sulla sua applicabilità in paesi a Civil Law, come l’Italia. Curioso, ho guardato la conferenza, per saperne di più. Risultato: un disastro. L’amico di Rocco ha cominciato subito male, non dicendo neanche di cosa stava parlando, e cominciando una serie di borbottii e frasi sconnesse durata più di un ora. Tra un bofonchiamento ed un altro, si sono capito alcuni concetti di cui l’oratore sembra convinto.

1) tutta questa storia della sovranità individuale è una bufala

2) la dimostrazione è che questi danno tutta la colpa alla chiesa, mentre anche prima le gente era schiava (???.. già qui si vede che non ha capito niente)

3) questi stronzi infangano la memoria dei poveri plebei e di tutte le loro lotte fatte contro i patrizi prima dell’avvento di Cristo (???)

4) il positivismo è un dogma: oggi la gente sta meglio di ieri. Una volta, ai tempi delle caverne, il padrone te ne faceva di tutti i colori, e tu dovevi stare zitto (???)

5) ho scoperto che nelle bolle papali non c’è il  trust, quindi è tutta una fuffa.

… e così via, scusate mi stavo annoiando… Forse questo lumacone si aspettava che nella bolla papale fosse scritto: “Dio dà in trust il mondo intero alla Chiesa”, con queste parole? Perchè in realtà il concetto c’è, eccome, e anche un bambino lo capisce.  Guarda qui: http://it.cathopedia.org/wiki/Unam_Sanctam

Un altro punto forte delle sue “argomentazioni contro” è il fatto che la dichiarazione di sovranità, secondo lui, è mal indirizzata al presidente delle repubblica. E a chi mai dovremmo indirizzarla, allora? Al papa? A qualche ministro? Non lo dice, ovviamente. Essendo in uno stato di diritto in cui la massima figura di riferimento è il presidente della repubblica, mi sembra normale mandare a lui una dichiarazione che riguarda la sovranità individuale. Il lumacone pensa con questi “ragionamenti” di screditare l’intero movimento? In realtà scredita solo se stesso, la sua intelligenza e il suo buon senso. Finiamola qui comunque, tanto ormai si sarà capito: l’amico di Rocco ha espresso solo concetti errati, mal esposti, e per di più partendo già sommamente prevenuto sull’argomento. Il tutto condito con un’arroganza e una supponenza degna del peggior Attivissimo. Giudicate voi comunque: http://www.youtube.com/watch?v=Q09qsbA81Q4

Ho pensato di scrivere la mia opinione. Niente di offensivo, ovviamente. Ho cominciato facendo notare che subito all’inizio lui fa confusione tra NAC (Notifica di Accettazione Condizionata) e dichiarazione di sovranità. Confusione abbastanza gravina, direi, per uno che vuole mettere chiarezza sull’argomento. Non l’avessi mai fatto. Già al primo post mi sono saltati addosso in dieci, dicendomi che io non avevo capito che persona splendida è Filippo. Ma anche se fosse, cosa centra? Io ovviamente non giudicavo la persona. Già qui ho sentito strane sensazioni. Poi nei post successivi è intervenuto in persona Rocco Bruno, e sapete che ha fatto? Mi ha semplicemente censurato. Ha cancellato tutti i miei commenti. E ha scritto un commento lui in cui diceva che quella non era censura, ma rimozione di immondizia. Rimozione di immondizia. In più mi ha tolto l’amicizia, così non potevo proprio più replicare. Ora, capisco ritenere immondizia un troll che ripete sempre la stessa menzogna. Ma uno come me che esprime solo la sua opinione?

Ho guardato poi meglio questo personaggio, Rocco Bruno. Perchè purtroppo sono ingenuo, credo ancora troppo facilmente agli individui. Ho visto che nel suo canale youtube i commenti sono disabilitati. E ho visto che su facebook non ho trovato mai un commento negativo. Inoltre, nei suoi video non c’è mia nessuno che, anche solo leggermente, gli fa un’osservazione. Bella forza, ora ho capito. Li censura tutti. Così si crea un bello stuolo di adoratori, che gli dicono soltanto quanto è fantastico.

A questo punto, i miei dubbi sull’individuo cominciavano ad essere seri. Ho provato un ultimo tentativo di aprire un dialogo con un paio di messaggi privati, anche se ormai ero già incazzato. Comunque, nessuna risposta, ovviamente. Non so, da persone che si autoproclamano rappresentanti di una nuova era, di un nuovo modo di fare e di pensare, questi tipi di atteggiamenti mi stonano molto. Il confronto, quando competente e costruttivo, è sempre importante, anzi essenziale. Se no si finisce molto facilmente preda dell’ego, dell’esaltazione e del fanatismo. Temo che questa sia la strada imboccata da Rocco.

E poi, a ben vedere, tolti i miei stupidi paraocchi, anche il suo modo di fare alla lunga lo sta rivelando. Lui butta merda su chiunque parli di spiritualità, perchè sono tutti stronzi businnessman. Non si può essere così drastici secondo me. Ognuno ha il suo ruolo. Lui parla bene solo di Gurdijeff ma alla fine del suo variegato e geniale pensiero ritorna sempre e solo alla questione del sesso. Sarà che è l’unica cosa che crede di aver capito. Perchè per Rocco Bruno, la spiritualità è sesso. Ma non nel senso che intendeva Osho. Lui diffonde proprio pratiche di astinenza e di USO dell’energia sessuale. E’ più simile ad Aleister Crowley, anche se non credo lo conosca, nè che sia nemmeno lontanamente vicino alla comprensione e alla sapienza raggiunta dall’inglese. E’ uno sbruffone, in pratica. Uno che ha capito due o tre cosine, niente di più, ma che è capace di venderle bene. E visto che comincia ad avere adoratori acritici, sta anche diventando un pallone gonfiato. Ha perso di vista il fatto che, se non stiamo attenti, diventiamo esattamente la cosa che stavamo criticando. In questo caso, un diffusore dell’orrenda energia sistemica. In poche parole, è diventato un “profeta del cazzo”.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Sovranità dell'Essere Umano e contrassegnata con , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

263 risposte a Rocco Bruno, un profeta del cazzo

  1. Anonimo ha detto:

    Nella raccolta fondi ha cambiato l’intestazione da:
    “Studi Anagogici – Sviluppo Armonico dell’Uomo” (di Gurdjieff)
    a
    PROGETTO ZION – Centro Studi e Seminari
    http://buonacausa.org/cause/progetto-zion-centro-studi-seminario
    …. 😀

  2. Anonimo ha detto:

    Anzi Enki(y) è assimilabile anche a Yahweh….quindi più Arconte di così…nun se po’!! 😀

  3. Daniele ha detto:

    Enky, ma fatti una sana pippa e rilassati, tranquillo che non ti entra l’aria dal pisello, non dar retta a quel Rocco babbione Bruno. Non ti parte l’embolo, non ti parte niente, l’unica cosa che potrebbe partirti è il cervello, ma solo se stai a sentire le cazzate che spara!
    Riesco a farmi capire!!??? Si capisce!?!? ahahahahahah

  4. Anonimo ha detto:

    Toglimi una curiosità Enky Savalas….ma te sei parente del tente Kojak???

    😀

    Enky è un arconte noto anche come Yaldabaoth…..non dirmi che non lo sai….
    Bah,fanno gli gnostici e poi non ne sanno mezza….ma dove avete studiato….a Paperopoli e a Topolinia sotto gli insegnamenti di Maga magò e Macchia Nera???
    😀

  5. usciredallorrore ha detto:

    1 cosa vorrebbe dire quel link? Pensavo ad una spiegazione del nome, mentre vedo solo un disegno di una specie di guerriero, boh… Pubblicità al tuo blog?
    2 se avessi letto i commenti avresti anche visto quello in cui io dichiaravo apertamente che avrei pubblicato solo i commenti che reputavo interessanti per la discussione, escludendo quelli ripetitivi e offensivi in modo gratuito. A mio insindacabile giudizio, da amministratore del blog. Punto. Se non ti va bene cambia pure aria, non ti rimpiangerò. E riguardo alla censura e alla manipolazione, hai letto almeno l’articolo? Hai visto come si comporta RB? Vedi il ramoscello in me ma non la trave in Rocco. Bah.
    3 riferito ad anonimo…cosa? Anche qui non si è capito nulla. E cmq Rocco non accetta neanche le critiche, mai.

    Odio? Mi sa che è quello che porta avanti te. Infatti non vedo nessun minimo tentativo di comprendere anche un punto di vista diverso dal tuo.
    Ti avverto che questo è l’ultimo commento che pubblico in cui dici “questo blog del cazzo”. Alla faccia di quello che vuol denunciare per offese. Ipnosi e confusione, ipnosi e confusione.

  6. Enky Savalas ha detto:

    1. Enky Savalas http://mrccrl.blogspot.co.ke/2012/04/enky-savalas.html, niente a che fare con gli Arconti.

    2. “Ti pubblico soltanto perchè il tuo commento dimostra l’estrema confusione che c’è nelle vostre teste” – quindi Davide significa che manipoli e moderi gli interventi come meglio credi a tuo vantaggio?!

    3. Rifetito ad Anonimo, quello che parla delle critiche, perchè qua risultate tutto come ANONIMO, vallo a capire con chi si sta parlando. Cmq, una cosa sono le critiche ed una altra cosa è dare del malfattore o truffatore ad una persona.

    Poi è chiaro che l’odio è quello che porta avanti questo blog del cazzo!!!
    Vi saluto, con voi si perde solo tempo,
    enky.savalas

  7. Anonimo ha detto:

    E bravo Enky, ma bravo veramente, non solo a sbagliare il mio nome, segno di quanto eri attento alle persone (ma chi sei tu piuttosto) ed è strano perchè R.B. adorava la mia X nel nome, la pronunciava da dio e me ne spiegò pure il significato. Tu dov’eri?

    Bravo Enky che non la dici tutta, mentre invece dovresti dirmi tu quella sera da quale cilindro magico è comparsa quella martire che è stata povera vittima della mia bottiglietta.
    Dillo che pur essendo un’adepta (che ho incontrato in pizzeria e non in camera esoterica, eh) erano mesi e mesi che nessuno la vedeva più.
    Poi magicamente, puff, eccotela materializzarsi a Robbiano proprio nella sera del mio show esilarante e che tutt’ora è sulle bocche di tutti peggio del film L’Esorcista.

    Raccontala tutta, vigliaccone (non mi puoi denunciare perchè offendo uno pseudonimo), racconta al blog del cazzo che quell’adepta, totalmente ignara di fatti e motivazioni, s’è calata nella parte dell’inquisitrice diplomata dicendo lei (e non io) “Guarda, guardati è l’ego che parla….guardati…ego…guarda…parla…guardati…craaa, craaa, craaaa” e così andando avanti fastidiosa peggio d’un disco rotto.
    Ma che voleva da me quell’entità d’interferenza mentre ero tutta intenta a pressare il gran sacerdote supremo?

    La tua amica deve ringraziare che chi era in preda a fumi di terza camera, invece era più lucida che mai, altrimenti sai che male le avrebbe fatto una bottiglietta piena tirata in testa? No perchè di togliere la puntina al disco proprio non se ne parlava, Craaa craaa craaa

    Io non mi sono mai sbilanciata e questa volta credimi Enky dei miei stivali, non è perchè mi ha chiamata in causa e nemmeno perchè mi senta offesa per qualcosa, ma questa volta non posso esimermi dall’esprimere tutta la mia ripugnanza non verso la vostra anima (ammesso che l’abbiate), ma nei vedere e sentire gli accumuli e maleodoranti strati di personalità che rivestite.
    Non vi vergognate di esporvi così conciati? Qui c’è gente che vede, non te ne sei accorto? E stai pur certo che non è sufficiente l’Enky per ripararti la faccia.

    Caspita ne avete di coraggio! Tu poi…no comment

  8. Anonimo ha detto:


    Commenti al video. (visto che qui i commenti non sono disattivati :D)

    // Milians Mask 9 mesi fa
    Mi sembra uno di quelli che facevano le televendite in tv. Haha
    mò un’altro che si crede che solo lui ha capito come vanno le cose.. meglio tardi che mai ..
    parla di valorizzare le parole e poi dice alle persone che lo stanno ascoltando e che gli rivolgono domande ”mi avete rotto i coglioni” ma di cosa.. perchè uno ti fa una domanda?
    Tutti sono dei mercanti a parere suo,lui invece no,campa d’aria e non ha bisogno di soldi.. si vede.//

    // Stefano2071 1 anno fa
    Ma scusa, che male c’è se alcune persone campano per la vendita di libri? E se anche fosse puro e semplice marketing che male c’è? Si vede che sei pieno di energia e di passione Rocco, e questo è davvero molto bello, forse però non ne vale la pena di accusare queste persone. Sono mercanti? E anche se fosse? Io, personalmente, cosa ci ricavo dal fatto che loro vendano/non vendano libri? Si può imparare qualcosa da tutti, dai parenti al senzatetto che incontriamo per strada, ogni momento della vita è un’occasione per imparare. E credimi, Rocco, così come Brizzi e company possono imparare molto da te (e pure io), allo stesso modo pure tu puoi imparare molto da loro. Tutto ciò che fa parte dell’esperienza è un’occasione di crescita. Un abbraccio, ciao! //

    // Thomas Toderini dei Gagliardis dalla Volta 1 anno fa
    …sono molto perplesso da questo modo di esprimersi. Mi pare che in tutto questo ci sia un bisogno ossessivo di giudicare il prossimo, forse per il semplice motivo di attirare un po’ di attenzione… Poi ognuno può pensarla come vuole, ma se vogliamo parlare di saggezza, credo che la prima cosa da fare sia quelle di tenersi lontani dal giudizio e dalla critica, a meno che per critica non s’intenda indagine… Sicuramente un eccessivo utilizzo del turpiloquio non predispone ad uno scambio amorevole con il prossimo. //

    // Monia Zanon 1 anno fa
    Mi è stato segnalato questo commento diffamatorio nei miei riguardi e quindi eccomi! A parte il fatto che non credo di aver mai detto una sciocchezza come quella per cui mi si prende in causa, non ritengo di avere nulla da sparire con chi sbava rabbia e schiuma come un cane rabbioso, riversando gran parte della propria frustrazione e del proprio pessimismo e fastidio su queste povere persone! Il genere di atteggiamento che accomuna chi non è in grado di splendere di luce propria, mettendosi al servizio come può (e come ognuno dovrebbe trovare il modo di fare), risulta proprio quello di gettare fango sul prossimo. La maldicenza è un disagio molto grave, che prima di colpire la persona a cui è diretto, crea un buco nella propria aura. In tal modo energie psichiche di ogni tipo iniziano ad agire, attirando poi forme psichiche della stessa qualità. Saperlo garantisce una gran cosa: la scelta. //

    // Morgana SeiSeiSei 7 mesi fa
    macche’, una tale castroneria: ‘l’ ego è il tuo angelo custode’ può averla inventata solo un elemento come quello del video, ispirato dai cartoni animati di paperino (o era Pluto? ) nei momenti in cui gli apparivano sia l’ angioletto, sia il diavoletto, che lo esortavano, a seconda dei ruoli, chi a compiere il bene, chi il male (non per nulla si dice che Disney era un massone di alto livello, cosa c’entra? Nulla, così per divagare … 😉 Monia lo conosci Chris Everard? Hai visto i suoi documentari ‘Spirit world’? Se sì, cosa ne pensi? E di Everard? //

    // Jonathan Falcone 1 anno fa
    … ma dai Rocco… hai incassato migliaia di euro dal ns. gruppo per la vendita dei tuoi libri e poi ci critichi per il nostro lavoro? certo che siamo “mercanti” nel vero senso della parola, siamo un gruppo editoriale che diffonde (persone come te), crea lavoro e paga le tasse… Un sorriso Jonathan Falcone //

    // Stay Strong88 2 anni fa
    tra un po inizi a menare quelli che ti ascoltano ) ahahahah //

    // Max Di Carlo 2 anni fa
    potrei condividere molto di quello che dice, è un pò lo stesso concetto che esprimeva Krishnamurti e POCHI altri che come lui avevano esperito che non c’è lavoro da fare, ma detto da lei è un pò come l’ipercoop che vende il sacro graal; soprattutto dopo aver visto che anche lei su macrolibrarsi edizioni vende testi sul genere. qual è la differenza tra lei e colui che offende? Mi chiedo anche perchè ha bisogno di usurare tanto le sue corde vocali, un dono tanto prezioso.. //
    ———————————————————————————————————————————
    Altro video con commenti non disattivati,altro regalo.

    (leggere i commenti :D)
    ———————————————————————————————————————————
    Anche qui leggere i commenti 😀

    ———————————————————————————————————————————-
    Ce ne sono altri con i commenti attivati (pochi) e in tutti ci sono critiche. Considerando il tenore dei commenti si evince che la critica c’è sempre stata,solo che è stata bloccata volutamente disattivando i commenti,anche su Facebook.
    Pensate che su internet ci sono pure le critiche sui ristoranti….da non credere eh!! 😀
    Le critiche principali sono le stesse cose dette nell’ultimo commento di Enky (il nome di un’arconte :D) dette al contrario (la classica frittata che gira e gira…),senza però chiamare in causa querele,che,dette da un’ente che ha usato la denigrazione come leitmotiv dello show è come il bue che da del cornuto all’asino.
    Sembra che non venga capito che se ci si espone in tale maniera,poi è normale che ci sia chi critica……oppure sognate una società dove non ci sia la libertà di pensiero e di parola?
    Anche se uno apre un negozio di frutta e verdura può essere criticato se ti vende della frutta “biologica” e poi si scopre che è OGM….ma sì dai è pur sempre frutta…
    Mah….

    ·

  9. usciredallorrore ha detto:

    Ti pubblico soltanto perchè il tuo commento dimostra l’estrema confusione che c’è nelle vostre teste. Prima parli di querela con tanto di articoli riferiti ad offesa dell’onore e del decoro della persona, e poi (ovviamente :)) parti tu stesso offendendo l’onore e il decoro mio e di molti che hanno scritto qui, attraverso una serie di insulti scomposti e gratuiti. Se voi roccobruniani aveste un minimo di consapevolezza sapreste che il nostro sistema di giustizia è corrotto e malato fino alle fondamenta, e quindi lo utilizzereste con molta attenzione, non certo per paventare denunce per diffamazione, che fatte da parte di un Grande Oratore Profeta come Rocco suonano estremamente ridicole, quasi grottesche. Non è capace lui di difendersi a parole? Deve mandare avanti voi ipnotizzati a minacciare querele? Ve lo vedete un Osho che alla minima critica parte con una querela? Sinceramente ormai mi fate solo ridere.

  10. Enky Savalas ha detto:

    Qualsiasi offesa all’onore o al decoro di una persona è punibile, a querela di parte, ai sensi degli artt. 594 e 595 del codice penale recanti norme in materia di ingiurie e diffamazione. Per ulteriori delucidazioni potrà contattare il Compartimento Polizia Postale e delle Comunicazioni di Milano, ubicato in Via Moisè Loria 74, recapito 02/43333011.

    Io non capisco perchè Rocco Bruno non lo abbia ancora fatto. Questo articolo come gli altri ed i suoi commenti denotano evidentemente un vizio di fondo noto con il nome di INVIDIA. Il fegato amaro e rotto dall’accredine, dal viscidume animico, dal più brutale risentimento e meschinità.

    Concordo con chi ti fa i complimenti Davide. Complimenti per aver permesso a tutti questi trombati del progetto Zion di poter dire la loro inutile opinione su una cosa che non hanno capito, estromessi, giustamente da un progetto così elevato che la loro Incapacità di ogni controllo su di sé e sui propri numerosi bassi istinti li ha portati inesorabilmente ad essere allontanati.

    E si perchè anche io c’ero ed ho assistiti, diversamente da Davide che senza neanche conoscere Rocco di persona si permette di scrivere questo schifo di articolo. Come loro ho assistito. Ho visto Alessia, si quella alla quale chiedi di farsi avanti e raccontare, l’ho vista urlare a gran voce – “non è ego, non è ego” e scagliare la bottiglietta d’acqua che aveva in mano contro chi cercava di portarla al ragionamento. Vi accanite con odio senza capirci un niente solo perchè non vi ha dato la considerazione che pensate di dover ottenere.

    Paragonando ora a questo ora a quello, avete ascoltato ma non ci avete capito nulla, avete dato seguito solo al vostro viscidume interiore, ed ad un occhio attento è questo quello che traspare da queste pagine. Il mio auspicio è che Rocco si decida a denunciarvi tutti, magari chiedendovi i danni così finisce di raccogliere quello che gli serve per realizzare il progetto.

    Un saluto a tutti gli invidiosi di questo incredibile blog del cazzo!!!

  11. tato ha detto:

    Penso piu’ che altro che sia una missione .

    “Tale situazione ha condotto gli gnostici ha prediligere di organizzarsi in scuole di pensiero, in fratellanze, attraverso cui raccogliere circolarmente attorno ad un’idea e prospettiva di vita quanti in essi si riconoscessero….
    …Ecco perchè gli eresiologhi definirono lo gnosticismo come un drago dalle cento teste, ove ognuno dei discepoli divenuto a sua volta maestro offriva una propria lettura di testi sacri e miti…
    fonte:
    http://www.paxpleroma.it/saggi%20di%20filippo%20goti/iniziazioneedapostolato.html

    In rete ci sono innumerevoli video che parlano di gnosi.
    Penso siano tutti maestri di gnosi.
    In pratica lo gnostico deve divulgare la disciplina.

    Questo è uno dei cardini del paradigma gnostico di Samael Aun Weor

    3. SACRIFICIO PER L’UMANITA‘ diffusione dell’insegnamento gnostico a tutta l’umanità, tramite la continua testimonianza di vita, da parte dello studente gnostico.

    Probabilmente B ,ha avuto l’illuminazione di trasformare la divulgazione in chiave moderna in modo da coinvolgere una cerchia giovanile di persone con grande voglia di fare e
    cambiare ,inoltre il linguaggio triviale studiato o meno lo ha anche aiutato .
    Poi si sa,se schiacci troppo l’acceleratore puoi anche andare a sbattere…

    Qui dichiara di essere uscito allo scoperto per una ragione ben valida.

  12. Anonimo ha detto:

    In questo video, dove parlava dei mercanti spirituali, al minuto 3,28 diceva che i veri druidi non fanno associazioni. Ma lui ora l’Associazione l’ha fatta! Altro chè, e solo al fine di raccogliere soldi. Ormai nella sua mente esiste solo la raccolta fondi, in un continuum di contraddizioni che smentiscono tutto ciò che sosteneva all’inizio! Bò! Mi chiedo se avesse pianificato tutto sin dai primi video o se sia diventato matto gradualmente, forse a causa dell’esaltazione derivante dall’essere seguito da così tante persone! Comunque credo che la cosa non potrà che sgonfiarsi da sola, anche perchè ha affermato di non voler più trasmettere i video del mercoledì ed erano quelli che gli procuravano i donatori. Inoltre ha dimostrato una tale incapacità nel gestire quello che lui chiama progetto che ha rovinato tutto con le sue stesse mani. Inoltre ha mandato a cagare troppe persone e alla fine tutto ti ritorna addosso con grande violenza. E’ inevitabile!

  13. Anonimo ha detto:

    Ma secondo voi è un “renziano”? 😀
    …si legge…
    “Studi Anagogici – Sviluppo Armonico dell’Uomo”
    Doveva scrivere “Studi Anal-Gogici”-inchiappettata continua dei pecoroni!!
    “La paglia è ignifuga”……caaaazzo che sviluppo armonico!!
    😀
    Oh e poi non è proprio capace di coniare un termine suo: “sviluppo armonico dell’uomo” è di Gurdjieff…

    …..Matrix è un film con tanto di copyright…..per non parlare poi di Zion……e il libro che ha scritto:
    http://www.mondadoristore.it/Dispiegare-Pistis-Sophia-Bruno-Rocco/eai978132614517/
    chissà perchè anche Samael Aun Weor ne aveva scritto uno simile…MOLTO PRIMA….
    http://www.vopus.org/es/publicaciones/libros-revistas/pistis-sophia-develada.html 😀
    MIIIIINCHIAAAAA che fantasia che ha!!
    😀

  14. Anonimo ha detto:

    Beh,tieni presente che comunque era su di una televisione e ovviamente l’atteggiamento era più improntato sul “pretino”…. 😀

  15. tato ha detto:

    Guardate che evoluzione negli anni !
    Si tratta di una conferenza tenutasi nel maggio 2004.
    http://www.arcoiris.tv/scheda/it/13668/

  16. Anonimo ha detto:

    Alla faccia!!
    https://www.facebook.com/notes/danilo-lavorgna/sparizione-domande-dalla-rete-1/1052768494747688

    Leggete,leggete pargoli e,mi raccomando,continuate a farvi FOTTERE da questi personaggi,che di somari al nostri giorni ce n’è sempre bisogno…. 😀

    Uscire da Matix???

    😀

  17. Anonimo ha detto:

    Quella di R.B più che ANARCHIA sembra ANAL-CHIA !! 😀

  18. usciredallorrore ha detto:

    Avete visto l’ultimo post di RB? Le sue pretese di dominio assoluto sugli adepti sono ormai dichiarate apertamente e ciò, ripeto, è in totale contraddizione con le sue dichiarazioni di “non essere un maestro”. Forse sta cambiando idea, e fra un po’ si dichiarerà maestro, mettendosi a pari del suo caro Gurdjieff. Il suo vedere la realtà tramite la sua mente (e i suoi comodi) si vede dall’interpretazione etimologica che dà alla parola anarchia. Lui dice che è an-archè, ovvero “senza principio”. Io direi piuttosto che è an-archeon, ovvero “senza arconti”. Chi è veramente anarchico non riconosce più gli arconti, ovvero i dominatori della nostra società, e non sottosta più a loro. Rocco, invece, vorrebbe sostituirsi agli arconti nella testa delle persone, prendere il loro potere, perchè gli piace tanto… Non è chiaro?

  19. Anonimo ha detto:

    Condivido ciò che hai scritto e risottolineo,come mi sembra di aver fatto in un’altro post,che facendo un certo lavoro sugli aggregati psichici si arriva ad una fase che viene chiamata “dissociazione dei misti” in relazione alla fase alchemica di nigredo e se non si sa bene come procedere per riassemblare il “composto” con nuovi contenuti per poi proseguire con ulteriori “fasi” di eliminazione di scorie,si va certamente incontro a pericolosi stati mentali che possono manifestarsi come tendenze alla depressione cronica oppure alla megalomania e alla “divinizzazione” della propria personalità,cosa che che dici giustamente qui:

    “”Tecniche molto potenti piazzate in mano a degli imbecilli (per R.B. lo siamo tutti meno che lui) e poi cavoli degli altri cosa ne viene fuori, perchè male che vada ci si sgrava di ogni responsabilità bollando tutto come “effetto da terza camera”.””

    Questo tipo di responsabilità,anche se viene bollato come “effetto da terza camera”,RIMANE e non si sgrava proprio per niente……i semi piantati,appena ci sono le giuste condizioni,germogliano e si manifestano come risultato della loro semina……questo un’esoterista dovrebbe saperlo bene…

  20. Anonimo ha detto:

    Ottimo, gran bella mossa esplicativa, peccato però che R.B. non mi sembra affatto capace di tale sottigliezze pur prendendo in considerazione l’ambiente che ha frequentato in passato.
    Comunque serve sempre sapere i dettagli, visto che lui, massima autorità sacerdotale, non si prodiga per nulla nello spiegarli ai neofiti, qual’ora essi siano semplici aderenti virati nel primo tunnel del martedì o degli iniziati già inseriti in camera esoterica.
    Per quanto riguarda la questione dell’energia sessuale e del suo uso e consumo dal punto di vista gnostico ed esoterico, essa resta un affare sempre molto spinoso, forse così tanto difficile da spiegare che quasi si è costretti ad andar per allusioni smozzicate, peccato però che ho potuto ricevere confidenze di ragazzi giovani veramente in subbuglio perchè si trattenevano dal farsi delle sane pippe. Poveri…

    Tecniche molto potenti piazzate in mano a degli imbecilli (per R.B. lo siamo tutti meno che lui) e poi cavoli degli altri cosa ne viene fuori, perchè male che vada ci si sgrava di ogni responsabilità bollando tutto come “effetto da terza camera”.

    “La verità sta nei paradossi”. Avrei dovuto chiedere il copyright su questa mia affermazione e mi rode che ora sia in mano a colui che erige il paradosso come bandiera, mentre invece è solo un esempio vivente di incoerenza e infantilismo.

    Nella speranza che qualcuno riesca a farlo accorgere di sè stesso, mi tengo buona una parte di invocazione che è sempre valida:

    “…ora che è stato svelato il Sacro Mistero della Lettera, intanto proseguirò verso più occulti luoghi”

    Che qualcuno glielo dica di proseguire fuori dalla sua gabbia dorata

  21. Anonimo ha detto:

    Riporto un commento interessante (a cui ne seguiranno altri) fatto sul video di youtube…

    ((( Psicologia rivoluzionaria o cervello lavato?

    La gnosis del sig. Gomez (alias Samael Aun Weor) è un’insieme di dottrine del sapere umano, che alcuni erroneamente definiscono “sincretica”. il sincretismo per definizione dello Zingarelli è: Fusione di elementi mitologici, culturali e dottrinari di varie religioni. 2 Conciliazione arbitraria di dottrine filosofiche tra loro inconciliabili. Volere a tutti costi far coincidere la cultura maya con quella ebraica o Tibetana non è soltanto frutto di una mente confusa ma sintomo di profonda ignoranza in materia filosofica e mitologica. Quello che molti aderenti alle psicosette gnostiche non sanno è che tali congetture sono state create ad oc per convalidare certe dottrine “psicologiche” con le quali attuano un vero e proprio lavaggio del cervello ai propri adepti. Quando per esempio si parla dell’Ego dell’uomo, gli gnostici samaeliani vogliono significare l’insieme disorganizzato di aggregati psicologici che determinano la psicologia soggettiva di ognuno, per dirla in breve la personalità che si viene a creare dall’infanzia; ma essi fanno risalire l’ego agli albori dell’umanità il quale si sarebbe creato attraverso la fornicazione, intendendo l’eiaculazione del seme. In pratica l’atto sessuale è la causa del male dell’uomo, l’atto completo che servirebbe per la procreazione dell’uomo sarebbe secondo il Gomez e i suoi seguaci l’atto più orrendo che un essere può fare verso se stesso e la propria anima… Detto questo, l’ego, è il principale nemico dello gnostico samaeliano e si può sconfiggere, secondo loro, con la psicologia rivoluzionaria, attraverso la pratica alchemica della Magia Sessuale (spiegata gia nel post “la gnosis samaeliana”). La Psicologia è una branca molto importante del sapere umano che studia le profondità dell’animo, toccando quelle corde intime e complesse tanto importanti per condurre una vita dignitosa e serena. Molte sette gnostiche si cimentano in elaborate conferenze pubbliche spiegando questa faccenda, ma senza mai toccare esplicitamente il discorso sessuale, ma approfondendolo nel corso dei seminari settimanali tenuti solitamente a casa del conferenziere, avendo preventivamente valutato il livello di convinzione del neofita nei confronti della dottrina stessa. E così inizia il giro dell’avvoltoio sopra la possibile preda, passano settimane, mesi, intanto la mente del curioso si tramuta in una spugna assetata di “conoscenza” dimenticando qualsiasi appiglio alla logica e al buon senso. In questa circostanza psicologica inizia la decostruzione della psiche del neofita il quale si abbandona alle percezioni del conferenziere, al quale delega parte man mano le proprie decisioni, poiché il conferenziere sa bene che in quel frangente rappresenta archetipalmente la figura genitoriale più forte e come uno psicologo ha accesso ai sogni, decifrando a suo piacimento i messaggi da essi contenuti. Quando un’altro essere umano ha accesso ai sogni del suo prossimo e quest’altro gli delega il potere interpretativo, gli sta dando il potere supremo di giudizio e decisione sulla propria vita. Ma tutto ciò a fin di “bene” poiché il conferenziere si prodiga per dare il “buon consiglio”, magari per modificare il lavoro, o orientare il malcapitato verso una nuova/o compagna/o, dal momento che può consigliare di fare l’impossibile, il neofita esegue senza commentare, prenderà posto nell’anima del neofita come colui il quale giudica e indica il da farsi. La psicologia gnostica è utilizzata dai rappresentanti del movimento per avere il controllo dei suoi adepti, sbandierata in alcuni casi come psico-analisi e taumaturgia, paroloni per stupire i “fortunati” seguaci. Coloro i quali hanno subito il lavaggio del cervello, non si rendono conto di averne subito le conseguenze, infatti iniziano a replicare i gesti e ripetere le stupidaggini, del conferenziere, il quale inizia ad accumulare consensi tra gli adepti, favori di ogni genere, e quando l’adepto è cotto a puntino, quindi completamente rincitrullito dalle favole samaeliane, sul sesso, sullo spirito, sugli dei etc… gli porta nella seconda fase del lavaggio cerebrale, appunto la “seconda camera” attraverso la quale vi è un secondo giro di vite sulla volontà del discepolo, costringendolo di fatto a subire ore ed ore di rituali coercizzanti, (sto preparando diversi post con l’analisi di ogni singolo rituale). e quando ci si avvicina al punto di non ritorno, l’adepto approda alla terza camera, dove si raggiunge l’apoteosi della “psichiatria rivoluzionaria” con il rituale del Pratimocha al quale dedicherò interamente un post. Bhè che si pretende? Cosa poteva venire fuori da una mente che asseriva di essere un Cosmocreatore, messia della nostra era, antico sacerdote egiziano, Giulio Cesare, Tommaso da kempis, Mesmer ed infine il dio Marte in persona? Samael il serpente tentatore dell’antico testamento questa volta l’ha sparata proprio grossa, talmente grossa che molte persone ci cascano e accettano di farsi plagiare con teorie psicologiche pericolose e ridicole… )))

    commento al video…

  22. Anonimo ha detto:

    Un’esibizione degna del “Circo Medrano”….
    un misto tra…

    e….

    😀

    Mr Blue

  23. usciredallorrore ha detto:

    E’ la solita storia. Prima ti dice “non sono un guru”, e due minuti dopo ti dice “devi fare esattamente quello che ti dico, ti devi fidare”. E ovviamente la postura lì è alla Mussolini, perchè l’energia è la stessa, di potere e controllo. Ho già conosciuto altri personaggi così, e quando li vedi per quello che sono non può non nascere un po’ di schifo… Tante belle parole, ma poi non è altro che un prete.

  24. Anonimo ha detto:

    Questo “l’ultimo video”…dal minuto 55 fino alla fine: contraddizioni, sensi di colpa… posture alla mussolini per affermare il ruolo di capo…

  25. Anonimo ha detto:

    Avete visto cosa sta succedendo ora tra R.B. e uno dei suoi più vicini collaboratori? https://www.facebook.com/agenziapezzi.unici?fref=ts
    Forse siamo vicini alla fine di tutto. In ogni caso le cazzate commesse da R.B. si stanno accumulando e solo chi è cieco può continuare a non vedere. Anch’io come molti altri, ho sempre seguito i suoi video dal 2011, ma adesso proprio non ce la faccio più. Uno che è ossessionato da un progetto a tal punto da non vedere più la realtà che lo circonda non può che essere pazzo ed esaltato!

  26. Anonimo ha detto:

    Rocco dove ha messo il camice celeste e le campanelle? Ne sapete qualcosa!?

  27. Anonimo ha detto:

    Valentinus e il tuo scopo quale dovrebbe essere?
    Sveglia!!

    Mr Blue

  28. usciredallorrore ha detto:

    L’ho scritto e ripetuto, all’inizio è stato uno sfogo personale, poi col tempo ho visto che molte persone erano d’accordo con le mie osservazioni. A quanto so questa è ancora l’unica voce critica su Internet nei confronti del personaggio Rocco, e un po’ di sana e argomentata critica non ha mai fatto male a nessuno, soprattutto agli aspiranti “guru”.

  29. Valentinus ha detto:

    lo scopo di questo articolo quale dovrebbe essere?

  30. Anonimo ha detto:

    Alessio,R.B. potrebbe,al massimo,stare di fianco a Peppa Pig o a Sbirulino…..ma anche col Mago Othelma non sfigurerebbe! 😀

    Mr Blue

  31. usciredallorrore ha detto:

    Non credo. Hai mai letto qualcosa di Osho? Lo hai mai visto e sentito? Per lui la vita intera è uno scherzo, e professava continuamente che chi è sulla strada giusta diventa sempre più giocoso, e si prende sempre meno sul serio. Lui distruggeva tutto (costruzioni della mente), e non voleva rimpiazzarlo con niente. Come fai ad avere uno scontro di ego con uno così? Rocco invece vuole rimpiazzare ciò che demolisce (o tenta di demolire) con le sue fisse mentali, per questo ci sono gli scontri.

  32. Alessio ha detto:

    Usciredallorrore: “Un saluto anche a te Alex, però non mettiamo a fianco RB con OSHO… Bisogna saper discernere chi è nell’ego e chi è nella verità”. Da uno così attento a gridare “attenti al guru” mi ha meravigliato un’affermazione così ingenua. Non pensi che episodi simili a quelli di Alessia l'”indemoniata” non siano capitati anche attorno a Osho? Che ci siano persone che si sono scontrate con l’ego del leader, nascosti dalla scia di entusiasmo di massa provocata dal suo carisma?

  33. Anonimo ha detto:

    Arrrgh…katy perry….ORRIBLE!! 😀

    A parte gli scherzi,nella produzione cinematografica e musicale c’è solo l’imbarazzo della scelta…..una vera PROGRAMMAZIONE di massa!!
    (“The Matrix” compreso)

    Mr Blue

  34. usciredallorrore ha detto:

    Eh dai allora ti ribatto con questo:

    C’è tutto, mondo in rovina, robotizzazione, c’è anche il buon diavolo 😉

  35. Anonimo ha detto:

    Altro esempio di robe mascherate da narrazione video-musicale fatte passare per cazzate da intrattenimento…

    Fate attenzione a sto video : non vuol dire un cazzo è tutto basato sulla partenza dove Jagger è palesemente uno stregone e finisce con la frase ….
    “work your miracles on me” …overo rafforzanmento del pensiero magico….il tutto condito con TONNELLATE di gnocca!!! 😀

    Mr Blue

  36. usciredallorrore ha detto:

    Sì sì lady gaga era solo un esempio… Cmq hai ragione, anche questi “salvatori” non presentano mai l’orrore fino in fondo… Troppo brutto, tutti scapperebbero, e rimarrebbero senza adepti 😉

  37. Anonimo ha detto:

    @ Davide :
    Si Kubrik può essere che l’hanno gniccato….perchè forse era un po troppo esplicito ma non ne sarei così sicuro. A certi livelli,secondo me,sono dei veri e propri soldati,wachowsky compresi.
    Guarda con sta storia di “The Matrix” che cosa è venuto fuori…….gente che crede di aver capito tutto grazie ad un film…..eh certamente!! 😀
    Hai ragione le cose non sono cambiate affatto…..anzi sono peggiorate!!
    Su lady Caga hai ragione! Pensa che ci sono delle scene dei suoi video che palesemente raffigurano delle carte dei tarocchi….se le trovo te le posto.
    Ma anche Madonna,Shakira,J.Lo,e le altre ladies dello star sistem video-musicale mettono tutto esplicitamente sotto il naso dei fruitori in modo che diventi di comune dominio che ci sono pastori e pecoroni,padroni e schiavi!! (per non parlare delle pubblicità che ormai sono diventate dei canali diretti con il subconscio delle masse)
    La gerarchia va sempre ricordata al popolaccio….perchè è così che ci vedono : delle pedine sacrificabili.
    La cosa ridicola è che se c’è qualcuno che si fa pubblicità come ipotetico “salvatore” o che propone un modello “nuovo” e crea un’ambiente “esoterico” e forma adepti,potete stare sicuri che,anche se all’inizio è in buona fede,poi si corrompe e vi inchiappetta perchè è sicuro che è dal principio che si è lasciato prendere la mano (o non avrebbe creato un cazzo di così esplicito,men che meno gruppi pubblicizzati addirittura su facebook 😀 ) e ormai (sempre se è in buona fede….sennò è molto peggio) non se ne accorge neanche più perchè si è gonfiato come lo Zeppelin.

    Mr Blue

  38. usciredallorrore ha detto:

    Ciao mr Blue, mi sa che Kubrik l’hanno fatto fuori a causa di quel film. E’ stata, tra l’altro, l’ultima goccia… Anche altri suoi film rivelano, a ben vedere, cose importanti, a cominciare dal grandissimo dottor stranamore. Hai notato poi la somiglianza della scena di metropolis che hai citato con alcuni video di Lady Gaga? Come a dire, le cose sono cambiate poco…

  39. Anonimo ha detto:

    Sacerdotesse e magia sexualis

    Eyes Wide Shut (Stanley Kubrik 1999)

    Metropolis (Fritz Lang 1927)

    Ce n’è una marea di films così.

    Mr Blue

  40. Anonimo ha detto:

    Un film interessante sull’argomento è “Nameless-Entità nascosta” di Jaume Balaguero.
    Altro film dello stesso regista è “Darkness” sempre su sacrifici di bambini,ma ce ne sono purtroppo un casino.
    Se poi andiamo su roba più “soft” c’è solo l’imbarazzo della scelta.
    Di cosa credi che parli “Eyes wide shut” di Stanley KubriK?

    Mr Blue

  41. Anonimo ha detto:

    @ Darby Crash
    // Nessun film o romanzo dell’orrore aveva mai neanche immaginato una cosa del genere, perché se un romanzo o un film veicolassero la verità, il romanziere o il regista verrebbero uccisi.//

    Non mi sembra proprio…..Hollywood è il maggior canale mondiale per la diffusione di ste robe mascherate da narrazione di fantasia.
    Uno dei loro riti è fare vedere cosa combinano pubblicamente alla massa,facendolo passare per opere cinematografico-teatrali.
    Tutta la produzione di Stephen King (oltre ad altri mille autori) è basata su ste cose.

    Mr Blue

  42. Anonimo ha detto:

    @ Anonimo
    30 marzo 2015 alle 09:35
    // Troppe cose invece che fanno cadere in una trappola occulta/occultata un’anima dalla quale attingere e nulla di più.//

    …..ovvero cibo per l’eggregora del culto che si è creato che può essere preesistente oppure creata per l’occasione.
    Era già stato fatto notare,il problema è che bisogna SVEGLIARSI……ma non come dice rocco : bisogna svegliarsi veramente! 😀

    Mr Blue

  43. Anonimo ha detto:

    Ooohh! Finalmente qualcuno ci è arrivato al volo!
    E’ esattamente così, puro nutrimento di energia sessuale per arrivare a una sorta di potere (anche se minimo) per raggiungere scopi e obbiettivi e niente di più.
    Organizzazioni occulte e molto importanti sicuramente si servono di sacrifici umani (orribile anche solo a pensarlo) utilizzando bimbi e sapete perché?
    Nei bimbi, oltre alla loro ambita purezza d’animo, scorre un sangue che contiene le stesse sostanze dell’ ayahuasca e quindi potete ben immaginare che razza di cocktail ne viene fuori.

    Detto questo specifico che non solo attraverso questo mezzo si arriva ad ottenere un risultato, ma anche captando un’anima giovane e ingenua che manifesta (per chi lo sa cogliere) una certa “qualità energetica”.
    – Io “R. tu consigli senza obbligo parecchi testi da leggere che non solo sono delle mappazze, ma nemmeno uno scherzo! Io che sono totalmente a digiuno non saprei proprio da quale iniziare. Cosa mi consigli?”
    – R. “Lascia perdere, tu vai bene così come sei. Sei un otre nuova. Ti dico un segreto: quasi tutte le cose che dico e consiglio servono ai maschi, perché hanno la testa di legno tagliata con un’accetta”

    Durante la recitazione di una “preghiera” particolare che si recitava formando un cerchio di persone, la donna con le mestruazioni veniva posta al centro.

    1+1+1+1+1…troppi indizi che dovrebbero far capire tante cose a coloro che si accostano a queste pratiche o al soggetto che le propone.
    Troppe cose invece che fanno cadere in una trappola occulta/occultata un’anima dalla quale attingere e nulla di più.

  44. usciredallorrore ha detto:

    Grazie a te per essere intervenuto. Sì, in effetti la quantità di bambini che scompaiono in Italia e nel mondo è impressionante, tanto che se lo dici alla gente non ci crede. Anni fa ho avuto una discussione con mia sorella, la quale sosteneva che i minore scomparsi fossero solo quelli di cui parlava la TV. Neanche di fronte ai dati del ministero degli interni si è convinta. Quella di cui parli è una di quelle cose troppo orribili per essere accettate dal signor Rossi… Vieni semplicemente ignorata, come si ignorano tanti altri orrori di questo sistema.

  45. Darby Crash ha detto:

    Per il lavoro spirituale e più elevato si deve scegliere di conseguenza quella vittima che contiene la forza più grande e più pura. Un bambino maschio dall’innocenza perfetta e dall’intelligenza superiore è la vittima più soddisfacente e più appropriata […]. Ma il sacrificio di sangue, sebbene più pericoloso, è il più efficace; e per quasi tutti gli scopi il sacrificio umano è il migliore» (A. Crowley, Magick In Theory and Practice, Magickal Childe Publishing Inc., 1990, pag 95-96)

    Nessun film o romanzo dell’orrore aveva mai neanche immaginato una cosa del genere, perché se un romanzo o un film veicolassero la verità, il romanziere o il regista verrebbero uccisi.

    In Italia scompaiono circa 2000 minori l’anno, di cui quasi la metà non verrà mai ritrovata.

    La maggior parte scompare senza che nessuno se ne occupi, nel silenzio più totale dei media.

    A questa cifra dobbiamo aggiungere quella relativa a bambini Rom, e a extracomunitari senza permessi di soggiorno.

    Si calcola in circa 100.000 l’anno i bambini che scompaiono nel nulla nel mondo.

    Grazie per avermi risposto. Complimenti per la tua dialettica ed i tuoi articoli. Tu saresti un ottimo conferenziere!

  46. usciredallorrore ha detto:

    Strano intervento, che c’entra David Icke? Comunque ti rispondo. Anch’io ho amato i libri di Lovecraft, anche se li ho letti tanti anni fa. Riguardo ad Aleister Crowley ho letto solo un libro e mi è sembrato che la sapesse lunga, tuttavia non mi ha appassionato. Se è in qualche modo legato alla formazione dell’ignobile elite planetaria attuale non può che avere il mio disprezzo. Riguardo a Rocco… bò. Sì forse punta solo a trombare, credo inconsciamente.

  47. Darby Crash ha detto:

    6 ore di David Icke… stravagante, simpatico, profondo, empatico, saggio, umile, (ha bevuto l’ ayahuasca! Quando l’ ha detto non ci potevo credere!), semplicemente una conferenza incredibile, sia dal punto di vista spirituale sia dal punto fantascientifico! Sicuramente le persone che nomina servono le basse energie vibrazionali e le entità arcontiche che se ne nutrono: satanisti, pedofili, omicidi… occhio a nominare così tranquillamente Alaister Crowley, se possibile il peggiore di tutti! Questa gente compie riti blasfemi ed infami tra i quali il meno peggio è quello della ‘morte dell’ empatia’. Per questi soggetti condannare a morte 3.000 persone o bambini spaventati per i loro loschi disegni equivale a sputare in terra, sono d’accordo! Ma rettili… (comunque sono un appassionato di fantascienza, il grande HP Lovecraft, il solitario di Providence, uno dei miei scrittori e profeti preferiti e quindi ho ascoltato anche quella parte, perché raccontata da lui fila, ha un senso logico, It works! ). Icke, anche con le sue stravaganze, è senz’ altro uno dei catalizzatori del risveglio globale.
    Ho sentito nominare R. B. da una persona che reputo seria, di conseguenza sono andato a vedere di cosa si trattava… 16 minuti ho retto.
    Questa persona non sa di cosa sta parlando. Fa una confusione enorme. Non è un conferenziere, ora ho capito! Gli serve per trombare! Allora non si potrebbe saltare la prima parte? Tanto la giustificazione spirituale non serve (e poi non gli riesce!), e passare direttamente al sodo?

  48. Anonimo ha detto:

    Wow….siamo giunti all’epilogo!! 😀

    Mr Blue

  49. Anonimo ha detto:

    ((p.s. : nei contesti esoterici non viene rilasciato nessun tipo di certificazione o diploma per poi poter “insegnare”. Tutto si basa solo su alti gradi di responsabilità che un soggetto si dovrebbe assumere coerentemente. .))
    Ciao Alex,il problema dei “contesti esoterici” o “Schole” è come dici tu direttamente proporzionale al grado di responsabilità e al grado di “pallone gonfiato” che il guru di turno ritiene di avere : se cresce un’aspetto,giocoforza,cala l’altro e viceversa. (tipo il “male dell’agnello”:-)))
    Ma agevoliamo una carrellata di importanti “gran sacerdoti” fondamentali per il progresso spirituale dell’umanità…

    😀 😀 :-)))

    Mr Blue

  50. Alex ha detto:

    p.s. : nei contesti esoterici non viene rilasciato nessun tipo di certificazione o diploma per poi poter “insegnare”. Tutto si basa solo su alti gradi di responsabilità che un soggetto si dovrebbe assumere coerentemente. .

  51. Alex ha detto:

    Sì, vien da dire anche a me “ma che palle!”.
    Anch’io ho sono mossa da una gran voglia di vivere e mi assumo le responsabilità dei risultati belli o brutti che scaturiscono dalle varie esperienze che mi procuro in quanto spinta dal mio innato senso di curiosità verso tutto ciò che arricchisce e mi risuona, responsabilità che in quel contesto ho pagato senza pentimento alcuno con l’emarginazione e soprattutto l’infamia.

    Caro Anonimo, cosa cercavo da R.B.? Da lui nulla! Al limite la domanda andrebbe posta in senso inverso, perchè per quanto riguarda me sono stata attratta verso quel contesto per un semplice ed inspiegabile sentore che arrivava da molto lontano e questo è testimoniato dal fatto che non avendo mai partecipato a nulla pur vivendo in una città dove corsi, seminari e conferenze non si sprecano, stranamente non ho esitato a prendere l’auto e dirigermi verso il Vigentino dopo aver visto i primissimi video pubblicati su you tube, sottolineando che non sapevo proprio un bel nulla su simbologia, esoterismo e termini specifici che usava.
    Sicuramente non ero in cerca di bisogni, di visibilità o di sentirmi accettata da qualcuno e se da questi presupposti invece ne è nato un rapporto abbastanza stretto è perché al contrario sono stata “notata ed identificata”, il che mi ha fatto “guadagnare” determinati e inaspettati “privilegi”.

    Ciò che mi ha colpito è stato senz’altro il modo simpatico, stravagante ed estremamente genuino nel metodo di comunicazione, ma il richiamo più forte arrivava dagli argomenti trattati.
    Denoto che leggi molto superficialmente quel che viene esposto e giri la frittata come ti pare e piace con le classiche frasi “tu non mi conosci, porta rispetto” e “mi pari molto coinvolta”, “stai calma”.
    Le verità sono scomode, lo so…e le reazioni dinnanzi alle evidenze sembrano sfornate con un unico stampino…sono abituata.

    Anche io ho conosciuto R. così come lo descrivi tu e non ho mai sostenuto che questo suo lato sia falso o opportunista, peccato però che a differenza tua mi sono inoltrata più nello specifico personale e se proprio vuoi fare la gara di “chi lo conosce di più capisce di più” sappi che è stato ospite diverse volte a casa mia con la sua compagna (ed io pure da loro), ho praticato massaggi olistici ad entrambi e ho vissuto vari contesti di scambio al di fuori delle conferenze e della CAMERA ESOTERICA.
    Perché ti dico questo? Forse per vantarmi o differenziarmi?
    No…è solo per dirti che ho dettagli a iosa per gettare del vero fango mentre invece qui mi sono solo limitata a portare dei fatti per “onor di cronaca”, perché questo suo “lato esoterico” occulto/occultato e il suo modo di agire lontano dallo sguardo di massa siano di aiuto per poter esercitare un sano libero arbitrio nello scegliere come, dove e quanto poter dirigere e spendere le proprie energie.
    Altro aspetto (non meno importante) è il rispetto proprio verso l’esperienza di arricchimento che si è potuta manifestare attraverso e grazie a loro e quel che conservo nel mio animo, nonostante tutto, sono dei bellissimi ricordi di momenti vissuti molto intensamente.

    Non è mia intenzione smontare le tue supercazzole: sostienile pure con tenacia se questo ti fa stare bene nel mondo 😉

    Firmato: Alex l’indemoniata 😀

  52. usciredallorrore ha detto:

    Oh che palle con sta storia del “non lo conosci”, ho descritto semplicemente la mia esperienza, non inventandomi nulla, e non mi sembra di aver mai affermato di conoscerlo bene. Quindi? Che hai da dire? Non mi è di aiuto? Ma lascia perdere, cosa sei il mio maestro? Che supponenza… E poi guarda che qui c’è anche gente che invece l’ha conosciuto, e anche bene, e conferma la mia impressione, e allora? La tua opinione è quella giusta, e quella degli altri no? Tipico della mentalità roccobruniana ritirarsi dal confronto e sostenere di essere gli unici depositari della verità.

  53. Anonimo ha detto:

    @Uscire..
    Hai ragione sul fatto che ci siano molte contraddizioni, io stesso lo ho sottolineato. Insisto nel dirti che non lo hai conosciuto direttamente, e per quante cose super sensate e coerenti da un punto di vista logico tu possa dire, di fatto non conosci la persona. Che tu lo voglia o meno, questo fa la differenza. Io non sto difendendo Rocco, affermo che ti muove uno spirito di rivalsa nei confronti di una persona che, di fatto, non conosci, e questo non ti è d’aiuto, a mio parere. Grazie.
    @Alex
    Ciao, io non conosco te, ma tu non conosci me, e ti prego di ricordartelo nel caso in cui tu voglia continuare a rivolgerti nei miei confronti dando per scontate tutte le cose che stai dando per scontate. Mantieniti tranquilla, si capisce che sei molto coinvolta, proviamo però a comunicare, per favore, grazie.
    Quando affermo che Rocco non ha approfondito alcuna disciplina intendo proprio quello che ho detto. Non importa quanti anni lui abbia passato con chi e dove. Io ho conosciuto chi ha approfondito una disciplina e può a pieno titolo insegnarla, so di cosa parlo.
    Rocco, a mio parere, non dovrebbe insegnare alcuna pratica della quale non sia davvero esperto. La sua funzione, come ho già avuto modo di dire, attiene ad altro.
    Sul fatto che io abbia necessità di consolidare mie eventuali convinzioni negandomi di guardare in faccia la realtà, come mi pare tu abbia detto, anche qui ti invito alla calma, non sai chi sono, non sai a chi ti stai rivolgendo, grazie.
    Rocco Bruno è una persona che ha tanta voglia di vivere, e nell’aver voglia di vivere fa tante cagate come le facciamo tutti.
    Ti tranquillizzo dandoti ragione su una tua affermazione, io sono effettivamente ben lungi dall’essermi lasciato “Matrix” alle spalle. Mi spiace solo che tu abbia deciso di capire tutto ciò basandoti (tu si!) sulle tue impressioni, dato che, ripeto, non mi conosci. Grazie.
    Io vorrei chiederti, se non sono indiscreto, cosa speravi di trovare quando hai cercato/trovato Rocco? Grazie
    Ciao

  54. Anonimo ha detto:

    Oh….Alex,c’è anche il quadretto con il gallo…..solo che li mi sembra più un galletto amburghese che un gallo cedrone. :-)))
    PS: guarda nel linki bottoni sono 12 anche li,è lo stesso culto pari pari.

    In generale: ma veramente pensate che un’ipotetico risveglio passi per questi travestimenti e liturgie?
    Mah…..contenti voi….

    Mr Blue

  55. usciredallorrore ha detto:

    Un saluto anche a te Alex, però non mettiamo a fianco RB con OSHO… Bisogna saper discernere chi è nell’ego e chi è nella verità. La comunità di Osho stava facendo paura al sistema costituito, perchè aveva davvero l’energia d’amore necessaria per cambiarlo. Infatti sai com’è finita, no? Incarceramento e avvelenamento da Polonio… La comunità di Rocco al massimo potrà far paura a chi vi partecipa. E il sistema se la ride alla grossa…

  56. usciredallorrore ha detto:

    Bè non ho conosciuto Rocco direttamente, però ho avuto a che fare con lui, come ho scritto nell’articolo, e le mie conclusioni sono quelle. Questa cosa che ripete sempre Rocco che su Internet non si può comunicare è per me una grossa cazzata (e tra l’altro in ciò si contraddice mostruosamente, perchè lui ha basato tutto su Internet…). Anche dagli atteggiamenti su Internet si possono capire molte cose. Per esempio, dal suo atteggiamento con me ho capito tutti i limiti del personaggio. E’ curioso che finora NESSUNO di quelli che difendono Rocco è sceso nel merito di quanto ho scritto nell’articolo. Eppure, secondo me si tratta di un atteggiamento che rivela molte cose: supponenza, ignoranza, uso “televisivo” dei social network e tentativo di manipolazione. Tutte cose abbastanza gravine dire, no? Ma voi tutti le ignorate, come ignorate tutta la questione samaeliana…

  57. Alex ha detto:

    Ussignùr, ma le tuniche sono uguali! …e pure il cordone bianco!
    Le differenze consistevano nei bottoni che erano anch’essi blu e 12 ( a detta di R.B. per simboleggiare gli apostoli) e non vi era differenza di colore nelle tuniche atta a distinguere “gradi superiori”.
    Ah…il “gran sacerdote” R.B. indossava al collo un crocione esagerato tanto che a prima vista mi impressionò a piè pari di una grottesca carnevalata.

    ” il fatto che Rocco, non essendo un maestro, e non avendo seguito approfonditamente alcuna disciplina specifica, non possiede le capacità per insegnare seriamente molte delle pratiche che cerca di trasmettere. Quest’ultimo è a mio parere un limite che dovrebbe considerare molto seriamente, visto il suo lodevole intento ”

    Non avendo seguito approfonditamente alcuna disciplina???
    Caro anonimo… e gli anni che ha passato all’interno del cerchio di Samael Au Weor coprendo l’incarico di sacerdote anche in quel contesto…dove li mettiamo?
    Qui non si sta facendo polemica o ritorsioni a scopo vendicativo, ma si sta cercando di mettere in luce una reale biografia del soggetto in questione che, se non si fosse tanto prodigato nel rendersi visibile in almeno 30 diversi tipi di canali di divulgazione web, avrebbe potuto tranquillamente fare tutti i pastrocchi che voleva passando inosservato.
    La conoscenza passa anche attraverso una possibile informazione a 360°, ma a me pare che tu la stia evidentemente negando a te stesso per poter mantenere salde le convinzioni acquisite in due anni di frequentazione.
    Ciò che fa bene, che risuona e che arricchisce non va per nulla rinnegato o gettato nei meandri della dimenticanza e questo si chiama “distillare l’essenza” dove, non a caso, l’antica saggezza buddista si ripete attraverso il detto “segui la parola e non la persona”, ma detto ciò,e perdonami, quel che scrivi sembrano dei papiri di supercazzole che assumono direzioni dettate dalle tue impressioni e che francamente denotano un’ancor lontanissima uscita da quella Matrix tanto osteggiata, perché se nei video divulgati si parla tanto di corsi e ricorsi della storia…vorrei sapere cosa cambia se al posto di un ashram sorgerà uno Zion e se al posto di un Sai Baba o di un Osho
    chi professa con tanto ardore/ardire si chiama R.B.

    Anch’io se dovessi incontrare di nuovo il mio ex mentore lo abbraccerei di vero cuore nonostante tutto, perchè appunto è un Essere Umano e come tutti con doti e difetti, ma…
    lui sarebbe in grado di fare la stessa cosa?
    Per sua coerenza…mi auspico di sì.
    Un saluto a Davide e a Mr. Blue

  58. Anonimo ha detto:

    Ciao. Sinceramente si, mi sembri soprattutto polemico, e mi spiego meglio. Il tuo non mi pare l’atteggiamento di un ricercatore per come io lo intendo. Il tuo post, per tua stessa ammissione, nasce da un atteggiamento di rivalsa, e questo offusca la possibilità di andare davvero oltre. Io vedo i limiti che può avere il lavoro di Rocco in tutte le sue sfaccettature, non lo ho scelto come guida perché non lo vedo come tale, ma ho tratto giovamento dall’averlo conosciuto direttamente e lo percepisco come una persona sincera e sanguigna. Non vedo un sbocco costruttivo nel tuo post, e sicuramente vedo molta ceca morbosità fra i commenti di alcuni utenti. Ritengo che prima di distruggere una persona è meglio, quantomeno, conoscerla direttamente. Se sei una persona intelligente, come mi pare tu sia, non potrai non concordare. Buona giornata. Ciao.

  59. Anonimo ha detto:

    Si sono samaeliani
    Qui c’è tutto nel dettaglio
    http://lagnosisdevelada.com/samael-y-su-gnosis/la-liturgia-gnostica-develada-t309.html
    Per fortuna che non centrava nulla con i samaeliani.
    Quello che ha descritto Alex c’è tutto,pure l’iside velata o sacerdotessa muta.

    Mr Blue

  60. usciredallorrore ha detto:

    Ma chi sono? Samaeliani?

  61. Anonimo ha detto:

    Tanto per capire…

    Mr Blue

  62. usciredallorrore ha detto:

    Non so, ti sono sembrato unicamente polemico finora? Hai visto com’è nato l’articolo, poi alla fine questo è almeno un posto in cui si può parlare dell’argomento liberamente.

  63. Anonimo ha detto:

    ((Per quanto concerne la ritualistica, non sono certo di capire a cosa tu ti riferisca.))

    Ti risopondo io:
    Un’utente del blog (avendovi partecipato),ha descritto dettagliatamente una ritualistica segreta con tanto di liturgia e ruoli da adepti e DIVISE da sacerdote da e sacerdotesse da indossare e di una sorta di liturgia che viene praticata in segreto.
    Ha anche descritto di essere stata accusata di essere un’indemoniata da parte del capo del culto
    quando ha iniziato ad evidenziare certe cose che aveva notato.
    Anche se in maniera più blanda una forma mentis da sant’uffizzio.
    SOTTOLINEO che anche tu,come gli altri,salti pari pari queste cose quando invece sono scritte chiaramente e scevre da possibilità di fraintendimento.

    ((il fatto che Rocco, non essendo un maestro, e non avendo seguito approfonditamente alcuna disciplina specifica, non possiede le capacità per insegnare seriamente molte delle pratiche che cerca di trasmettere. Quest’ultimo è a mio parere un limite che dovrebbe considerare molto seriamente, visto il suo lodevole intento.))

    Bene,è come se mi dici che uno che decide di fare il bagnino lo fa con la ciambella (con la paperella :-))) ed i braccioli perchè non sa nuotare!!Non se ne rende conto? Forse la gente dopo un po se ne accorge…tu che ne dici?
    Ma di cosa stiamo parlando???
    :-))

    Mr Blue

  64. Anonimo ha detto:

    Ciao. Riguardo camici e ostie consacrate non saprei che dirti, o meglio, c’è stata a suo tempo la possibilità che si potesse lavorare in un gruppo più focalizzato, e per questo veniva richiesto un camice da far fare, uguale per tutti, un po’ come quando pratichi una disciplina, una sorta di divisa.
    Non arrivai a farlo poiché ritenni di aver tratto ciò che mi serviva dalla fase precedente, ed anche perché non ero convinto di ciò che sarei andato a fare. Nel mio caso venivo poi da altri territori che ritenevo, da un punto di vista pratico, molto più convincenti. Non intendo con questo bollare o giudicare coloro che hanno voluto accedere a questa fase. Ad oggi non so se esiste ancora la ritualista cui tu accenni. Posso però chiederti perché sei così interessato a questi aspetti? Non mi è ben chiaro se il tuo è un interesse legato ad un desiderio di ricerca oppure una presa di posizione unicamente polemica nei confronti dell’amico Rocco. Grazie ancora.

  65. usciredallorrore ha detto:

    Ok Anonimo, qui sei stato già un po’ più chiaro. Mi rimane solo il dubbio riguardante i camici blu con bottoni e le ostie consacrate, non sai niente di quelle? Mi sembrano importanti perchè un conto è proporre alcune pratiche, un altro è stabilire una ritualistica.

  66. Anonimo ha detto:

    Ciao. nel riassumere hai tralasciato la parte alla quale io ho dato più importanza, ovvero quella legata alla funzione che io attribuisco all’intento legato alla persona. Questo concetto, per chi ha voglia di indagarlo verificandolo direttamente è nodale. naturalmente è necessario il bisogno derivante dall’urgenza cui accenno sempre nel mio intervento. Senza questo aspetto tutto è vano.
    Per quanto concerne la ritualistica, non sono certo di capire a cosa tu ti riferisca.
    Se intendi le pratiche cui Rocco si appoggia al fine di promuovere quello stato, chiamiamolo di particolare sensibilità, che ci consente di prendere maggiore confidenza con ciò che potremmo veramente essere, allora credo che tali pratiche possano tornare utili certamente a lui. Non so in quale misura possano invece tornare utili a coloro che partecipano insieme con lui, per almeno due motivi. Il primo di questi è dato dal fatto che la maggiorparte delle persone che lo frequentano non è per nulla disciplinata, nè realmente bisognosa, pertanto si cade con facilità in svariate tipologie di mostruosità. Il secondo motivo rientra nel già affrontato aspetto inerente il fatto che Rocco, non essendo un maestro, e non avendo seguito approfonditamente alcuna disciplina specifica, non possiede le capacità per insegnare seriamente molte delle pratiche che cerca di trasmettere. Quest’ultimo è a mio parere un limite che dovrebbe considerare molto seriamente, visto il suo lodevole intento.
    Ciò detto, io ho eseguito alcune pratiche inerenti soprattutto tecniche di vocalizzazione e da queste ho personalmente saputo trarne qualche profitto. Eviterei di pronunciarmi su altro.
    Se non ho risposto, ti prego di riformularmi più dettagliatamente la tua richiesta, grazie.

  67. Anonimo ha detto:

    @Davide:
    Non ci sono speranze!!
    :-))
    @ Anonimo:
    Ma l’hai letta la testimonianza di Alex???
    PS:
    Hai usato 69 righe per siegare,male,quello che Davide ha capito e che ha espresso con 6 righe.
    Riguardo al zuppone di pratiche proposte,se le hai fatte……
    Intelligenti Pauca.
    :-))

    Mr Blue

  68. usciredallorrore ha detto:

    Figurati anonimo, quello che hai detto è: Rocco mediatico ha i suoi limiti, ma Rocco persona mi sembra sempre una persona di cuore. Ho riassunto bene? Però scusa non mi sembra tu abbia parlato di un altro aspetto. Anche dai commenti qui è venuto fuori che al di là dell’aspetto mediatico c’è tutta la parte ritualistica dietro, tu non hai esperienza di quella?

  69. Anonimo ha detto:

    Ciao.
    Dopo essere incappato nel tuo intervento ne ho letto il contenuto. Comprendo bene i motivi per i quali, qualcosa in te ha deciso di rendersi protagonista. Comprendo altresì le motivazioni che muovono la maggiorparte dei commenti presenti sotto al tuo intervento. Ho trovato particolarmente interessanti le dissertazioni occorse negli scambi con l’utente “Lupo nella Notte”, con il quale condivido certamente gli studi legati alle scienze naturali igienistiche.
    Vorrei spostare l’attenzione su Rocco Bruno riportando quella che è stata la mia personale esperienza con lui. Spero di poter aggiungere qualcosa di nuovo e mi scuso anticipatamente con coloro i quali dovessero sentirsi urtati dai modi che utilizzerò nell’intento di voler comunicare.
    Quando ho detto che “comprendo”, intendo dire che conosco abbastanza bene i processi che portano a determinate conclusioni in attinenza all’osservazione del fenomeno mediatico legato alla persona di Rocco.
    Il fenomeno mediatico e la persona sono, a mio parere, due cose molto diverse fra loro. Ma oserei oltre dicendo che la funzione espletata dalla persona, prescinde dalla persona stessa rispondente al nome di Rocco Bruno.
    Mi spiegherò meglio, se possibile.
    Il fenomeno mediatico esprime tutti i limiti del “personaggio” che ne scaturisce. In quest’ottica è sin troppo semplice rilevare un’alto livello di contraddittorietà che traspare dagli atteggiamenti dei quali la persona si rende protagonista durante gli incontri fruibili virtualmente, piuttosto che non negli intenti palesati attraverso le recenti iniziative pervenute pubblicamente. Allo stesso personaggio si possono imputare alcune scelte non felicissime inerenti le sue decisioni nel rapportarsi con coloro i quali, in varia specie ed attraverso svariate metodiche, per i più disparati motivi, tentano di avvicinarsi cercando la persona.
    Questo è un primo aspetto e sottolineo che non ho fatto un utilizzo casuale delle parole.
    Parlando della persona, io ho potuto rilevare, avendolo frequentato per un paio di anni, molto di ciò che, attraverso una conoscenza a distanza, non è possibile intuire né verificare.
    L’esperienza approfondita inerente gli svariati ambiti che Rocco abbraccia trasversalmente nelle sue dissertazioni non è certamente prerogativa che lo contraddistingue, ed unita alla scelta specifica che ha fatto nel non voler perfezionarsi come relatore organizzato e disciplinato, confermano ciò che la persona non è e ha sempre dichiarato di non voler essere, ovvero un maestro, una guida, un relatore.
    Io, sempre soffermandomi su questo secondo aspetto, posso parlare di cosa mi è rimasto dai contatti con la persona.
    Checché se ne possa obiettare, io ho percepito Rocco come una persona di cuore, diretta e senza secondi fini. Se lo riincontrassi oggi non avrei problemi ad abbracciarlo con trasporto e senza riserve.
    Il terzo aspetto è quello relativo alla funzione esplicitata dal suo lavoro, alla quale ho accennato come elemento che prescinde dalla persona stessa.
    Nel periodo in cui ho incontrato Rocco ed i suoi contenuti, io “avevo un’urgenza”, e questa affermazione necessita di una spiegazione al fine di non cadere nello strascico dei fraintendimenti.
    Quello che la persona dice, le pratiche cui si affida, le scelte di atteggiarsi in un modo piuttosto che in un altro con le persone che lo circondano, finanche le sue iniziative apparentemente contraddittorie per molti di coloro che lo hanno in qualche modo raggiunto, non parlano alla persona poco “bisognosa” della funzione espletata per mezzo della persona Rocco Bruno.
    La funzione in questione è un unico impulso caratterizzato dalla forza di un intento e che perviene tramite la vibrazione trasmessa sentitamente dalla persona oggetto di questa discussione.
    Il concetto appena espresso contiene, a mio parere, l’unica ragione per cui possa valere la pena andare oltre il personaggio legato al fenomeno mediatico ed oltre i fraintendimenti sussistenti nei rapporti fra persone che, per quanto dotate di intelligenza, non intendono davvero avvalersi della funzione di un impulso del quale non sentono interamente ed imperiosamente il bisogno, e che pertanto non riconoscono poiché nascosto, per costoro, da una coltre impenetrabile di ottime e giustificantissime apparenze.
    Se si ha la fortuna di trovarsi nell’urgenza e la possibilità di agire di rapina ove si incontra la funzione adatta nel momento opportuno, continuare ad avere un rapporto diretto con colui che dispensa tale funzione non ha neppure più senso.
    A mio parere, saper essere riconoscenti nei confronti di un tale tipo di ambasciatore è un valore indispensabile. A questo non intendo sottrarmi.
    Grazie per avermi consentito di esprimere la mia opinione.

  70. Anonimo ha detto:

    @Davide
    Si,diciamo che l’esperimento di Asch spiega parecchie cose dell’andazzo della società umana in generale e di come è facile pilotare l’opinione di gruppi,dai piccoli fino a livello globale.
    Un’altra cosa che evidenzia è che dove c’è “branco”,c’è per forza un CAPOBRANCO e quindi non può esserci vera libertà di pensiero se lo scopo del “capo” è celato ai sottoposti,ovvero è diverso da quello che invece si propaganda.

    Mr Blue

  71. usciredallorrore ha detto:

    Ciao mr Blue conosco da tempo gli esperimenti di Asch sul conformismo, ma è sempre bene ricordarli. Questi esperimenti sono utili per trovare una spiegazione non solo al fenomeno Rocco, ma anche all’infinità di assurdità che si beve la gente, a cominciare dall’11 settembre. In realtà da quegli esperimenti si vede che in pochissimi cercano la verità: la maggioranza è impegnata solo ad essere accettata dai suoi simili (idioti). Accettano di credere ad assurdità, pur di essere accettati…

  72. Anonimo ha detto:

    Alex,questo esperimento un po spiega perchè tu non riuscivi a capacitarti del fatto che gli altri adepti non ravvisassero le incongruenze che tu, giustamente ,notavi.

    @Davide:
    Spero che lo pubblicherai perchè mi sembra una cosa utile per tutti.
    Ciao e grazie.

    Mr Blue

  73. usciredallorrore ha detto:

    Ragazzi, la discussione finora mi è sembrata interessante e quindi ho fatto volentieri da mediatore, però mi sembra che adesso la stiamo tirando un po’ per le lunghe, e stiamo anche andando un po’ fuori dal seminato. Per questo non ho pubblicato alcuni post. A dirvi la verità sono anche stanchino di parlare di Rocco, ormai per me la situazione è chiara, e come ho già detto ci sono diverse altre cose, più vere e interessanti, a cui vorrei dedicarmi. Se Alessio, Daniele o altri vogliono comunicare, possono farlo in privato via mail o in una altra sede, no? O dovete per forza farlo qui? I post che riterrò interessanti verranno sempre pubblicati, per gli altri spero che nessuno se la prenda.

  74. Alessio ha detto:

    Che succede? Non ho superato la censura? 🙂

  75. usciredallorrore ha detto:

    Guarda Alex se devo dirti la verità ho visto i due post, e ho tenuto quello col nome perchè preferisco rivolgermi a chi interviene come Pietro o Paolo piuttosto che come Anonimo1, Anonimo2, ecc. Ho pensato che se avevi scritto utilizzando la tua mail non c’erano problemi di anonimato. E se mi scrivevi di ignorare il primo post l’avrei fatto. Mi è venuto solo un dubbio la notte, prima di andare a dormire: eri tu che mi mandavi le maledizioni? 🙂

  76. Daniele ha detto:

    Certo Alexia, fai bene a prenderla come una lezione di vita, perché nel tuo caso lo è stata. Io non sono contrario al concetto di “sbattere” la testa per capire che il muro è duro. Il “problema” è che non tutti hanno la stessa testa, non tutti “sopravvivono” allo scontro, certi si vanno a spiaccicare contro il muro come insetti contro il parabrezza…non hanno la possibilità di imparare nulla quindi, almeno in questa vita.
    Ovviamente non parlo per sentito dire, alcune mie conoscenze hanno fatto questa fine purtroppo, non hanno retto il forte impatto e hanno fatto la fine dell’insetto. Oltre che alle mie conoscenze dirette e indirette ne ho sentite tante sia in internet sia tramite il resoconto di altre persone.
    Quindi il discorso “lasciamoli fare” mi sta bene fino a un certo punto.
    Ovviamente non mi riferisco in particolare a Rocco e suoi fratelli, per quanto ne so io nessuno s’è mai ammazzato…il mio è un discorso generale, che abbraccia l’insieme di queste sette pseudo-spirituali.
    Non mi ergo a paladino di nessuno, sono uno che s’è rotto il cazzo degli approfittatori e dei ciarlatani, che per quanto “innocui” siano, danneggiano comunque le persone, fosse anche solo dal lato economico, e io le voglio semplicemente mettere in guardia.
    Per quanto io sia giovane in età (30) mi considero uno “vecchia scuola”, va bene la “spiritualità”, ma fino a un certo punto, quando lo zampino peloso di certi individui o gruppi di individui va ficcarsi nella vita delle persone la spiritualità va messa da parte, almeno per quanto riguarda me stesso e i miei cari.
    E qui veniamo al “demone”: Meglio averlo e non “usarlo”, piuttosto che non averlo e fare la fine dell’insetto.
    Spero che il mio metaforizzare i concetti si capisca…non vorrei essere scambiato per uno che va in giro armato… XD

  77. Alex ha detto:

    p.s. Davide…sei un fetentone però!
    Avevo inviato doppio post: uno con nome visibile e uno con anonimo e tu cosa hai scelto di pubblicare?
    Ti addebiterò le spese di un’eventuale rogo in piazza 😀

  78. Alex ha detto:

    Bhè che dire…al limite mi manderanno qualche maleficio gnostico 😀
    Di certo non mi tiro indietro dinnanzi a eventuali responsabilità, anche se comunque non sto ingiuriando nessuno come al contrario è stato fatto con me, ma mi limito a riportare una cronaca veritiera, in modo che le persone possano farsi un’idea a 360° specialmente ora che il progetto dello zio(n) si sta arricchendo sempre più di effetti speciali
    Segretezza? Ma quale suvvia! Che si assumano almeno il rischio nell’ accogliere adepti senza fornire alcun tipo di preparazione!
    …non saranno certo questi miei dettagli a portare chissà quale sconquasso: non sono nessuno e felice d’esserlo.

  79. Anonimo ha detto:

    Alex…..ti hanno dato dell’indemoniata…..in quei contesti,quando uno dice cose che mettono in discussione la leadersheep è normale. E’ un sistema che usano sti poracci di “esoteristi” con manie di grandezza….e con laurea a “buffonis causa”….
    Il problema è che vanno a pescare in un bacino di utenza inesauribile,come è sempre stato.
    Ai lettori del blog,consiglio di fare ricerche sulle varie “Schole” che sono fiorite in europa dai primi dell’ottocento e vedere le relazioni che si sono,anche inconsapevolmente,tramandate fino a oggi a gruppi e gruppuscoli,senza però fare l’errore di considerare le fonti antichissime come la stessa cosa di queste derive new age e para massoniche.
    La cosa da ridere e scompisciarsi è che,in maniera molto più blanda,la stessa tecnica della “demonizzazione” di un elemto per loro disturbante,la attuava anche il sant’uffizzio,quello che ha bruciato Giordano Bruno sul rogo,dopo averlo torturato e avergli tagliato la lingua……ma Giodano non stava simpatico a Rocco???
    :-)))

    Mr Blue

  80. usciredallorrore ha detto:

    Alex immaginavo un qualcosa del genere, appena si sente l’odore dei soldi (tanti) in molti vanno fuori di melone. Mi spiace per l’anonimato, ma in fondo qui non stiamo facendo nulla di male, no? Spero solo che un qualche adepto non venga a romperti le scatole. Volevo chiederti: ma nell’organizzazione è prevista la segretezza? Nel senso, potete dire cosa succede nelle stanze o è proibito? Non mi pronuncio, poi, sul termine “indemoniata”…

  81. usciredallorrore ha detto:

    Ma no dai Alessio prendi sempre le cose dal verso sbagliato, non volevo mica offenderti, anch’io per certi versi mi sono infatuato di Rocco all’inizio 😉

  82. Alessio ha detto:

    “Va bene dai Alessio chiudiamola qui. Sei chiaramente infatuato di Rocco, capita, ti passerà.” Non ti senti un po’ “predatore” a darmi queste rispostine da lupo travestito da agnello? Perchè vuoi la mia auto-svalutazione? Perchè ti serve la mia energia? Aspetti che mi apro alla comunicazione per tirando fuori la mia energia, e tu invece di indirizzarla nella creazione di uno scambio energetico puro, rivolto all’interno che fai? Mi dai la bastonata. Cosa devo imparare? Che devo proteggermi? Che se provi a comunicare sei punito? Bene, ho imparato la lezione, grazie maestro 🙂

  83. Alex ha detto:

    Errata corrige: lo “show” lo feci in pieno stato di consapevolezza e quindi non sotto effetto di chissà quale demone (mi sono espressa male).
    Dissi delle cose assai scomode proprio sul pappone al quale stavo assistendo in quanto R.B. , mentre era tutto intento a dar lezioni su tarocchi egizi e quadrati magici, cambiò improvvisamente e in modo a dir poco allucinante quando due adepti, pour parler, si rivelarono essere dei funzionari intermediari che operavano su ingenti fondi internazionali provenienti da J.P. Morgan & Co. ed ovvero enormi somme che vengono cedute a fondo perso nel caso di progetti fattibili presentati solo da organizzazioni no-profit. Queste manovre servono solo per spostamenti di capitale e per far circolare in modo non sospetto i loschi affari di questi colossi del sistema.
    Da quell’istante R.B. non fu più lo stesso e tutto si ribaltò improvvisamente con una brusca virata verso la bozza degli attuali obbiettivi, ma che ormai erano diventati l’unico oggetto ossessivo di discussione.

  84. Alex ha detto:

    Daniele, ho avuto una svista madornale nel pubblicare la mia risposta e quindi mi sono giocata l’anonimato, ma a pensarci bene mi viene da sorridere, perché è proprio vero che nulla accade per caso ed ecco che ci troviamo qui…nella condizione inversa di una gallina con i suoi estrogeni in un harem di galli cedroni. 😀
    Come in tutte le cose alla fine è un bene che le energie maschili e femminili si equilibrino e perché ciò accada…gli equilibri vanno infranti, così come feci nel maggio 2013 andandomene da quel contesto con le mie gambette, ma non prima di aver fatto un macello.

    Feci un vero e proprio show consapevole che venne registrato come era uso fare tutti i martedì a favore degli assenti.
    Peccato però che quella riproduzione fu usata da R.B. per far udire gli effetti da “terza camera” ai presenti del martedì e del giovedì successivi (al giovedì si radunavano i “pivelli”) e solo dopo venni a sapere che quel termine stava ad indicare…indemoniata!

    Tuttora non ho nessun pentimento per le esperienze fatte in quel contesto appunto perché sono state esperienze dirette che in qualche modo hanno arricchito il mio bagaglio di conoscenza e quindi provo un sincero sentimento di gratitudine, ma aldilà di essere stata felice anche di aver pucciato il naso direttamente in un contesto esoterico, spinta da un forte, spontaneo e atavico richiamo, posso affermare che col senno di poi il tutto si è rivelato un gran bell’esperimento sociologico verso colui che si tanto si vanta di farne in forma più vasta, prodigandosi a smerdolare pubblicamente le persone che non corrispondono a quell’ideale di risveglio che ancora non s’è ben capito.

    “Scegliete: se continuerete ad avere contatti con l’indemoniata non mettete più piede in questo contesto”
    …e terra bruciata fu…Per me però!

    E’ vero caro anonimo, con determinate tecniche le energie interiori si smuovono eccome e meno male che non ho mai preso in mano tutti gli scritti che R.B. consigliava e non ho nemmeno mai fatto alcun esercizio a casa mentre tutti vi si prodigavano come bravi scolaretti speranzosi di ottenere effetti exta-ordinari.
    All’inizio del 2013 si instaurò in me una lucidità di pensiero, di azione e un coraggio pazzeschi che non solo mi diedero la conferma (non solo in quel caso) di che potenza può avere lo spirito in azione, ma che mi aiutò anche ad uscire, seppur in una forma violenta e traumatica, da quel tipo di fascinazione (o stato ipnotico) che tutt’ora tiene in scacco moltissimi soggetti sparsi per tutto il territorio nazionale, menti eccelse comprese.

    Non nego che soffrii molto, perché tutto manifestava null’altro che pura incoerenza e mi pareva veramente pazzesco che nessuno se ne accorgesse, ma tuttavia l’essenza che rimane di questa esperienza è che la libertà ha un prezzo e non è con una mera donazione che la si conquista.

    …e non la si deve nemmeno promettere…
    Alex

  85. Daniele ha detto:

    Mmmm…avete ragione, pensandoci bene non è un buona idea quella di attirare adepti, rischieremmo di azzuffarci e basta. Volevo dire che sarebbe interessante un confronto con chi è attualmente dentro, ma non per “smerdarlo”, attenzione, piuttosto per sentire cosa ha da dire….tutto qui.
    Per quanto riguarda la mia durezza, non è da confondere con quella di RB, in quanto io non fondo associazioni e non ho scopi nascosti, non devo assoggettare nessuno al mio volere e ai miei scopi. 😉
    Quindi sono duro perché la durezza mi permette di arrivare al dunque, senza troppi fronzoli insomma.
    Non vorrei che qualcuno però pensasse che io mi consideri “un duro”, perché non mi ci considero affatto. Mi considero una persona compassionevole ma decisa, che non si lascia trasportare troppo dalla “morbidezza”…che il più delle volte fa solo “rimbalzare” le intenzioni.
    Diciamo una compassione decisa quindi, che pur di arrivare allo scopo che si prefigge usa la “mano dura”, non si lascia trasportare troppo da sentimentalismi gentili e ipocriti.
    Spero sia chiaro, meglio di cosi non so spiegarmi.

    Comunque sia, da ora in poi eviterò di usare parole troppo dure e atteggiamenti da maschio Alpha, anche se sinceramente non mi pare di essermi comportato in tal modo, da maschio Alpha intendo.

    PS: Che ci vuoi fare Alexia, la chimica è chimica, quando il testosterone t’arriva al cervello cominci a sragionare, è una debolezza del genere maschile, sii comprensiva, non siamo solo esseri spirituali, siamo anche animali.
    Dopotutto se non esistesse il testosterone non staremmo qui a discutere di sette, Galli e rituali…ci saremmo fermati MOLTO prima nella storia evolutiva.
    E poi è un ormone fondamentale per rimanere in salute, ha i suoi pro e i suoi contro, come tutto.
    😛

  86. Anonimo ha detto:

    Alexia ti ringrazio anch’io per la tua testimonianza e per la tua chiarezza.
    Comunque anche nella ritualistica ha fatto un bel polpettone!!
    Quando dici che certe energie possono essere pericolose se non si è preparati dici il vero.
    In certe tradizioni c’è veramente una grande ricchezza,ma non è facile coglierla e poter trarne veramente il succo che nessuno ti può trasmettere,secondo me.
    Per esempio,in questi anni sono diventati tutti “alchimisti”,oh va proprio di moda!!
    Peccato però che chi pratica alchimia seriamente non si ritrova in gruppi o fa conferenze pubbliche e men che meno accetta discepoli se non raramente perchè la RESPONSABILITA’ è solo individuale visti i rischi che si corrono.
    Un’altra cosa è che,a volte,in certi gruppi,si iniziano dei lavori sul composto umano personale,così,a casaccio,una tecnica qua,una tecnica la e poi si sta a vedere che succede,come dei bambini che giocano al picolo chimico……in alcuni casi fare così può essere veramente nocivo per la salute,e che uno ci creda o meno si può andare incontro ad una vera dissociazione perchè la persona (un composto di aggregati psicofisici),con i meccanismi anche illusori che la sostengono,inizia a disgregarsi e,se non si riesce a ricostituire il composto ad uno stato superiore,i contenuti inconsci che sono stati sollecitati e non sublimati si manifestano prepotenti facendo un bel casino all’operatore….e a chi gli sta intorno.
    In fondo questo è un tipo di evoluzione “forzata”.
    Un testo breve ma interessante sull’argomento è “Lettera sul fuoco filosofico” di Giovanni Pontano.
    Comunque ancora grazie.

    Mr Blue

  87. usciredallorrore ha detto:

    Grazie Alexia per la tua testimonianza, alcune cose in effetti le avevi già scritte, ma repetita iuvant 😉

  88. Alexia Pilotti ha detto:

    Eccomi, ho fatto parte degli ex adepti di R.B. e ho conosciuto per bene anche il contesto esoterico che il gallo cedrone (simbolo presente anche in camera esoterica) non si è mai premunito di rendere pubblico. Mi hanno fatto sorridere tutti gli ultimi vari commenti in quanto si basano su interpretazioni soggettive scaturite da una totale o parziale assenza di esperienza diretta e mi spiace, ma è solo quella che potrebbe fornire una valutazione oggettiva.

    Scrissi minuziosi particolare riguardo al contesto “occultato” ai più e nonostante tutto ciò non è stato sufficiente per creare un tipo di riflessione discernente e…si badi bene…l’intenzione non era quella di voler convincere nessuno.

    La sintesi dovrebbe essere una caratteristica tipicamente maschile e mi spiace vedere, spesi qui, fiumi di parole e di energia preziosa, perché nel bene o nel male scorgo fra le righe comunque una lotta fra maschi alfa celata dietro una dialettica eccellente.

    In quanto donna portai in questo contesto dei dettagli inconfutabili e facilmente verificabili, ma forse l’anonimato non rese sufficientemente credibile il tutto e quindi, molto sinteticamente, riporto di nuovo ciò che vidi e vissi direttamente:

    – a Robbiano di Mediglia c’è un locale su strada di 4 vetrine e chi vi ha accesso partecipa con una quota partecipativa al mantenimento dello stesso e tale quota varia in base al numero dei frequentatori non occasionali

    – nel marzo del 2013 iniziò a far capolino l’idea di Zion, mentre poco prima il gallo si dilettava a prendere in giro altri vari contesti definendoli eco-dementi-villaggi tanto è vero che scherzando disse più volte che il “suo” lo avrebbe chiamato ” la città della coscienza”

    – il sito di Robbiano è suddiviso in due parti: mini stanza conferenze e camera esoterica. Chi intuisce che oltre alle conferenze pubbliche c’è dell’altro si autopropone e il “gran sacerdote” accoglie senza aver attuato alcun tipo di proselitismo

    – il contesto di Robbiano si radunava (penso ancora ora) al martedì ed è soprattutto in quel giorno che R.B. sviluppa o trae intuizioni per le conferenze pubbliche del mercoledì

    – prima di iniziare il suo monologo (pure lì) si eseguono delle tecniche energeticche a mio avviso abbastanza pericolose se non se ne ha sufficiente conoscenza di gestione: Falun dafa, lavoro in calma, posizioni per simulare la simbologia delle rune con vocalizzazioni delle stesse, tecniche di respirazione, movimenti e mantra un po’ gnostici e un po’ orientali

    – chi, presto o tardi, se la sente di accedere nelle camera esoterica viene introdotto senza alcun tipo di preparazione o spiegazione sulla ritualistica che vi si svolge all’interno

    – la vestizione è uguale per tutti: tunica blu con 12 bottoni, cordone bianco con nodo a “infinito” posto nel centro per le donne e sul fianco sinistro per gli uomini, sandali da fraticello e calzini bianchi

    – all’interno vengono distribuiti i vari ruoli sempre basandosi su chi se la sente di ricoprirli: il “guardiano della soglia” (rappresentata dal saluto alle due colonne Jachim e Boaz) che sbarra o libera l’ingresso con la spada, i “sorveglianti” del rito, anch’essi con spada infilata nella cintura-cordone, il sacerdote con spada e Iside, la sacerdotessa muta (te pareva) che si distingue per un velo da sposa posto sul capo.

    – la camera esoterica è arredata con pochi oggetti e colori simbolici, mentre l’altare è corredato di fiori, candelabro a 5 (o 7…non ricordo) bracci e urna che contiene il necessario per la distribuzione dell’eucarestia.

    – l “ostia” è simboleggiata da del pane impastato e cotto in casa appositamente per la funzione

    Solo questo dovrebbe bastare per far riflettere…

    Un caro saluto a tutti voi e…disponibile per qualsiasi altra vostra curiosità.

  89. Anonimo ha detto:

    @ Davide…
    ((Sottoscrivo Mr Blue. Il tipo lì è davvero un personaggio :). ))
    :-))

  90. usciredallorrore ha detto:

    Yuri tu dici che non sai chi ha ragione, ma riguardo a che cosa? E’ difficile che in una discussione uno abbia ragione su tutto, e un altro torto su tutto. Inserirsi nella discussione significa dire: sono d’accordo su questo, sono contrario su quest’altro. Tu invece cerchi qualcuno per cui parteggiare, delegando di fatto la tua personale capacità di giudizio, e la costruzione delle tue personali convinzioni. Non ti preoccupare, fanno quasi tutti così.

  91. usciredallorrore ha detto:

    Sottoscrivo Mr Blue. Il tipo lì è davvero un personaggio :).

  92. usciredallorrore ha detto:

    Sai Daniele nelle comunicazioni come questa, via blog, abbiamo solo la parte scritta, non possiamo integrare con il tono di voce, con l’espressività, con una risatina fatta per stemperare, per questo cerco sempre di trovare le parole giuste e il modo più comprensibile per dire le cose. Tu a volte usi espressioni forti, che potrebbero suggerire, come hai detto anche tu, una poca compassione di base da parte tua. Anche lo stesso Rocco esagera spesso da questo lato secondo me, come ho scritto nell’articolo. Per esempio su Braden, si può criticare, ma io non direi che è proprio una merda di businnessman, qualcosa di buono l’ha diffuso anche lui. Riguardo poi ad un confronto “costruttivo” con gli adepti, come Mr Blue ho molti dubbi possa esserci.

  93. Mister-Brillio ha detto:

    wow sta proseguendo la discussione!! Sono leggermente impaurito dal fatto che non riesco più a scegliere da che parte stare. Cioè, leggo un commento di Alessio e subito esclamo dentro di me “si ha ragione! ha ragione lui, è chiaro! Sono gli altri che non lo capiscono” ….pochi secondi dopo leggo un commento di davide o daniele e formulo il pensiero opposto: “no no hanno ragione loro, siamo tutti ingenui e plagiati mentalmente…persino loro due che lo criticano sono visceralmente infatuati di R.B. e neanche lo ammettono!”
    Insomma…riconosco di essere mentalmente suggestionabile. Posso fingere di stare dalla parte di RB, come ho fatto negli altri miei due commenti…Ma è tutta una montatura. Vi giuro, non ho la minima idea di chi abbia ragione. Qualcosa mi dice che tutti avete ragione. Ma questo sembra impossibile, vero?
    La cosa più intelligente è smetterla di cercare di schierarmi con i pro-rocco o i contro-rocco. Questa serie di commenti è super utile, ma in un altro modo: Mostra che non è possibile essere oggettivi quando ci si schiera da una parte o dall’altra. Infatti ogni singolo commento scritto qui, fa acqua da una parte o dall’altra. Nessuno è riuscito a scrivere un commento oggettivo…ci mettete sempre quel retrogusto istintualemozionaloide…quel qualcosa che lo rende viziato, impuro, falso.
    Leggere questi commenti è utile per capire, vedere con i propri occhi le imperfezioni della mente umana, ma allo scopo segreto di intuire qual è l’ “oggettività”, la verità, e come si fa ad esserla e esprimerla.

    Ed ora questo mio commento si mette in fila ed entra a far parte di questo testo scolastico interattivo…ed è l’ennesima conferma, l’ennesima opportunità.
    Ripeto: leggere questi commenti è realmente utile e forse più andremo avanti e più si renderanno utili. Con questo sto insinuando che fra tutti, fin’ora, questo mio commento è il più utile.
    Su forza, scriviamo, raffiniamo la tecnica!

  94. Anonimo ha detto:

    @ Daniele
    In passato ho già chiaccherato con adepti di varie “schole” ma la zuppa è sempre la stessa.
    :-)))

    Mr Blue

  95. Anonimo ha detto:

    ((“Sei entrato nel loop mentale di quello che…”, ma non vedi che stai smettendo di comunicare per la fretta di infilarmi in una categoria?))

    No Alessio io con te comunico benissimo quello che VOGLIO farti passare e lo faccio in base a quello che scrivi….. anche nei commenti su youtube in un video di un tipo che ho postato io qua sul blog….

    …..che tra l’altro,con ironia,dice delle cose giustissime….secondo me,ovviamente.
    Il che mi fa pensare che in te, appena leggi o ascolti una critica a R.B.,si accendano delle strane EMOZIONI che ti fanno scattare in difesa….
    Sempre su youtube si trovano altri interessanti commenti (nei pochi posti dove non sono stati,per ovvi motivi,disattivati ed anche su facebook…..ma anche li la lunga manus della censura è arrivata inesorabile.
    Guarda anche io ero abbastanza d’accordo con Davide sul fatto che R.B. sia partito in buona fede…ultimamente…chissà…

    (((Allora, avendo chiarito che non serve che una persona ti parli di fatti concreti per trasmetterti uno stato di coscienza, ma che basta che ti mandi una “vibrazione”, sia pure a volte pronunciando solo una vocale mantrafonica per farti percepire il tuo corpo, cade ogni capriccio basato sulla fissazione che bisogna per forza avere un sistema filosofico preciso per essere credibile, ok?)))

    Eh certamente,i fatti non contano un cazzo!!
    …….la vocale mantrafonica pronunciata da un altro……per percepire il TUO corpo…..hahahahahah…… :-)))
    Per citare un’altro film:”Cosa credere tu di essere uno Jedi……io Toydoriano,con me i trucchi di mente non funziona”….
    Comunque Alessio gli stati di coscienza non te li può trasmettere nessuno,ci devi arrivare da solo….
    …poi per quello che vale è solo una mia con-STAT-azione….:-))))
    Sul fatto della “trasmissione” in passato hanno spennato non pochi volatili ed hanno creato non poche “piramidine”….

    ((Rimanere isolati è un comportamento fondato sulla paura, indotto dai sistemi di condizionamento che remano contro il processo di autocoscienza. La paura di affrontare un’esperienza di gruppo è un freno per l’evoluzione))

    Di solito la paura fa fare l’opposto di quello che hai detto tu: fa radunare in greggi di pecoroni che hanno PAURA di affrontare da soli la vita. Va da se che i pecoroni sono SEMPRE in cerca di un “BUON PASTORE” che li tosi per benino….. come credi che siano nate le religioni???…:-)))
    Dai,ti auguro ogni bene,è stato fonte di apprendimento COMUNICARE con te.
    ;-)))

    Mr Blue

  96. Daniele ha detto:

    Per essere precisi diciamo che non amo stare coi piedi in due staffe…o vado da una parte o vado da quell’altra, assumendomi ovviamente tutta la responsabilità.
    Lui bolla Braden e io bollo lui…nulla di più.

  97. Daniele ha detto:

    Chi ha parlato di “scontri”? Ho anche specificato che qui nessuno muore dalla voglia di “zompare” addosso agli altri…sarebbe anzi costruttivo un confronto con gli adepti.
    La mia durezza nasconde una profonda compassione in realtà, abbi fede…non sono uno sprovveduto. 😉
    Se poi ti da effettivamente fastidio il mio temperamento, beh..questa è casa tua, vorrà dire che mi adeguerò.

  98. usciredallorrore ha detto:

    Abbastanza Daniele, qui sei stato un po’ troppo duro, io non sono così sicuro ci sia solo malafede, penso più che Rocco sia partito bene, e poi si sia perso. E non sono così voglioso di scontrarmi con gli “adepti”, c’è molto spreco di energia negli scontri, preferisco concentrarmi su cose più costruttive.

  99. usciredallorrore ha detto:

    Va bene dai Alessio chiudiamola qui. Sei chiaramente infatuato di Rocco, capita, ti passerà.

  100. Daniele ha detto:

    No Davide, sono io che ringrazio te, in quanto metti a disposizione uno spazio dove poter esprimere dei pensieri. 😉

  101. Daniele ha detto:

    E parlando di “bisogno di considerazione”: quale essere umano non ne ha mai sentito il bisogno? A quale essere umano non fa piacere essere considerato qualche volta nella vita? C’è qualcosa di male per caso nel voler essere AMATI da qualcuno? Per caso è una debolezza avere dei bisogni UMANI?
    Con questa storia dei duri e puri non andate da nessuna parte, non fate altro che rendervi meno umani di quanto non siate già diventati.
    Lo stesso NEO, nel film che tanto vi piace “vedere”, manifesta il bisogno di considerazione…CONTINUAMENTE! Quel pover uomo di Morpheus ne sa qualcosa…sempre pronto a rassicurarlo e confidare in lui, CONSIDERANDOLO all’altezza del compito.
    Quindi Morpheus sarebbe un coglione, visto che soddisfa continuamente il bisogno di considerazione che Neo manifesta. Trinity è una povera fessa siccome soddisfa il bisogno di considerazione che Neo manifesta. L’oracolo è una povera scema siccome soddisfa il bisogno di considerazione che Neo manifesta. Tutti coglioni secondo voi, l’unico vero ganzo è Rocco Bruno! Lui non ha bisogno di essere considerato, lui provvede da solo al suo bisogno di considerazione….se la canta e se la suona.
    State diventando tutti degli agenti, proprio cosi, dei Sig. Smith! Ma non ve ne rendete conto…ormai non siete più voi al volante, qualcun’altro guida per voi, voi vi limitate a fare il pieno all’auto semmai.
    Siete omologati, come i caschi delle motociclette, fate pure gli aggiornamenti per adattarvi meglio alle teste di cazzo dei vostri padroni.
    Direi che può bastare, non vorrei perdere anche io la mia AMATA umanità, che da bravo fesso quale sono mi tengo stretta.
    Voi fate pure le vostre “considerazioni” rimanendo nascosti dietro l’ombra come al solito, sappiamo che ci leggete e sappiamo che vorreste uscire allo scoperto.
    Qui non ci sono Rocco Bruno che vi saltano addosso con la cresta alzata, quindi se volete intervenire credo che faccia piacere a tutti…sempre che lo facciate in modo intelligente ovviamente. Ripetere le solite cagate che escono fuori dalla bocca del vostro leader non viene considerato un modo intelligente di intraprende una discussione, meglio tacere in questo caso.
    Dico giusto Davide? 😉
    Mr Blue, a te non piacerebbe fare due chiacchiere con gli adepti?

  102. Alessio ha detto:

    Allora ragazzi, regolatevi, perchè voi state giocando, non state più comunicando. “Sei entrato nel loop mentale di quello che…”, ma non vedi che stai smettendo di comunicare per la fretta di infilarmi in una categoria? Io sono un essere auto-cosciente, non imito nessuno, posso prendere in prestito uno stile di Rocco, prendermi una licenza poetica o metaforica, queste cose non significano che sono un automa. Volete farmi un test di turing per capire se sono condizionato o se sono un individuo autocosciente? Allora, se possiamo comunicare dando per scontato che stiamo facendo una comunicazione tra persone autocoscienti e sveglie… va bene. Se invece volete giocare, non ho tempo da perdere! Io sono uno che in questo periodo si sta guardando soltanto i video su youtube, quindi non ho nessun coinvolgimento pratico con Rocco, eppure non mi viene da scandalizzarmi per questioni di plagio, le vibrazioni che manda… certo signori, io bado più alle vibrazioni che ai vostri “fatti”, che poi dovreste spiegarmi che cosa sarebbero questi “fatti”. Quando si tratta di coscienze da svegliare, dovremmo aiutarci l’un l’altro a mantenerci “svegli”, e l’essere sveglio è una “vibrazione”, una risonanza, chiamatelo come volete, le parole sono solo mappe, il succo è che è quella “risonanza” che conta, quando perdi quella risonanza cadi nel sonno della coscienza, anche se stai ancorato ai FATTI tanto idolatrati. Un mantra, con le sue vibrazioni, può riportarmi alla consapevolezza dopo un giro labirintico di pippe mentali epistemologicamente ben formate su fatti concreti. Ci siamo capiti quindi? Allora, avendo chiarito che non serve che una persona ti parli di fatti concreti per trasmetterti uno stato di coscienza, ma che basta che ti mandi una “vibrazione”, sia pure a volte pronunciando solo una vocale mantrafonica per farti percepire il tuo corpo, cade ogni capriccio basato sulla fissazione che bisogna per forza avere un sistema filosofico preciso per essere credibile, ok?
    Bene, detto questo, secondo voi io dovrei dare seguito a commenti come “Quell’individuo ha rovinato una ragazza stupenda”? Cioè, qui cadiamo nei più biechi ricatti morali: ti proietto nella mente l’idea di una ragazza stupenda, solare, sciupata dall’orco. Queste sarebbero le suggestioni a cui dovrei andare dietro? Ve l’ho detto: ascoltando i video di Rocco Bruno, e facendomi 2 calcoli, le impressioni a cui giungo sono che a lui non interessano individui acritici, a lui interessa riprodurre su un piano collettivo quello che noi GIA’ produciamo sul piano individuale. Pensate che noi non formiamo sette a cui aderire dopo aver fatto un patto? Ripeto, cos’è la nostra integrità individuale, se non un accordo fatto tra una molteplicità di aggregati psichici, tra diversi “ego” che si riuniscono sotto la guida di un ego coordinatore accettato sulla base di affinità empatiche? Noi stessi, presi singolarmente, siamo una SETTA, i cui membri sono riuniti in un’unica direzione concordata sulla base di un patto leale fatto senza fregature. Il luogo di riunione di questa setta è il nostro organismo, l’insieme delle cellule che lo compone. Che cosa fa Rocco? Cerca semplicemente di vedere se ci sono altri ego a lui affini con cui creare un organismo collettivo autocosciente. Io nel suo organismo non ci entrerei mai, perchè come vi ho detto ho un altro lignaggio: io seguo le intuizioni di Husserl nella sua fenomenologia. Non c’è il plagio in questi meccanismi, sono i processi della coscienza, che passano sempre per esperienze di gruppo. Rimanere isolati è un comportamento fondato sulla paura, indotto dai sistemi di condizionamento che remano contro il processo di autocoscienza. La paura di affrontare un’esperienza di gruppo è un freno per l’evoluzione, non è quello il problema.

  103. usciredallorrore ha detto:

    Grazie Mr Blue e Daniele per quanto avete detto ad Alessio, avrei scritto più o meno le stesse cose, non l’ho fatto per pigrizia 😉

  104. Daniele ha detto:

    Alessio, non ti pare di mettere un po troppa carne sul fuoco? Ti consiglierei di fare un bel respiro e mettere ordine ai concetti che vuoi esprimere, cosi magari anche noi ci capiamo qualcosa. Non so se te ne rendi conto ma stai imitando il metodo esplicativo di Rocco, parecchio confusionale direi.
    Come giustamente ha detto Mr Blue qualche commento addietro, Rocco non fa altro che preparare polpettoni, oltremodo indigesti aggiungerei io.
    “Ma non conta ciò che Rocco dice, contano le vibrazioni che lui emana da tutto il suo magnifico essere”….ma per piacere!!
    A me onestamente uno cosi trasmette solo la voglia di tirargli una minestra di mazzate, altro che vibrazioni.
    Tu continui a dare troppa importanza alle parole piuttosto che ai fatti, perché continui a riportare le parole di Rocco e non i fatti…forse perché i fatti non ci sono? A parte i misfatti ovviamente, di quelli almeno qualche indizio l’abbiamo.
    Ma non diceva di dover sparire poi? Come mai non dice più di voler sparire ora? Forse era un pretesto per ottenere la vostra fiducia? Un escamotage per depistare il vostro giudizio? Chissà…

    Comunque sia Alessio, guarda che non sei un aquila, e nemmeno un piccione, se proprio vuoi buttarti almeno assicurati che ci sia un fiumiciattolo al di sotto, oppure assicurati ad un elastico che possa riportarti indietro una volta raggiunto il fondo…oppure fai come pollicino, ma invece delle molliche fossi in te userei i sassi, quelli non li mangia nessuno.

    Ps: Devo riconoscere che tu almeno hai avuto l’iniziativa di intervenire in questo blog e dire la tua, forse perché non sei del tutto “cotto”, ma rifletti un po su questo:

    Come mai dei tanti adepti che Rocco ha avuto modo di “intrappolare” solo pochi di loro vengono a prendere le sue difese in questo blog? Pensi che non sappiano tutti quanti dell’esistenza di questo spazio dove si parla di lui? Non sarà per caso, ma proprio per assurdo eh, che Rocco gli ha intimidito di non venirci? Oppure non sarà che non ci vengono perché hanno una paura fottuta delle ripercussioni e di perdere il loro posto accanto al loro padrone, che una volta venuto a conoscenza del fatto sicuramente li “inculerebbe” a dovere togliendogli poi l’ “amicizia”?
    Io frequento altri spazi come questo dove si discute di organizzazioni e sette, come quella buddista precedentemente menzionata…e bene, gli adepti non intervengo mai in gran numero, potrebbero ma non lo fanno, di solito ce ne stanno uno o due,gli “autorizzati”, che trolleggiano alla grande e prendono le difese della loro setta. Come mai tutti gli altri adepti non intervengono quasi mai?
    Hanno paura, ecco perché! Si cagano letteralmente addosso al solo pensiero di “tradire” la loro setta di appartenenza, non vogliono subire le ripercussioni che sicuramente ci sarebbero.

    Come cazzo fate a non vedere queste cose…come? Lo dice anche Rocco poi:” c’avete la testa tagliata con l’accetta, ma in che mondo vivete? In quei quattro recinti che vi hanno messo queste persone! ”
    Certo Rocco, QUESTE persone…

  105. Anonimo ha detto:

    Alessio sei entrato nel loop mentale del “io non difendo nessuno ma voglio solo comunicare” :-))) e inizi a manifestare un certo fanatismo misto ad una grande confusione.
    Come dice Davide: perchè ti ostini a stare sulla difensiva quando dici che non vuoi difendere nessuno,men che meno R.B.
    Ripeto: ma hai letto i post dall’inizio,le testimonianze di gente che è stata all’interno ed ha confermato i dubbi che sono emersi?
    Alessio ti ACCORGI che parlate come rocco? Usate gli stessi termini come dei piccoli robottini a cui è stato sostiuito un programma con un altro??? La tua “MENTE ASSOCIATIVA” ( :-))) lo capisce o associa e omette solo quel cazzo che gli pare a lei??? :-)))
    Ma prendiamo ad esempio questo che scrivi…

    (( qui Rocco usa Matrix per fregare Matrix, magari per costruire una base da dove prendersi un po’ di spazio e tempo dalla condizione di schiavitù in cui siamo. In guerra si agisce anche di strategia: a una strategia che vuole toglierti spazio e tempo si oppone una strategia che vuole riprenderselo.))

    Cos’è che usa rocco??? Matrix per fregare Matrix?? Ma ti rendi conto che matrix non vuol dire un cazzo?? Di cosa parli di una metafora del condizionamento mentale comportamentale percettivo a cui è assoggettato un essere umano dalla nascita??? Parli dell’idea gurdjieffiana di un’umanità addormentata??? Credi che siano concetti di rocco o di gurdjeff….hahahahahahah???I metodii che usa lui sono meglio di quelli che usano gli altri anche se sono gli stessi perchè lui te lo dice prima cosa vuole??? E i fini???
    Hai letto delle “stanze segrete”???

    (((“Riguardo al bisogno di considerazione, stesso discorso: sono tutti dei poveracci che cercano solo considerazione, tranne Rocco Bruno. Non sarà che, forse ma forse, è proprio lui ad avere più bisogno di considerazione di tutti gli altri, ed è solo per questo che fa mille conferenze e ha riempito la rete dei suoi siti?”
    Anche lui ha ammesso di avere i suoi demoni. Le sue entrate a gamba tesa servono a scacciare il bisogno di considerazione nel suo gruppo, per scacciare quei demoni che vengono dal gruppo. Ma se ci fai caso lui prende a calci anche i suoi stessi demoni per scacciare anche loro, tramite l’autoironia, l’autosmascheramento, e altri atteggiamenti osservabili. Quel “tranne Rocco Bruno” lo aggiungi tu, lui dice “compreso Rocco Bruno”.)))

    Ma allora sei fuori!! Se uno ti dice : “guarda che,siccome anche io ho i miei demoni,c’è caso che in futuro te lo possa mettere in culo”…..”sai com’è so’ i demoni…e cche ce voi ffà…ce li abbiamo tutti pure quelli che sse credono che nun so’ stronzi”…..:-))) …alllora tu pensi: caaazzo questo si che è figo,una luce da seguire……:-)))

    ((qui invece c’è l’eggregora del profeta del cazzo che chiede cibo.))
    Caro Alessio l’eggregoro si forma sempre tra umani che si FOCALIZZANO su di un qualcosa che può variare da un’appartenenza ad una squadra di calcio ad un partito politico,ad un bolg,ad un programma televisivo,eccc, o ad una religione (quelle delle religioni sono state formate in antichità da degli stronzi che sapevano bene come farlo….forse anche quelle dei partiti ;-)))).
    Quella di un singolo blog è occasionale,quella invece di un’esoterista esperto NO ed è creata per uno scopo ben preciso,anche perchè,un esoterista esperto,sa che una volta che il MEME ha preso piede je deve dà da magnà sennò,una volta che ha preso una certa potenza,se nun ce stà più nessuno,se magna er mittente.
    Magari R.B. non è esperto…..allora è un’incosciente….
    Stammi bene Alessio.

    Mr Blue

  106. Alessio ha detto:

    Sì, ricordo di aver letto il tuo articolo, ho anche visto il video del lumacone, ma ho aspettato a pronunciarmi, perchè non ho avuto tempo di approfondire bene l’argomento, e poi già che sono passato qua volevo guardare altri articoli del tuo blog. L’unica impressione che ho avuto sul momento è che non ho visto dov’è che Rocco Bruno prendesse per oro colato le affermazioni del ragazzo, quindi non ho compreso il tuo disappunto. I miei commenti sono scaturiti dalla lettura degli altri commenti, che parlavano del personaggio in generale, al di là del tema dell’articolo.

  107. Daniele ha detto:

    A Davide rispondo: Ok, ci siamo capiti perfettamente, sia per quanto riguarda il discorso del “terreno adatto”, che condivido pienamente, sia per quanto riguarda la recidività nei commenti dei soggetti plagiati o semi-plagiati, che tirano sempre l’acqua al loro mulino, o meglio, il mulino del plagiatore.
    Proprio per questo mi considero uno che, nonostante anche lui sia inserito fino al collo in questo terreno adatto, cerca a modo suo di rendere questo terreno sempre meno adatto per chi ha questo genere di scopi abietti. Sono convinto che l’essere da esempio valga più di mille parole, in tutti gli ambiti.

  108. usciredallorrore ha detto:

    Sinceramente, non ho capito cosa diavolo volevi comunicare, l’unica cosa che ho capito è che difendi Rocco Bruno, senza conoscerlo bene, e ignorando abilmente tutte le informazioni che contraddicono le tue convinzioni. Per esempio, neanche una parola sui contenuti dell’articolo: l’hai letto? In cosa non sei d’accordo? Fai monologhi infiniti come se parlassi da solo e poi dici che non ti interessa dimostrare, ma comunicare. Boh, che mente confusa.

  109. Alessio ha detto:

    Non mi interessa cosa tu creda di aver dimostrato a Mr Blue e a Daniele, io non cercavo di convincerti di nulla, non ho una tesi da dimostrare, ne qualcuno da difendere e da giustificare. Io ho avviato una comunicazione, forse ho dato voce a delle idee, delle intuizioni, forse ho dato sfogo a qualche bisogno di considerazione, boh, non mi interessa, mi interessa comunicare, a te interessa dimostrare. Io sono libero dal giudizio, posso dire un giorno che Rocco Bruno mi ispira l’idea del profeta del cazzo, e il giorno dopo dire che ha avuto un’intuizione buona, qui invece c’è l’eggregora del profeta del cazzo che chiede cibo.

  110. usciredallorrore ha detto:

    Niente da fare Mr Blue, e lo vedi Daniele che ho ragione? Chi è convinto troverà sempre arzigogoli mentali per autogiustificarsi, e semplicemente ignorerà tutto ciò che contraddice la sua “convinzione”. Le parole di Alessio lo dimostrano pienamente. Solo non capisco, Alessio, perchè sei qui a perder tempo, e non sei nel gruppo di Rocco a dare il tuo contributo. Chi cerchi di convincere? Noi o te stesso? Forse hai qualche dubbio, forse una parte della mente è in contraddizione con un’altra parte della mente, e da tutto questo ne vien fuori la tua logorrea…

  111. Alessio ha detto:

    “Una setta buddista dice: se la pensi come me e fai le mie pratiche sei dentro, altrimenti sei fuori. Rocco Bruno dice: se la pensi come me e fai le mie pratiche sei dentro, altrimenti sei fuori.”
    E’ vero, una volta fatto il patto va rispettato, la differenza però è che Rocco ha messo quanti video vuoi per farti capire qual è il patto sviscerando logorroicamente ogni possibile rischio proprio per farti capire cosa vuole, così che tu hai tutto il tempo per dire “mi piace” o “mi fa schifo” dopo esserti fatto due calcoli. Le sette non fanno così, anch’io ne ho esperienza indiretta, anche se non in quelle buddiste, la mia esperienza è stata nei gruppi carismatici che ho potuto osservare da dentro.

    “La setta buddista dice: se sei dentro, non puoi solo prendere, devi anche dare, e siccome sei idiota e non puoi dare altro, dammi i soldi. Rocco Bruno dice: se sei dentro, non puoi solo prendere, devi anche dare, e siccome sei idiota e non puoi dare altro, dammi i soldi. Mi spieghi dove vedi la differenza?”
    Nessuna, qui Rocco usa Matrix per fregare Matrix, magari per costruire una base da dove prendersi un po’ di spazio e tempo dalla condizione di schiavitù in cui siamo. In guerra si agisce anche di strategia: a una strategia che vuole toglierti spazio e tempo si oppone una strategia che vuole riprenderselo.

    “Riguardo al bisogno di considerazione, stesso discorso: sono tutti dei poveracci che cercano solo considerazione, tranne Rocco Bruno. Non sarà che, forse ma forse, è proprio lui ad avere più bisogno di considerazione di tutti gli altri, ed è solo per questo che fa mille conferenze e ha riempito la rete dei suoi siti?”
    Anche lui ha ammesso di avere i suoi demoni. Le sue entrate a gamba tesa servono a scacciare il bisogno di considerazione nel suo gruppo, per scacciare quei demoni che vengono dal gruppo. Ma se ci fai caso lui prende a calci anche i suoi stessi demoni per scacciare anche loro, tramite l’autoironia, l’autosmascheramento, e altri atteggiamenti osservabili. Quel “tranne Rocco Bruno” lo aggiungi tu, lui dice “compreso Rocco Bruno”.

  112. Anonimo ha detto:

    Oh…ma io mi chiedo se i seguaci o pseudo seguaci di R.B. sappiano leggere anche i commenti dove si dice chiaramente dove sono le contraddizzioni e i poco chiari intenti del siur rocco….
    Nei commenti c’è chi ha descritto addirittura che c’è un nucleo segreto con “stanze di iniziazione” delle quali non parla alle conferenze…..
    ….miii……sembrate dei microchippati!!

    Mr Blue

  113. Alessio ha detto:

    Ragazzi, lo so che mettendo un terzo commento consecutivo vi sto azzeccando, ma la mente associativa gira, e l’ambiente che la ospita se la deve un po’ cuccare! Riflettevo sul fatto che per quanto ci sforziamo, giustamente, di proteggerci dalle influenze estranee, ossia dai vari Rocco Bruno di turno, ognuno di noi ha un Rocco Bruno e si è fatto “inculare”, cioè, in pratica, tutti noi siamo entrati in una setta comandata da un leader. La nostra individualità infatti è una collettività di ego che, per portare a termine un obiettivo, si sono messi d’accordo per formare una personalità. Persone come Rocco Bruno ci saranno sempre all’esterno, persone che cercheranno di formare piccoli gruppetti volti a un obiettivo comune di autocoscienza, perchè il fuori è il riflesso del dentro, perciò non accettare che si formino questi gruppi dovrebbe, per coerenza, portare a non accettare come siamo fatti, a non accettare nemmeno di comportarci come una personalità, perchè una personalità E’ un gruppo, E’ una setta, e il fatto che vediamo un organismo unico che ospita il gruppo di ego che siamo ci fa sentire fuori da questo gruppo, dimenticandoci che un organismo è fatti di tante cellule che collaborano tra loro. Mettere quindi in guardia le persone dal plagiatore di turno senza tenere conto del fatto che siamo tutti plagiati e seguiamo tutti una setta (non prendetemi alla lettera, state nella metafora) è una visione confusa. In noi c’è un ego come Rocco Bruno che gestisce il dialogo interiore, ci sono ego più fragili che seguono sulla fiducia quello che dice l’ego dominante, ci sono ego analitici che seguono l’ego dominante verificandone la fiducia, e alla fine se guardiamo la nostra individualità cosa vediamo? Proprio un bel gruppetto di ego che formano una setta. Però non entriamo nei gruppi, non siamo stupidi, a noi nessuno ci frega 😀

  114. usciredallorrore ha detto:

    Sì Alessio, ci sputa sopra, però poi è lui stesso a comportarsi nello stesso modo. Una setta buddista dice: se la pensi come me e fai le mie pratiche sei dentro, altrimenti sei fuori. Rocco Bruno dice: se la pensi come me e fai le mie pratiche sei dentro, altrimenti sei fuori. La setta buddista dice: se sei dentro, non puoi solo prendere, devi anche dare, e siccome sei idiota e non puoi dare altro, dammi i soldi. Rocco Bruno dice: se sei dentro, non puoi solo prendere, devi anche dare, e siccome sei idiota e non puoi dare altro, dammi i soldi. Mi spieghi dove vedi la differenza? Riguardo al bisogno di considerazione, stesso discorso: sono tutti dei poveracci che cercano solo considerazione, tranne Rocco Bruno. Non sarà che, forse ma forse, è proprio lui ad avere più bisogno di considerazione di tutti gli altri, ed è solo per questo che fa mille conferenze e ha riempito la rete dei suoi siti?

  115. usciredallorrore ha detto:

    Ma sì Daniele anche per me è giusto dire quello che si sa, anche eventualmente per mettere in guardia. Però quello che volevo dirti è che queste sette vengono fuori perchè c’è già un terreno adatto, altrimenti non ci sarebbero. Per esempio tu parli di instillare sensi di colpa, e hai ragione, ma è la nostra stessa società che fin da quando siamo nati non fa che instillarci sensi di colpa. Le persone sono talmente abituate a vivere con sensi di colpa che non possono neanche immaginare di farne a meno. Tutto quello che riescono a fare è sostituire un senso di colpa con un altro. Allo stesso modo, visto che siamo stati trattati senza dignità da quando siamo nati, in pochi si sentono in diritto di essere trattati con “onore”. Quindi passano dal grande capo “Papa”, o “Imam”, che li trattava come idioti, a Rocco Bruno, che ancora li tratta come idioti, perchè solo così sono abituati ad essere trattati. Se non scatta la molla interiore della libertà, c’è poco da fare.

  116. Daniele ha detto:

    Quindi? Lasciamo che la gente si infili nella tana del lupo senza nemmeno metterla in guardia circa il pericolo? Io non ci riesco, è più forte di me.
    Finché si tratta di fare cazzate ok, quando di mezzo però ci va la salute e la vita stessa dell’individuo un pochettino mi incazzo.
    Anche perché il plagio mentale-emozionale non può essere propriamente definito una innocente “marachella”, è qualcosa di molto serio, come appunto può esserlo la dipendenza dalle droghe pesanti, ribadisco il termine pesanti….uno spinello non ha mai rovinato la vita a nessuno.
    C’è gente che si ammazza a causa delle organizzazioni-sette, perché queste appunto privano totalmente le persone della loro integrità, gli instillano dei sensi di colpa giganteschi nella psiche, demoliscono lentamente ma inesorabilmente la loro capacità di difesa interiore nonché di giudizio.
    Il mio intento non era quello di fare del proselitismo, assolutamente non mi compete, semplicemente voglio mettere in guardia le persone circa il pericolo cui vanno incontro, se poi vogliono proseguire sono libere di farlo ovviamente, non sarò certo io a trattenerli.
    Non vorrei essere scambiato per uno che si atteggia a salvatore, SIA MAI! Semplicemente vedo alcune persone sull’orlo del precipizio in procinto di buttarsi e gli dico “Hey! Guarda che non sei un aquila, se davvero ti vuoi buttare almeno controlla che ci sia un fiume al di sotto del burrone, o almeno munisciti di “paracadute” “, se poi il tipo si butta lo stesso io mica lo fermo, mi metto lì e aspetto il botto. Credimi, sono più cinico di quello che potrebbe sembrare.
    Il mio intervento quindi non è da intendere come un giudizio per stabilire cosa sia giusto o sbagliato, oppure cosa abbia il diritto di esistere o non esistere, se ho lasciato intendere questo vuol dire che non mi sono spiegato bene.
    Penso semplicemente di avere il diritto di appendere un “cartello” che dice: ” Questo mare pullula di squali famelici, sei comunque e ovviamente libero di farti il bagno, la scelta rimane tua e soltanto tua”.
    😉

  117. Anonimo ha detto:

    Però sono d’accordo anche con Davide sul discorso dell’imparare dalle cazzate. :-))

    Mr Blue

  118. Anonimo ha detto:

    Alessio,un consiglio,vatti a rileggere anche i post precedenti,dove c’è chi ha parlato delle “stanze” e dell’esoterista incappucciato…..
    Tu quella la chiami onesta?

    Mr Blue

  119. Alessio ha detto:

    Tanto per fare un esempio, Daniele, qui hai scritto, riferendoti ai tuoi conoscenti finiti nella setta buddista:
    “GUAI a criticare la loro organizzazione, che sei matto?!? “Tu non puoi capire” ti dicono, “non hai risvegliato la Buddità che è in te”!! “Non sei in contatto con l’Universo”…ecc..ecc…insomma le solite pippe mentali che ripetono a mo di mangianastri, non ci perdo nemmeno più tempo.”

    Bene, se prima di criticare ascoltavi qualcosa della persona che hai criticato, scoprivi che questo atteggiamento è chiaramente condannato da Rocco, ma veramente, dai video che ho sentito non ce ne è stato uno in cui non perde occasione di prendere per il c*** chi si mette a fare discorsi come “ho risvegliato la buddità/ho risvegliato la kundalini”. Lui lo chiama “bisogno di considerazione”, una cosa su cui ci sputa sopra abbastanza, mi sembra.

  120. Alessio ha detto:

    Sento la necessità di spiegarmi meglio. Io non sono un “pollo che va a farsi cuocere nella pentola di Rocco”. Ultimamente sto seguendo i suoi discorsi senza passare alle pratiche, insomma, sto badando solo alle sue parole, perchè non ho il conseguente bisogno di passare ai “fatti”, non ho bisogno di contattarlo e cercare di entrare in una sua “squadra”. Ogni essere sveglio, o che aspira a diventare tale, pensa a costruirsi la sua mappa del mondo e, nel frattempo, cerca di guardarsi intorno per riconoscere quali altri individui stanno cercando di costruirsi la stessa mappa del mondo nel modo più critico possibile, per distinguerli dagli individui che invece seguono un percorso diverso, ossia quelli che cercano solo di inseguire sogni e immergersi in una dimensione che non ha interesse a cercare la realtà. Ora, tutte le obiezioni di plagio che ho letto nei commenti rivolti a me io le registro bene, rimangono nel mio intelletto e nella mia memoria, e quando sento una conferenza di Rocco capita che, casualmente, tra i vari giri dialettici sviluppati nel suo monologo arriva – per coincidenza statistica – inevitabilmente a analizzare quel tipo di critica. A quel punto, lui ha superato l’esame del mio giudizio critico, perchè al mio intelletto lui sta fornendo il chiarimento “guarda che questo mio discorso non va interpretato così (interpretazione maliziosa), ma va interpretato cosà (e ti spiega i chiarimenti che ti fanno capire come è più giusto interpretarli e perchè)”. Se non basta più neanche avere una comunicazione chiara delle proprie intenzioni, se non basta neanche esplicitare tutti i passaggi interiori del proprio operato, con una comunicazione chiara sia dal punto di vista verbale che dal punto di vista extra-verbale… allora tutto diventa plagio. Non riesco a capire, non mi interessa arrivare a un accordo, solo mettere in luce questo paradosso, io provengo dal lignaggio Leibniz-Kant-Godel-Husserl. La fenomenologia di Husserl è l’approccio più critico e pulito di rivoluzione della coscienza a mio avviso: tornare in uno stato di infanzia rappresentativa e descrivere nel modo più attento possibile le nostre intuizioni e le nostre sensazioni. Rocco Bruno si avvicina a questo metodo, ma ho l’impressione che lui cada nell’ingenuità di usare come mattoni primitivi da cui partire le sensazioni fisiche: concentrarsi sulle sensazioni e impressioni sensoriali prendendo contatto con esse prima ancora di colorarle con l’intelletto. Questa è una buona intuizione, fa parte della tecnica fenomenologica di Husserl, ma secondo me deve essere estessa anche alle categorie dell’intelletto, cioè, tra quelle impressioni vergini che cadono nei nostri sensi puri dobbiamo entrare anche in quelle intellettuali: non solo “entrare nella mano, sentire la mia mano”, come consiglia Rocco, ma anche “sentire la costruzione delle mie funzioni intellettuali”, sentire le sensazioni del mio essere quando medito su un teorema di matematica, accendere quelle antenne. Invece secondo Rocco quando andiamo nel campo dell’intelletto lui subito grida “al lupo al lupo” perchè crede che ci siamo già decentrati per colorare le impressioni. Così alla fine anche lui si paralizza, non va incontro all’orizzonte con tutto il suo essere, però un passo importante secondo me l’ha fatto: buttare via le incrostazioni portate dalla new age e dalle filosofie intellettualoidi per partire da uno stato di coscienza realistico. Ho mostrato quali sono le lacune del pensiero di Rocco che mi impedirebbero di mettermi in squadra con lui, come vedete queste lacune non hanno però niente a che fare con il plagio, cosa su cui anzi gli riconosco onestà.

  121. usciredallorrore ha detto:

    Daniele servono anche le organizzazioni-sette, altrimenti non esisterebbero. Io penso che l’essere umano su questa terra debba fare ogni cazzata possibile e immaginabile, sembra non ci sia altro modo per crescere. Quando uno è davvero convinto, bisogna lasciarlo fare, non si può fargli cambiare idea. E alla fine quando sbatterà la testa forse imparerà qualcosa, non prima.

  122. Daniele ha detto:

    Concordo con Mr Blue, trattasi di plagio, o almeno i presupposti per pensarlo ci sono tutti.
    Ho avuto a che fare personalmente con ambienti dediti al plagio, e non nascondo il fatto di esserci entrato proprio per studiarli e capirli come meglio potevo.
    Una persona dalla personalità forte e strutturata non si fa imbambolare tanto facilmente, un po come funziona con l’ipnosi, se non abbassi TU lo “scudo” la pratica non funziona. Infatti le vittime di plagio sono quasi sempre persone interiormente fragili, o comunque che attraversano momenti difficili, persone che non ce la fanno più a sorreggere il loro scudo perché troppo indebolite dagli attacchi che la vita sferra continuamente, senza guardare in faccia nessuno.
    Sono pronto a scommettere che quasi tutti quelli che si sono avvicinati alla “scuola” di Rocco solo per curiosità e interesse alla fine hanno fatto due conti e se ne sono allontanati. Tutti gli altri ci stanno dentro perché hanno una personalità fragile e poco strutturata, ricercano una figura paterna o in alternativa un gruppo che gli dia una sorta di “appoggio”, e questo Zio Rocco lo sa bene. Quali tempi migliori di questi per organizzare un bel calderone?
    Due miei familiari fanno parte della setta (di stampo buddista) di cui accennavo prima, entrambi ci sono entrati mentre attraversavano un momento difficile, entrambi ci sono rimasti perché in cambio hanno ricevuto dei benefici che altrimenti forse non avrebbero ottenuto. Umanamente li capisco, ma io sono fatto di un altra pasta, ok ai compromessi, ma fino a un certo punto.
    Ora loro non riescono a fare a meno della setta, come un tossico dipendente non riesce a fare a meno del suo spacciatore, credetemi, parlo per esperienza. La loro pratica, cosi la chiamano, consiste nello stare seduti a mo di chioccia (sono fissato coi pennuti) e ripetere una cantilena che stordirebbe anche un sordo sepolto sotto 10 metri di cemento…questo risveglierebbe la coscienza universale secondo loro.
    GUAI a criticare la loro organizzazione, che sei matto?!? “Tu non puoi capire” ti dicono, “non hai risvegliato la Buddità che è in te”!! “Non sei in contatto con l’Universo”…ecc..ecc…insomma le solite pippe mentali che ripetono a mo di mangianastri, non ci perdo nemmeno più tempo.
    Non vorrei essere frainteso però, la mia non è una condanna nei confronti delle persone che ne fanno parte, a loro va tutta la mia umana comprensione, anche se un pizzico di durezza per quanto mi riguarda ci vuole, soprattutto con certi elementi recidivi.
    Condanno invece le organizzazioni-sette, che considero, spiritualmente parlando, delle CLOACHE e nulla più.
    A loro riservo tutta la mia spietata e inesorabile critica, distruttiva in questo caso.

    Ai plagiati che leggono il blog vorrei dedicare questa breve storiella, davvero simpatica a mio giudizio:

    Una rana cade in una pentola d’acqua bollente, e subito schizza via, salvandosi cosi la vita.
    Un’altra entra in una pentola di acqua fredda. Qualcuno accende un piccolo fuoco sotto la pentola e la rana si gode il tepore dell’acqua che via via si scalda…gradualmente e sempre di più… finché la rana muore bollita.
    Il suo sistema di difesa non è tarato per salvarla da una simile e rarissima evenienza.

    Questo esperimento vuole dimostrare che quando un cambiamento si effettua in maniera sufficientemente lenta sfugge alla coscienza e non suscita, per la maggior parte del tempo, nessuna reazione, nessuna opposizione, nessuna rivolta.

    Il mio consiglio? Schizzate via finché siete in tempo, lasciate perdere i saluti, non siate indulgenti con chi vuole bollirvi il culo! Anche se questo qualcuno vi dice che lo fa per il “vostro” bene…
    Prendetevi una pausa, state con voi stessi, recuperate le forze e raccogliete lo scudo…senza quello non andate da nessuna parte.

  123. usciredallorrore ha detto:

    Ok, a breve pubblicherò ancora qualcosa, ho già in mente un articolo, però in effetti è opportuno avere almeno una cultura di base sull’argomento, se no alcune cose non si capiscono e ci possono essere fraintendimenti.

  124. Anonimo ha detto:

    @ Alessio:
    R.B. non ha intuito una fava,tutt’alpiù ha fatto un bel polpettone di varie “tradizioni”,un bel copia incolla di certi concetti e li fatti diventare,come dice bene Daniele,un bello specchietto per i po…ehm…le allodole… :-)))
    A me sembra di vedere in atto un plagio emozionale come quello che viene usato in altre robe tipo scientology ed affini….poi chissà….
    Tra le altre cose,il puntare sempre il dito contro altri,tipo la storia del “fuori i mercanti dal tempio”,quelli sono dei coglioni,”non ce la possiamo fare”…..”io si” ….”voi non lo so”….”non ve ne accorgete neanche cosa vi stanno facendo”, “io non ho bisogno di vendere”….ecc ecc,è una tecnica per poi fare proprio TUTTE le cose che denigra così con veemenza senza essere mai contraddetto.
    Alessio,il mondo degli “esoteristi” è pieno di ste robe e saltarci dentro acriticamente è molto pericoloso. Questi sanno come creare un nucleo centralizzato con intorno un gregge di adepti adoranti per creare un’eggregora…..che poi nel tempo va nutrita…..

    Mr Blue

  125. Daniele ha detto:

    Considerando il fatto che sono completamente digiuno circa la “nuova medicina germanica” del Dott. Hamer, per ora direi che non ho domande. Sinceramente non saprei nemmeno cosa domandare. Di conflitti ne ho quanti ne vuoi, a secchiate proprio…anche se per ora non mi danno motivo di preoccupazione.
    Magari prima cerco di farmi una “cultura” in merito, anche consultando il materiale che metti a disposizione sul sito e sul canale. Grazie per la disponibilità.

  126. usciredallorrore ha detto:

    Ma sì figurati, con la tastiera i malintesi capitano. Se sei davvero interessato ad Hamer chiedi pure, però magari nella sezione apposita, questo articolo è già pieno…

  127. Daniele ha detto:

    In effetti l’avevo intesa in modo ironico. Che ci vuoi fare, quando si comunica tramite tastiera i malintesi sono sempre dietro l’angolo.
    Spero non ti sia risentito troppo per quel leggero tono sarcastico da me usato nella precedente risposta, l’intento era solo quello di rispondere a tono. Ma visto che di malinteso si tratta…beh, vorrai scusarmi spero. 🙂

  128. usciredallorrore ha detto:

    Forse non ci siamo capiti ;). Intendevo che il tuo intervento era chiaro, non ero ironico.

  129. Daniele ha detto:

    Dici? E pensare che l’intento era proprio quello di farmi capire perfettamente. Ora che ci penso, non sarà che pure io ho dei conflitti irrisolti? Da Hameriano cosa mi consigli? Potrei ricapitolare qualcosa magari… 🙂

  130. usciredallorrore ha detto:

    Grazie Daniele, il tuo intervento, invece, si capisce perfettamente.

  131. Daniele ha detto:

    Alessio, più che alle sue “geniali” intuizioni, presterei molta attenzione alle sue “nascoste” INTENZIONI, che appunto non traspaiono mai dalle parole, ma dai FATTI.
    I fatti non necessitano delle parole, i fatti si confermano da se! Il fumo se lo porta via il vento, l’arrosto invece no, quello rimane sempre, al massimo diventa carbone.
    E dove sta l’arrosto di Rocco? Io vedo solo tanto fumo…
    E poi Rocco mica vi da il piatto con l’arrosto, quello se lo becca tutto lui semmai! A voi rimane il buon pro-fumo al massimo, che non vi “sazia” però.
    Ti vuoi saziare? Vuoi il tuo bel arrosto nel piatto? Allora impara a “cacciare” e a “cuocere”, altrimenti accontentatevi del fumo che zio Rocco vi lascia annusare.
    Rocco non insegna mica a cacciare e a cuocere, altrimenti rischia di farsi fregare l’arrosto!
    Altro che interruttori che si spengono e coscienze che si accendono….TANTE PIPPE!

    E se non stai attento a come ti muovi va a finire che ci diventi tu stesso l’arrosto, non so se riesco a farmi capire…si capisce?
    Occhio alla penna…

  132. usciredallorrore ha detto:

    Intervento alquanto contorto e lamentoso Alessio, non ho ben capito cosa volevi dire. Che vuoi che ti risponda? Se a te quello di Rocco Bruno non sembra Ego ma coscienza, se in lui vedi genuino entusiasmo (da “teo”, dio), allora non farti abbattere da quanto scritto qui, vai da lui e seguilo, servilo come si fa con un maestro. O il tuo Ego te lo impedisce?

  133. Alessio ha detto:

    A Rocco va riconosciuta questa intuizione: l’intuizione di una trappola. La trappola è questa: siamo tutti potenzialmente in grado di svegliarci, assaporare la nostra autocoscienza e andare verso la realtà con creatività. C’è però una trappola, un ostacolo da superare: la preoccupazione della tentazione dell’ego, che oggi anzichè essere uno strumento di autocorrezione è diventato un mezzo per paralizzarti e abortire qualunque processo costruttivo che va nella direzione del risveglio. Cominci a costruire, il progetto sta diventando troppo concreto, ed ecco la vocina “eh, stai espandendo troppo il tuo ego”, e la proiezione di paura “il sistema potrebbe diventare più brutto di quello di adesso, BRRRR!”, ed ecco la credenza “il ventenne che ha capito tutto = hai 14 anni, abbassa la cresta”. Capito il ricatto? Uno sviluppa pensieri, da corpo alle sue intuizioni, e non deve essere frenato da un buon senso, ma da un pensiero auto-svalutante: “sono un pivello di 20 anni”. Oppure devo preoccuparmi se mi prendo una licenza poetica o inciampo in un gergo. Insomma, qual è la morale? Che devo stare paralizzato, ancora una volta l’entusiasmo va spento. Ma insomma, questa coscienza quand’è che si può esprimere? Con quale linguaggio? Quand’è che possiamo darle un po’ di aria, giusto per farle sgranchire un po’ le gambe, che qui si sta stretti…

  134. Daniele ha detto:

    A Rocco più lo guardo e più mi trasmette l’immagine di un gallo ruspante con tanto di cresta che razzola nel recinto insieme ai suoi polli e galline.
    Almeno i classici guru di solito se ne stanno appollaiati fermi immobili a dire quello che devono dire, lui no! Se non spiega le ali e non alza la cresta contro qualcuno non è contento! Nun se po guardà…
    In fondo il progetto Zion cos’è se non un pretesto infantile per sentirsi ufficialmente il RE del pollaio?
    Oltre che un modo per spennare i capponi ovviamente…

    Per dirla con le parole del RE gallo:
    “MA IO MI DEVO BUTTARE!! Riesco a farmi capire?? PUTTAAANA!!! Ma ce la possiamo fare?!?!?
    Che gli dice Mastro Galletto a pollocchio (occhio di pollo)? Avete presente??? La metafora del becco di legno…
    Un giorno diventerai un polletto vero!! Non so se riesco a farmi capire….si capisce? ”

    Ps: Gigioneggiate a parte, cercate di non fare la fine del pollo, non è una bella fine.

  135. Anonimo ha detto:

    Nicola Maria
    se è veramente di Gurdjieff,non è il tuo pensiero,è quello di Gurdjieff.

    Mr Blue

  136. usciredallorrore ha detto:

    Ciao Nicola non so se Gurdjieff ha detto proprio così, dove l’hai preso? Comunque bisogna sempre vedere cose si intende per “esseri naturali”… Nel mondo d’oggi in molti pensano di essere arrivati chissà dove solo perchè hanno letto qualche libro, o frequentato qualche corso di qualche sedicente maestro. Hai notato il commento del ventenne poco sotto? Le tentazioni dell’ego sono oggi ancora più grandi di cent’anni fa. Conseguentemente, oggi, credo poco anche alla storia del convincere e conquistare gli altri. Chi ha un ego enorme espande solo il suo ego, non la verità.

  137. NICOLA MARIA ha detto:

    INTERESSANTE IL RISCONTRO DI QUESTO BLOG, NON IMMAGINAVO COSì TANTI COMMENTI
    MI PIACEREBBE SEMPLICEMENTE CONDIVIDERE IL MIO PENSIERO CON: “G.I. Gurdjieff”
    se un numero sufficiente di individui
    si sviluppassero anche parzialmente,
    in veri e propri esseri naturali
    ogni individuo potrebbe riuscire a convincere e conquistare
    un maggior numero di persone
    centinaia di altre persone
    che sarebbero in grado ognuno a sua volta
    di influenzare un altro centinaio di persone e
    e cosi via…..

  138. Anonimo ha detto:

    @Davide…
    Vedo ora che è nollo spot pubblicitario…..ma è ridicolo!! :-))))

    Mr Blue

  139. usciredallorrore ha detto:

    Sì mr blue basta che vai sulla sua pagina facebook, è uno degli ultimi video che ha messo (nota i commenti…), cmq lo trovi come sempre in vari posti, anche qui: http://www.universaljob.it/universal-job-teaser-n2/
    ciao, e chiamami pure davide, usciredallorrore è un po’ lungo 😉

  140. Anonimo ha detto:

    Mr Birillo…..hai anche imparato a dire una cosa e poi contraddirti subito dopo? No perchè sembra che quella cosa R.B. la sappia fare bene!
    Il vero problema è che voi glissate sempre sulle contraddizioni evidenti che sono emerse…..tipo schifare chi vende libri su sti argomenti e poi venderli anche lui in rete ed al banchetto…..oppure dare del coglione che non ha capito un cazzo a chi forma associazioni e poi formare un’associa-ZIONe lui….dire che i soldi fanno cagare e poi chiedere donazioni,facendo leva sul senso di colpa…ultimamente ho visto scritto al promo di una sua conferenza : “entrata libera” (min 5 euro)….vuoi che ti posti il link così puoi verificare di persona?
    Vedi,se fosse partito come tutti gli altri,senza fare il fenomeno che schifa il denaro,vendendo i suoi libri ecc,non ci sarebbe nulla da eccepire:sarebbe stato un venditore dichiarato e stop.
    Invece è partito da subito facendo il “salvatore della patria” che elargiva sapienza gratis perchè tanto,come dice lui,il mistero si cela ai poveri mentecatti che.ovviamente,sono tutti quelli che non rispondono al suo nome……se permetti questi sono comportamenti ambigui.
    Stai all’ombra mr birillo.

    @usciredallorrore
    Ma veramente c’è un video dove risponde alla chiamata dell’universo?
    Puoi mettere il link? :-)))

    Mr Blue

  141. usciredallorrore ha detto:

    Che supponenza, e che pochezza. Volevi prendere le parti di Rocco, ma in realtà hai, inconsciamente, confermato tutto ciò che ho scritto su di lui e sul suo gruppo.

  142. Mister-Brillio ha detto:

    Ovvio, quando mai lo dovrei capire, a 80 anni? O forse a 320? No, adesso. …. Alla setta mi hanno insegnato così!!!

  143. usciredallorrore ha detto:

    Più che altro è lui, negli ultimi anni, che si mette nella posizione del Cristo risorto. L’hai visto l’ultimo video in cui lui, e solo lui, risponde alla chiamata dell’Universo? Comunque Yuri si vede che sei andato per un anno da Rocco, parli proprio come lui: fai il maestro senza esserlo. Il lavaggio del cervello nelle tue parole è evidente. Se però in questa condizione mentale stai bene non ho nulla da dirti, si vede che quella è la tua strada. PS: ma sei del 1994? A vent’anni pensi già di aver capito tutto?

  144. Mister-Brillio ha detto:

    Ragazzi, R.Bruno è un professore. Nient’altro! Voi ne parlate come se dovesse essere il messia, il cristo risorto! Non capisco che cosa vi aspettiate da lui! Io ho fatto un anno ad andare alle lezioni settimanali tenute da R.B.. Le chiamo lezioni, chiamiamole pure scuole serali…Perchè questo sono. Sono scuole serali in cui vai per apprendere delle cose…sì, apprendi dei concetti, delle idee, certo…Apprendi anche dei modi di fare, dagli atteggiamenti del professore, assorbi le sue influenze…e funziona cosi in ogni singola classe di questo mondo. Ogni alunno, volente o nolente, assorbe idee, emozioni e atteggiamenti dal professore che ha di fronte. Assorbe un po della sua storia di vita, della sua anima. Di questo si tratta. Assorbire influenze di cui necessiti. Ora, per esempio, sto assorbendo da tutt’altra persona: uno chef, che mi insegna un mestiere, e passando il tempo assieme, io assorbo da lui tutte le influenze di cui ho bisogno, e lui assorbe da me quelle di cui lui ha bisogno. Non esiste un maestro, un uomo perfetto da cui è preferibile assorbire…Tutti siamo potenziali maestri. E sottolineo POTENZIALI. Poi dipende da te, dalle tue personali esigenze e lacune esseriche, andrai ad assorbire da uno piuttosto che da un altro. Se non avete bisogno delle influenze di R-Bruno, allora semplicemente ignoratelo. Se proprio non riuscite a ignorarlo…allora forse in fondo in fondo le volete le sue influenze…però la cosa vi ferisce nell’orgoglio perchè dite: “Ma come, io sono una persona cosi intelligente ed erudita, e devo andare a raccogliere la merda che mi lancia addosso questo rocco burino? ….che magari è pure un bastardo mercante ingannatore??!”
    Esatto ragazzi. E se davvero siete in questa condizione…allora siete nel bel mezzo della scelta e non volete mollarla. Che cosa scegli: nutrire la tua anima con il cibo che ti ha chiesto, oppure continuare a mettere le fette di prosciutto sempre piu spesse sopra i tuoi occhi?

  145. Anonimo ha detto:

    Svegliati che è meglio!

    Mr Blue

  146. Anonimo ha detto:

    ebbravo mr blu

  147. Anonimo ha detto:

    @ anonimo 3 febbraio 2015 alle 18:16
    “Pensi che sia aria quella che stai respirando?”

    Dai fate ridere: non riuscite ad esprimervi senza citare frasi fatte,tra l’altro dal film “the matrix”!
    Ma datevi una svegliata!!Ormai parlate un gergo zioniano,usate termini non vostri presi da un film e dal vocabolario esoterico di R.B.
    Vi comportate proprio come delle persone stereotipate che seguono una moda!!Anzi siete peggio perchè credete di aver capito tutto. State freschi!
    Hahahahahahah siete ridicoli,pensate di essere dei fenomeni ed invece siete più ordinari degli ordinari: i nuovi italioti zioniani.
    Poi avete anche il coraggio di parlare di “psichismo” copiando Gurdjieff? Ma vi rendete conto della “forma mentis” che avete accettato? Provate ad osservavi. Pensate che sia diversa da quella che avevate prima? Altro che “Pensi che sia aria quella che stai respirando?”
    “Sarebbe meglio dire: “pensi che sia la tua la testa che stai usando?”
    Sveglia!!!
    :-)))

    Mr Blue

  148. usciredallorrore ha detto:

    Ok è tutto un ologramma, quindi?

  149. Anonimo ha detto:

    Pensi che sia aria quella che stai respirando?

  150. Anonimo ha detto:

    Il bello è che dice che i veri saggi non fanno associazioni culturali!! C’è da pisciarsi sotto dalle risate a pensare che lui ne ha creata una…..e che chiede donazioni e vende libri…….”fuori i mercanti dal tempio”……si state freschi!!
    Guardate il commento di Jonathan Falcone che dev’essere uno del gruppo editoriale che gli pubblica o pubblicava i libri…… ;-))))

    Mr Blue

  151. Anonimo ha detto:

    Invito a cercare nei commenti dei video non postati da lui….anche perchè in quelli postati da lui li ha disattivati….chissà perchè?
    Tipo questo

    :-)))

    Mr Blue

  152. usciredallorrore ha detto:

    Ok Alessio, ora almeno hai espresso un pensiero. L’errore che secondo me fai è considerare la coscienza come qualcosa di statico, mentre invece è tutt’altro. La coscienza, in realtà, non può essere statica. Le impressioni che avevo ricevuto da Rocco all’inizio erano buone, e non ho nessun problema a dirlo. Poi, col tempo, ho cambiato idea. Ciò significa che, alla luce anche del suo comportamento personale, ovvero al di là dei monologhi, Rocco non mi ha convinto, perchè non mi dato più quella sensazione di verità che invece avevo avuto all’inizio. E non diffido affatto del mio intuito… Ricordati che l’ego rimane sempre il più grande nemico, e Rocco in questo momento è sotto forte tentazione, perchè si è circondato di adulatori acritici e poco intelligenti. Tutto questo non significa affatto che i suoi discorsi possano ancora stimolare molte persone, tra le quali ti annoveri. Significa che, secondo me, non è in grado di portare avanti un progetto di società alternativa. Se il suo ego crescerà ancora, quello che creerà, a mio parere, potrebbe essere anche più brutto della società in cui viviamo. Ci siamo capiti?

  153. alessio ha detto:

    Scusami se ci sarà qualche imprecisione perché scrivendo con il comodissimo touch screen dello martphone!mi spiego meglio:quando sento un discorso di Rocco sento uno stimolo alla ricerca interiore, quando dici “sembra uno che cerca genuinamente la verità” ha non hai sentito una qualità di Rocco,ma hai sentito uno stimolo interiore,e hai fatto male a metterlo in dubbio.tutto cio che ci da la sensazione di uma “genuina ricerca” va seguito come una grazia dal cielo,non me ne frega un cazzo di RB,se da lui traggo uno stimolo alla focalizzazione interiore io lo uso finche mi serve,e se domani diventera uno strument obsoleto, se diventera un “agente”, lo getterő via,ma non significa che prima di “scadere” non fossr un cibo nutriente.Tu ti comporti come un controllore di matrix se non tieni conto di questi scambi energetici tra gli individui,tradendo petsino te stesso perche ammetti che RB ti ha dato qualcosa,nel momento i cui dici “mi sembrava un ricercatore genuino”.Quel “mi sembrava”era un’impressione della tua coscienza,del tuo bambino interiore “genuino”, non di un ego:che fai, non ti fidi della tua coscienza? OGni cosa che stomola la mia coscienza ė un alleato al mio risveglio, non un nemico,altrimenti entriamo nel solito paradigma in cui per risvegliarsi non basta la buona volonta genuina,non basta essere bambini,ma anzi dobbiamo diffidare del nostro intuito,per paur ai rischiare, come se avessimo qualcosa da perdere.Quello che volevo esprimere non è un lamenyo,ma solo far notare che un discorso di RB mi trasmette questo stimolo di risveglio,questo articolo invece,con tutti i commenti che si porta dietro,mi trasmette il sapore l lamento sterile,spero di essermi spiegato

  154. Anonimo ha detto:

    Alessio…datte all’ippica!!….magari a zion ci fanno pure il maneggio….chissà???
    :-)))

    Mr Blue

  155. usciredallorrore ha detto:

    Bè fantastico, sei un lettore anonimo che si chiama Alessio, e ti lamenti su questo blog perchè su questo blog c’è troppa lamentela. Ma di cosa vogliamo parlare? Siamo messi male…

  156. Alessio ha detto:

    Sono un lettore anonimo, non sono fan di Rocco Bruno, non so cosa voglia seminare, in ogni caso vedo che di energia del lamento questo blog ne fornisca a palate per il sistema.

  157. X ha detto:

    So che appunto in quella setta o pseudo religione si sono divisi, il suo gruppo immagino abbia come gli altri le radici ben piantate nelle viscere di Samael Aun Weor 🙂 Tanto è palese siamo nel paese del bengodi non si salva nessuno, ne i politici ne i filosofi del caiser che sbucano fuori dal film Matrix. 🙂

  158. Anonimo ha detto:


    :-)))

    Mr Blue

  159. Anonimo ha detto:

    Il borgo medievale è guarda caso attaccato ad un agriturismo. Le notizie che ho sono di qualche ragazzo che si sentiva in colpa per non aver trovato i soldi per finanziare l’acconto per poi fermare l’acquisto. Rocco sui fb si è pure lamentato volgarmente e senza ritegno, “poi sarà il suo modo di comunicare che viene frainteso” ? oppure rientra nella strategia del “senso di colpa” da inculcare. In poche parole avrebbe messo alla prova i fedeli. Il resto comunque sarebbe dietro a finanziamenti europei visto che la struttura è per udite udite SCOPI UMANITARI. E quando dici di chiedere un finanziamento l’europa di solito valuta bene la possibilità in quanto è uno dei modi che gli permette di stampare moneta. Non sarà in mala fede ma questa storia dovrebbe essere vagliata seriamente

  160. anonimo ha detto:

    Come avevo già detto mesi fa Rocco Bruno lasciò la setta di Samael più di dieci anni fa e organizzò un gruppo tutto suo.

  161. Anonimo ha detto:

    I seguaci di Samel ..scusate volevo dire Il Cristo crocifisso sulla Luna ma proveniente da Marte…. sono vivi e vegeti in tutto il mondo, ho saputo che in Italia sono divisi in 4 gruppi ogni uno fa il fenomeno oppure si coltiva il suo orticello. Ogni gruppo sembra sia strutturato in cosidette “stanze” Vedi modello Piramidale in internet si trova se fai il nome di Samael..ecc sulle immagini di google lo trovi subito. Per l’accesso alla 1 stanza devi essere passato dall’anticamera che sarebbe l’equivalente della rete da pesca. Il cosiglio della 1 stanza decide se vede che ci sono i presupposti di informarti dell’esistenza della struttura piramidale. Normalmente da come ho capito il tonto di turno si sente importante dopo che gli viene informato che è degno di entrare. In internet ho trovato solo una foto con gli adepti in camice celeste per le cerimonie ed è dal sud america, questo fa capire l’effettiva segretezza. Il progetto Zion è rivolto in lombardia.
    Da come la vedo io Rocco ha sfruttato l’immagine di Matrix perché veicola i poveri cristi che abboccano. Poi il metodo di gestione è per forza quello che ha vissuto per 15-20 anni con quella dottrina…

  162. Anonimo ha detto:

    Sembra che affermasse veramente la sua crocifissione sulla luna….
    http://blog.enzodifrennablog.it/index.php/informazione/rispondo-al-commento-di-marco-su-samael-weor.html
    ….chissà se avrà visitato anche il pianeta Papalla??? :-)))

    Mr Blue

  163. Anonimo ha detto:

    Allora possiamo aggiungere anche “doppiogiochista” oltre che bugiardo come aggettivi per descriverlo.
    Non male per uno che si erge a ruolo di “maestro”….
    @X :
    Ma il luogo dove voleva fare zion non era sull’appennino tosco emiliano?
    Il borgo medievale in lombardia non c’entra nulla con zion?
    ….no perchè qui la faccenda si fa bella fumosa…:-)))

    Mr Blue

  164. usciredallorrore ha detto:

    Bè sì Mr Blue, credo che X intendesse la statua o comunque un’effige, non Samael in carne e ossa… Ma questo Samael diceva veramente di essere stato Gesù Cristo sulla Luna quando era abitata? Mi sembra incredibile, ma ormai non mi stupisco più di nulla. Comunque Mr Blue, a quanto mi sembra di aver capito e a quanto dicono X e altri, Rocco continua ancora a far parte della setta, solo che non ne parla in pubblico, ma solamente agli “iniziati”.

  165. Anonimo ha detto:

    Qui,nei commenti ne parlano….
    http://samaelaunweorgnosis.blogspot.it/2012/06/le-coppie-gnostiche.html
    A onor del vero,Samael Aun Weor è morto il 24 dicembre 1977 a Guadalajara,mi sembra improbabile che R.B. lo possa aver incontrato. Avrebbe avuto una decina d’anni….a meno che non baciassero i piedi della sua statua….
    http://it.wikipedia.org/wiki/Samael_Aun_Weor

    Mr Blue

  166. Anonimo ha detto:

    @ X :
    Per l’appartenenza passata alla setta samaeliana si sapeva. Molto grave sarebbe se ne facesse ancora parte e utilizzasse tutta sta manfrina per inbrinchiare i boccaloni.
    Ripeto: molto grave!! (per lui)

    Mr Blue

  167. X ha detto:

    Il furbacchione con la sua dottrina e’ abituato a fare bla bla bla… Sta prendendo soldi a gente ingenua per farsi l’albergo a 5 stelle in quel borgo medievale in Lombardia. Ma già è una zona che ha energie particolari…lui le percepisce sapete….
    C’è gente che si sente in colpa per non aver dato soldi perché era senza lavoro.

  168. X ha detto:

    Salve sapete che Rocco e’ discepolo e maestro della setta samaeliana di Samael Aun Weor …fatevi due risate….lui è sua moglie con il amiche azzurro a fare cerimonie e a baciare i piedi a Samael che diceva di essere stato Gesù crocifisso sulla Luna quando era abitata e poi Giulio Cesare e tanti altri. Guardate anche il sistema di indottrinamento, il primo scopo e’ quello di pescare persone ingenue per poi fargli fare il percorso delle varie stanze…una volta che il consiglio SEGRETO ha deliberato ……. Ora vi tornerà molto meglio il fenomeno da BARACCONE di Rocco ah ah ah

  169. Anonimo ha detto:

    Aspettiamo fiduciosi…..
    :-))

    Mr Blue

  170. usciredallorrore ha detto:

    Quindi? Quale tassello?

  171. X ha detto:

    Ciao, non ho letto tutta la conversazione, ma avrei un tassello da aggiungere per comprendere quello che passa nella mente di quel Rocco….

  172. usciredallorrore ha detto:

    Ciao Anonimo, per quanto ne so io è un’altra questione non ben chiara. All’inizio Rocco parlava malissimo di qualsiasi formazione politica, anche quelle alternative, dicendo che lui “operava su un altro livello”. Poi evidentemente il livello deve essere sceso perchè ha cominciato ad elogiare, seppur moderatamente, i 5 stelle. Se devo dir la mia direi che a questo punto Zion e i 5 stelle non sono molto diversi, dicono entrambi solo mezze verità (e forse con secondi fini…). Solo che per i 5 stelle è più comprensibile, perchè loro puntano alla grande massa democratica, che oggettivamente non sa un cazzo, e non è quindi preparata per accettare certe verità “intere”.

  173. Anonimo ha detto:

    Ciao a tutti.
    Trovo molto interressante quanto riportato in quest’articolo e anche più quanto scritto nei commenti.
    Una cosa non mi è molto chiara però: qual’è il rapporto tra Rocco Bruno e il Movimento 5 Stelle?
    Qualcuno può illuminarmi in merito?

    Grazie mille a chi vorrà rispondermi!

  174. Anonimo ha detto:

    Saraaaa……su svegliati è primaveeeraaaa….

    Mr Blue

  175. usciredallorrore ha detto:

    Ma perchè mi date del “voi”? Sono solo io l’autore di questo blog, e non pretendo il plurale maiestatis. Secondo te quindi sono pagato? E da chi, di grazia? Comunque mi rivolgo a te Sara, e a tutti i Roccobruniani: potete fare interventi in cui esprimente un’idea, una rimostranza, una osservazione su quello che ho scritto, un qualsiasi cosa che non siano queste frasi campate in aria, che dimostrano solo la vostra supponenza e la vostra saccenza? Scusa ma mi avete un po’ stancato, sento solo echi senza senso delle parole “a effetto” di Rocco, non individui che esprimono qualcosa. E non ho davvero più voglia di interagire con dei robot col cervello lavato.

  176. Sara ha detto:

    Quanto vi pagano? Seguite la luce Signore e Signori. Rocco dice mezze verità, il resto della verità lo dovete cercare dentro di voi se non volete rimanere il “Pinocchio di legno” e non di carne. Collodi era uno dei tanti come Rocco che ne sapeva, sveglia senno ci fanno il culo a strisce senza accorgerci.

  177. usciredallorrore ha detto:

    caro tato lasciamo che ognuno segua la sua strada, per imparare le lezioni che deve imparare, noi compresi ;). Chi segue Rocco in questa impresa di Zion evidentemente ha qualcosa da imparare da lui, non credi?

  178. tato ha detto:

    I commenti mi hanno illuminato,ora è tutto chiaro,ecco perchè non ho percepito nulla di trascendentale in lui.
    Io sono stato anche a una sua conferenza e mi sono addormentato,a me non acchiappa !!!
    Grazie a chi ha postato le sue esperienze…
    A volte è meglio farsi guidare dai sensi…mi dispiace per tutti quelli che hanno ancora i paraocchi e contribuiscano ad una causa che non è di tutti …

  179. usciredallorrore ha detto:

    Ciao nei commenti sotto qui e negli altri articoli troverai alcune testimonianze.

  180. g marletta ha detto:

    Condivido le tue opinioni
    Ti risulta ci suano stati casi di plagio ?

  181. Anonimo ha detto:

    ” Chiedi e ti sarà dato” …magari per le donazioni funziona! 😀 😀

  182. Anonimo ha detto:

    Direttamente da zion un laboratorio di yoga…

    Mr Blue

  183. Anonimo ha detto:

    E cche ce voi ffà….

    :-)))

    Mr Blue

  184. anonimo ha detto:

    Sono anni che fa conferenze dicendo (con falsa immodestia) che quando parla al “pubblico” in realtà lo fa per se stesso in modo che ripetendo sempre le stesse cose le interiorizza.
    A quanto pare ha adottato un sistema che non funziona affatto e quando si nota l’incoerenza va a finire che si mettono in dubbio tutte le teorie che professa e promulga.

  185. Jenny ha detto:

    secondo me Rocco Bruno dice cose validissime, ha un’ottima preparazione ma ció che salta all’occhio e’ proprio ció che condanna: divaga, insulta altri che non condivide (ma incoerentemente non accetta che qualcuno critichi lui), urla aggressivamente….tutte manifeste espressioni di ego forte. Secondo me chi si prende i complimenti, si prende anche i giudizi che non concordano col suo punto di vista quando costruttivi ed educati, altrimenti e’ un volere mantenere l’importanza personale (ego). Proprio come lui manifesta il suo disappunto quando alcune teorie e personaggi li trova ridicoli. La divagazione verbale e’ tipica di un chiacchericcio interiore molto spinto quindi io gli consiglio vivamente tanta meditazione che fa bene a chiunque. Solo così puo’ indebolire veramente l’avversario. E lo dico perchè io la faccio regolarmente insieme allo yoga e ho la mente molto più ferma e calma, posso quindi riconoscere grazie al prima e dopo come si manifesta l’ego. Se ci si ferma alla teoria ma poi non si passa ai fatti mettendoci tutta la volonta’ interiore, mi dispiace ma il nemico resta sempre lì, dentro sè stessi. Fermo restando che ha tante qualità e lo ringrazio per le informazioni che passa, se legge spero che lo prendera’ come un consiglio fraterno e non come un attacco

  186. anonimo ha detto:

    Se R.B. dovesse sperimentare anche una minima parte di vuoto o silenzio interiore…ne morirebbe. Non tollera nemmeno star solo con la sua compagna…figuriamoci con sé stesso.

  187. Anonimo ha detto:

    Mr Blue

  188. usciredallorrore ha detto:

    Sì in effetti è incredibile quanto poi si è contraddetto. Un individuo nel pieno della confusione. Però, come cantava il grande Kurt Cobain, ‘Just because you’re paranoid doesn’t mean they aren’t after you’ (il fatto che tu sia paranoico non significa che non sarai seguito…)

  189. Anonimo ha detto:


    Video del 2013
    No comment

  190. usciredallorrore ha detto:

    In effetti Mr Blue 😉
    Ora ti cancello quello di prima. Ciao e grazie dell’intervento.

  191. Anonimo ha detto:

    …Per quanto riguarda il discorso di eggregore non venivano svolti dei rituali in merito, le ha sempre demonizzate solo in pubblico, ma secondo mia modesta opinione non si è forse accorto di averne creata una anche bella vasta e questa forse è l’incoerenza prima….

    Infatti,mi sono sempre chiesto se lui se ne rende conto. Anche tutte le forme religiose sono eggregore,solo che in questi casi sono state create con metodo e,inizialmente,a scopo anagogico.

    …Gli intenti erano tutt’altro che malvagi in quanto venivano professati propositi di fratellanza, di unione e di sviluppo di energie buone, ma pur sempre pericolose se non si ha una buona e salda preparazione o conoscenza in merito, perché si tratta comunque di andare a smuovere energie interiori le quali, se non ben guidate o direzionate, destabilizzerebbero chiunque….

    Beh,questo almeno fa ben sperare in una presa di coscienza.

    …Un’altro particolare che vorrei sottolineare è che R.B, si punta addosso i riflettori ovunque si trovi, qualora si trattasse anche di un pranzo o una cena informale.
    Concludo dicendo che molto probabilmente non è mai riuscito a dis-identificarsi dal suo passato ruolo di star sul palcoscenico….

    …manco fosse Mick Jagger!! AHAHAHAHA

    …Si risveglierà mai dinnanzi alla sua personale Matrix, lui che sta offrendo la soluzione del secolo?….

    Speriamo anche perchè anche secondo me era in buona fede,magari lo è pure ora,però s’è perso. Comunque è vero che ognuno sbatte la testa dove deve sbatterla.

    Mr Blue
    PS:l’ho riscritto perchè non si capiva nulla di quello di prima…

  192. Anonimo ha detto:

    Puoi spiegare di che si tratta quando nei video mima lo spegnere l’interruttore mentale….come se fosse quello il modo di far cessare l’associazione di pensieri (tanto per usare il suo linguaggio)..la gente ci crede pure?

    Mr Blue

  193. anonimo ha detto:

    Per quanto riguarda il discorso di eggregore non venivano svolti dei rituali in merito, le ha sempre demonizzate solo in pubblico, ma secondo mia modesta opinione non si è forse accorto di averne creata una anche bella vasta e questa forse è l’incoerenza prima.
    Per quanto riguarda le attività di camera esoterica, spero per lui che abbia smantellato tutto o abbia spostato la sede, in quanto sarebbero assai dannose fughe di notizie come queste mie.
    Posi termine spontaneamente alle mie esperienze in quel contesto più di un anno fa, quando Zion era solo un’idea che stava facendo capolino e R.B, , con la collaborazione del “fritto misto” dei suoi seguaci, fece una gran bella terra bruciata su tutti i fronti (web e rapporti personali).
    Magia eonica? Mai sentito parlarne durante la mia frequentazione e non so nemmeno di cosa si tratti.
    Gli intenti erano tutt’altro che malvagi in quanto venivano professati propositi di fratellanza, di unione e di sviluppo di energie buone, ma pur sempre pericolose se non si ha una buona e salda preparazione o conoscenza in merito, perché si tratta comunque di andare a smuovere energie interiori le quali, se non ben guidate o direzionate, destabilizzerebbero chiunque.
    Un’altro particolare che vorrei sottolineare è che R.B, si punta addosso i riflettori ovunque si trovi, qualora si trattasse anche di un pranzo o una cena informale.
    Concludo dicendo che molto probabilmente non è mai riuscito a dis-identificarsi dal suo passato ruolo di star sul palcoscenico.
    Si risveglierà mai dinnanzi alla sua personale Matrix, lui che sta offrendo la soluzione del secolo?
    No, perché finché avrà pubblico avrà speranza e modo di perpetuare nelle sue convinzioni contorte.

    P.s.: mi spiace molto che una persona deliziosissima e discreta come Filippo G. sia stato incentivato ad esporsi al pubblico ludibrio attraverso quella conferenza sulle Nac: cosa avrà mai sperimentato o con quanti altri si sarà confrontato per arrivare a sostenere che tutto l’impianto non funziona? Io, per esempio ho messo in ginocchio quel colosso di Sky e le sue vergognose frodi!
    E soprattutto…nell’ultima conferenza di giugno divulgata su you tube R.B., decisamente provato e scarno, che fa?
    ARRABBIATISSIMO (non solo per gli scarsi fondi) RIVENDICA PUBBLICAMENTE LA SUA SOVRANITA’!
    Decidetevi gente…

  194. Anonimo ha detto:

    Beh,mi hai risposto in anticipo.Grazie! :-)) Quando parli di indizi all’acqua di rose…..che fa in realtà?
    Che tu sappia lavora anche con eggregore,magia eonica e compagnia bella?

    Mr Blue

  195. Anonimo ha detto:

    @ anonimo 21 agosto 2014 alle 19:16
    Ma anche attualmente riveste i panni del sacerdote gnostico? Oppure lo faceva in passato?
    Grazie in anticipèo per la risposta.

    Mr Blue

  196. anonimo ha detto:

    La Linea di Samael Aun Weor l’abbandonò una decina d’anni fa anche se all’interno di quel gruppo era arrivato a coprire sempre una carica sacerdotale (tutti gli “affiliati” e le “affiliate” lo possono diventare).
    Nel nuovo contesto di R.B. (dove circa due anni fa c’erano pochissimi adepti) non viene ben specificata una linea e non v’è nessun tipo di preparazione per coloro che decidono di fare un percorso iniziatico all’interno di quel locale che è diviso in due: chi nelle conferenze pubbliche capisce che c’è dell’altro viene invitato a Robbiano e precisamente in un’altra saletta conferenze che confina con quella della camera esoterica, mentre chi nel tempo avverte la necessità o il richiamo verso la seconda, viene accolto per partecipare in tutto e per tutto nel contesto ritualistico.
    Quel che si comprende (e spiegato in maniera molto aleatoria) è solo che si partecipa in un contesto (o cerchio) dove si celebrano riti e rituali di “impronta gnostica” molto più liberale rispetto ad altri vari gruppi esoterici dove norme e regole sono molto più restrittive.
    Quel che voglio specificare bene è che non è una formazione d’impronta massonica e che in questi vari passaggi (conferenza pubblica- Robbiano -camera esoterica) non viene applicato alcun tipo di coercizione o abbindolamento di deboli. Tutto viene deciso dal singolo il quale poi può sentirsi libero di abbandonare come e quando vuole.
    Ho riportato qui la mia testimonianza non per giudicare quel che si svolge a Robbiano, anche perché, come me, ogni singolo individuo ha il sacrosanto diritto di rivolgersi verso qualsiasi tipo di esperienza, ma il motivo che ritengo grave è che R.B. sta coinvolgendo persone in tutta Italia omettendo le sue origini e quindi tanti, in buona fede, forniscono un tacito assenso partecipando a un grande progetto che in sé sarebbe anche cosa ammirevole, ma dove manca una limpidezza di fondo.
    No, nelle sue conferenze di tutto ciò non ne parlerà mai, perché in un solo attimo sparirebbero benefattori e gli utenti di you tube, mentre gli rimarrebbero fedeli (forse) solo gli adepti, complici anch’essi di questa menzogna occultata ai più.
    Per quanto riguarda la sua incoerenza, bhè, R.B. bisognerebbe “viverlo” di persona e…altroché commenti disabilitati sotto i video o attacchi verbali su facebook: sono solo indizi all’acqua di rose.

  197. usciredallorrore ha detto:

    Sì anche un altro utente, Elisa, mi ha corretto dicendo che lui non segue Aleister Crowley, bensì Samuel Aun Weor. Non entro nel merito di una dottrina che conosco troppo poco, però è effettivamente strano il fatto che non ne parli mai in pubblico. O, almeno, io non l’ho mai sentito. Sarà una di quelle robe massoniche di cui si può parlare solo con gli “affiliati”, non so.

  198. Anonimo ha detto:

    Linea di Samael Aun Weor.

  199. usciredallorrore ha detto:

    Ciao Anonimo, grazie del messaggio. Sai qualcosa di più di questo centro esoterico “lumicial”? Che linea seguono?

  200. anonimo ha detto:

    Che qualcuno si cimenti nel chiedere a freddo sul centro esoterico ” Lumicial “(e annessi rituali di “camera esoterica”) sito a Robbiano di Mediglia e dove R.B. ricopre le vesti (ed è pure tra-vestito) da gran sacerdote.
    Sempre meglio sapere fino in fondo con chi si ha a che fare, visto che non lo fa l’interessato così impedendo l’esercizio di un sano libero arbitrio, specialmente se ci si cimenta a partecipare in progetti come quello di “Zion”.
    Parola di chi ha vissuto in pieno un contesto dove troneggia quel dividi et impera tanto demonizzato durante le varie conferenze pubbliche.

  201. usciredallorrore ha detto:

    Bè certo ognuno risponde di se stesso.
    Con Rocco Bruno credo non si possa intavolare una aperta discussione, perchè lui “ha già capito tutto”… Se così non fosse, è sempre libero di intervenire qui e dire la sua sulle mie considerazioni. Credi non abbia già notato questo blog? Lui o qualche suo collaboratore? A quanto mi sembra sono l’unica voce critica verso di lui presente sul web. Poi come ho più volte detto non voglio mettere in guardia nessuno, perchè come hai detto tu è meglio che ognuno sbatta la testa dove deve sbatterla. Ho scritto i post su Rocco più che altro perchè volevo esistesse un posto in cui il suo pensiero e il suo modo di fare potessero anche essere contestati.
    Non sono d’accordo, infine, col relativismo totale che esprimi alla fine dell’intervento. Parlo per me: non mi interessa “un aspetto” della verità. Casomai sono pronto ad alcune verità, e ad altre ancora no.

  202. Ivan Sabaoth ha detto:

    Ho letto alcuni dei post relativi a Rocco Bruno, non so se siano tutti ma, in ogni caso, credo che il concetto che vien fuori è più o meno simile. Io non amo intavolare discussioni in cui si parla di qualcuno e quel qualcuno non è presente. Per presenza non intendo fisica ma anche di pensiero. Io non so cosa pensi realmente Rocco Bruno, cosa faccia e se nel suo intento ci sia quello di sostituire il suo pensiero a quello di chi lo segue. Anche qui, se così dovesse essere, penso che ne risponderà lui. Non credi? Mi capita spesso di confrontarmi e sentir dire: stai attento, state attenti, attenzione. Mi chiedo se, come me, hai mai provato quella brutta sensazione stomachevole al sentirsi dire: stai attento. Ho sempre fatto il contrario. Forse se avessi seguito il monito, pensandoci dopo, avrei evitato una brutta esperienza ma, in fondo, siamo qui per questo. Rocco Bruno dice delle cose, come tutti noi, ognuno poi, ad un certo punto, capirà se sia il caso di proseguire o meno. Non voglio dire che non sia giusto “mettere in guardia”, in fondo, tutti quelli che ti hanno risposto lo hanno fatto perché hanno provato. Quindi, in conclusione, se ci si deve “risvegliare”, come spesso si abusa di tale termine, ci si risveglia, sennò si continua a vivere come sempre, nell’attesa che arrivi un nuovo messia a dirci cosa siamo, chi siamo e dove andiamo.
    In fondo, ad ognuno interessa un aspetto della verità, come a me e a te interessa una parte della nostra argomentazione.
    Buona ricerca.

  203. usciredallorrore ha detto:

    Ok ok, ti ho scritto così perchè mi sembra tu non abbia colto alcuni aspetti di Rocco, relegando tutto alla sua “esuberanza”. Sono perfettamente d’accordo con te quando dici che l’unica guida affidabile siamo noi stessi. Ed è proprio qui che si insinua l’aspetto più insidioso del progetto di Rocco. Hai letto l’articolo “un esempio di truffatore spirituale”? Lì parlo proprio di questo concetto.

  204. Ivan Sabaoth ha detto:

    È dal titolo che sono arrivato al tuo post. Letto e riletto più volte. In ogni caso, è il tuo pensiero e ti ringrazio per lo spazio di intervento. Ho condiviso quello che sentivo riferendomi solo alla parte che riguarda la percezione che si ha di quest’uomo. Non parlo del pensiero di Hamer perché non ne conosco abbastanza, né di altre cose di cui non mi interesso. Questo è il mio contributo, se vuoi accettalo; se non vuoi, è il tuo spazio, non accettarlo.
    Grazie 🙂

  205. usciredallorrore ha detto:

    Non l’ho certo definito profeta del cazzo perchè è “esuberante”… Da quello che scrivi mi sembra che tu non abbia nemmeno letto l’articolo, ma solo il titolo, è vero?

  206. Ivan Sabaoth ha detto:

    Ogni persona con cui veniamo a contatto è la nostra rappresentazione. Il tasto dolente è quello che noi non vogliamo vedere in noi ma vediamo in chi abbiamo di fronte.
    Rocco Bruno può essere esuberante ma non mi pare corretto definirlo profeta del cazzo.
    Lui ha trovato la sua verità, c’è chi ne condivide il pensiero e chi no. Ognuno di noi può, basandosi sulle proprie sensazioni, discernere e scegliere cosa fare del suo pensiero: accettarlo in tutto o in parte o non accettarlo.

    Trovo alcune cose interessanti, altre un po’ meno ma ciò non toglie che seguirei un solo maestro: me stesso. Io non sono un maestro, mi definisco un apprendista, ma so che solo io posso giungere alla mia verità.

    Lui non è ancora maestro di sé stesso? non credo che sia importante per noi, è importante per lui. Ci sono persone che hanno bisogno di sentire ciò che dice, il famoso calcio nel sedere che lui spesso cita. Non possiamo alzare il dito contro qualcuno, anche se ne ha fatto un business, perché allora dovremmo farlo contro Roberto Re, Alfio Bardolla, Piernicola de Maria e tanti altri che hanno fatto della “crescita personale” il loro business.
    O tutti o nessuno.
    Lui ha trovato la sua verità ed è giusto che prosegua su quella strada, che sia o meno Ermete Trismegisto… questo non spetta a noi.

    Concludo, infine, con un paragone.
    Ricordate la morte di Pavarotti?
    Quanti dicevano che non sapesse cantare? quanti dicevano che non sapesse imparare un’opera con facilità e andasse spesso fuori tempo ecc… pensate che alle persone interessasse più di tanto? No, le persone vogliono sentire qualcuno che parli, canti, danzi con il cuore, che faccia tutto per amore.
    Il resto… sono solo pure speculazioni.
    Grazie dello spazio.

  207. usciredallorrore ha detto:

    Grazie a te per il messaggio Kukilelu, anche se ho scritto l’articolo più come sfogo personale che per tenere all’erta la gente. Non mi ergo a paladino di nessuno, cerco solo di esprimere quello che sento.

  208. usciredallorrore ha detto:

    Ma anche tu ciccio, hai letto l’articolo? Nel momento in cui Rocco dice grosse cazzate, come nella questione della sovranità personale o nel capitolo Hamer, non è possibile farglielo notare perchè appena dici “però” ti salta addosso lui e altri dieci adepti, che prima ti insultano e poi ti censurano, così sembra sempre che hanno ragione loro. Questo tipo di comportamento mi ha fatto alterare parecchio, ed è per questo che ho scritto l’articolo. Se invece per te il comportamento di Rocco è ok, allora perchè non guardi e passi? Perchè mi devi rompere le palle con commenti di questo genere? O il discorso “se senti GIA’ di essere in linea con quello che si dice qui bene altrimenti cercati la tua via da un’altra parte” vale solo per Rocco, e non per gli altri? Almeno io ti ho pubblicato senza alterazioni, e non faccio i giochini indegni che fa Rocco, solo per aver ragione a tutti i costi e farsi bello coi suoi adepti.

  209. ciccio ha detto:

    fate un pochetto ridere 🙂 sono disoccupato non ho una lira e seguo rocco (non online)… quando lui dice che “o come dico io o ciao” significa semplicemente “se senti GIA’ di essere in linea con quello che si dice qui bene altrimenti cercati la tua via da un’altra parte”… ed è una cosa estremamente sensata … è come se volessimo formare un gruppo che vuole costruire una casa monofamiliare e se tu ti interessi di edilizia va bene, ma se vuoi costruire un castello vai dove c’è chi cerca di costruire un castello! Il fatto che sia sempre edilizia non significa che vada bene x te. E se tu vieni per partecipare a una riunione per costruire una casa monofamiliare e mi fai domande su come si potrebbe costruire il castello mi fai perdere tempo e svii il gruppo dal lavoro. Se non avete capito questo che è la base ed è semplicissimo da capire il resto delle vs congetture e deduzioni ecc… sono solo cose supposte soggettivamente in quanto supposte si sa dove vanno a finire 😉 Se aveste anche solo ascoltato veramente qualche conferenza mi sembra molto chiaro sul concetto “io porto la mia esperienza e quello che ho capito io se vi può aiutare bene” …ma il percorso ognuno se lo deve fare da sè, con le proprie gambette. Non deve dare risposte perchè non ci sono risposte per chiunque ponga una domanda … e se dà una risposta in base alla sua esperienza e non vi piace … che ve frega? cercate altrove o per conto vostro. Su questo è molto chiaro, come sul fatto che ogni cosa che dice in una conferenza si limita a quell’ambito e a quelle persone a livello di esperienza, poi l’informazione può passare col video ma è come leggere un libro … vi risuona bene non vi piace avete letto un libro che non vi piace. Fine. Che fate ogni volta che leggete un libro che non vi piace ? A volte la semplicità e la chiarezza sono le cose più difficili da cogliere perchè la mente fa associazioni, crea aspettative ecc… ecc…

  210. kukilelu ha detto:

    Grazie per tenere all’erta la gente da i vari personaggi che si trovano navigando.Io a periodi faccio delle ricerche su varie tematiche,ogni individuo,chi più chi meno mi fornisce degli elementi a me utili per il percorso che sto provando a fare,il Rocco in questione me ne ha forniti di molto utili,poi sparerà anche lui qualche cazzata,infondo è un umano anche lui,l’inportante comunque è acquisire quello che si pensa utile per se stessi dai messaggi comunicati dai vari maestri e non e poi come dice un antico detto “uccidi il tuo maestro”…cammina con le tue gambe!
    Ciao e Buon Continuato di Vita a Tutti*

  211. usciredallorrore ha detto:

    Eh sì amico mio, ognuno tira acqua al suo mulino… Mi sa che aveva ragione Steiner quando diceva che questa è l’era del “tutti contro tutti”. Comunque a ben vedere ciò che Rocco inganna è sempre le mente, e non lo spirito. Per quanto si sforzi, infatti, non si stacca mai da un discorso egoistico e mentale, e gli manca del tutto quella visione impersonale tipica della nostra componente spirituale.

  212. Giuseppe Maini ha detto:

    ROCCO BRUNO è una VALANGA di affabulazione che NON chiarisce un CAXXO.
    SOLO lui sa…gli ascoltatori devono essere inebetiti da uno sproloquio che NON approda a nulla con a volte delle cose apparentemente intelligenti che poi vengono immediatamente contraddette.
    E poi il fatto che i video siano disabilitati al commento rivela che ha una CODA di PAGLIA:
    è consapevole di essere un IMBONITORE e MERCANTE dello spirito….del resto ce n’è una PLETORA anche a livello universitario.

  213. Daniele ha detto:

    Beh…ho solamente detto la mia, figurati.
    Volevo precisare che il mio non condannarlo si riferisce alla patologia, se sia chiaro.
    Non giustifico assolutamente quello che fa e come manipola le persone, ma diciamo anche le persone certe volte sono un pochettino tonte, vanno messe in guardia.
    Mi fa quindi molto piacere che tu abbia preso questa iniziativa, hai sicuramente il mio sostegno!

  214. usciredallorrore ha detto:

    Ciao Daniele, da hameriano ti posso dire che lui si trova sicuramente in costellazione megalomane, e probabilmente anche in quella mito-maniacale. Nella concezione di Hamer anche i disturbi psichici vanno letti in ottica biologica, comprendendone l’utilità in termini di sopravvivenza. Avendolo conosciuto abbastanza bene attraverso le sue conferenze potrei dire molto di più sul personaggio, ma preferisco evitare. Lascio lui e i suoi adepti seguire la loro strada. Grazie a te e a Roberto, Andrea, Emanuele e Bitcoin per i commenti.

  215. Daniele ha detto:

    Guardate che Rocco Bruno è una persona clinicamente disturbata, non lo dico tanto per dire.
    Mai sentito parlare di “disturbo narcisistico di personalità”?
    Basta guardare con attenzione i suoi atteggiamenti per capirlo: senso di sé esagerato, bisogno costante di ammirazione, sentirsi unici e speciali, mancanza di empatia nei confronti degli altri, arroganza, presunzione, mettersi al centro dell’attenzione, non lasciare parlare gli altri perché considerati non all’altezza, ostentare conoscenze superiori a quelle realmente possedute, bisogno di affascinare gli altri e stupirli ecc..ecc.. più chiaro di cosi.
    Rocco Bruno si è creato una sua scenografia, un suo pubblico che lo ammira, registra SEMPRE i suoi incontri che scommetto revisiona ogni volta sente l’impellente bisogno di auto compiacersi, e scommetto anche che questo è il motivo per cui non permette al suo pubblico di commentarli, sarebbe come imbrattare le sue “opere”.
    Questo è il mio parere, non sono uno psicologo e nemmeno un artista, solamente uno che osserva le persone da sempre.
    Non mi sento di condannarlo, piuttosto vorrei fare due chiacchiere con quelli che gli vanno appresso, davvero gente SVEGLIA!

  216. Roberto ha detto:

    ma guarda, ogni tanto fa riferimento alla politica e in special modo ai grillini ma non è quello il problema, li critica anche, capisci che non fa propaganda
    il guaio sono e di chi lo segue è che si sente un sapientone pure essendo fondamentalmente un ignorante, legge solo i libri da cui è attratto cioè quelli di esoterismo, nn sa di scienza, non sa di filosofia, non sa di antropologia, di storia, economia etc manco a parlarne
    è limitato e si crede oltre i limiti
    un egocentrismo patetico
    molti (tipo io) lo seguono su youtube perchè è un personaggio, per curiosità quando non hanno niente da fare
    stop
    infatti vedi che per il suo progetto Zion non ha raccolto nemmeno l’1% dei denari necessari…
    la dice lunga

  217. Andrea ha detto:

    Hai usato proprio l’espressione più adatta per definirlo: condivido il profeta del cazzo! Questo tizio è il classico divulgatore new age come ce ne sono tanti al giorno d’oggi che spuntano come i funghi, il quale, senza una solida base culturale e filosofica alle spalle, si arrabatta a discutere di questioni attraverso un approccio eclettico e individuale all’esplorazione della spiritualità. La cosa puzza anche di mercantilismo il cui scopo è vendere libri, beni e servizi connessi ai suoi discorsi. Sebbene sia da riconoscere che dica delle cose senza dubbio vere e importanti sull’epoca odierna, tuttavia, proprio per il fatto che alla base di ciò che divulga non c’è una chiara guida filosofica classica, come può essere una dottrina millenaria dell’antica India o anche dell’occidente, in cui le verità vengono espresse il più possibili aderenti alla natura delle cose anche se con un linguaggio mitico, l’effetto che egli produce – rispetto a tali verità – è fuorviante, con sbocco nell’immoralità, nonché deviante, come è dimostrato, tra le altre cose, proprio dal suo atteggiamento arrogante, saccente e pieno di tronfia e bosiosa prosopopea. Ora tali temi, o si affrontano seriamente nella loro totalità e con cognizioni di causa, o si rischia di finire nella parzialità, verso una comprensione nulla, andando a sfociare dentro una deliberata distorsione. E questo è proprio il caso del nostro, che ha tutta l’aria dello sfruttatore della spiritualità, e proprio per questo viaggia con la puzza sotto il naso, non accettando alcuna critica né contraddittorio, e preferisce circondarsi solo di stupidi disposti a seguirlo acriticamente, creando così la sua matrix. Ma fortunatamente, quello che questo tizio ignora è: ” Non ho nulla di nuovo da insegnare al mondo, la verità e la non violenza sono antiche come le montagne” (Gandhi).
    Saluti!

  218. emanuele ha detto:

    Mi unisco a chi ha intuito che qualcosa stava cambiando ..mi spiego..
    Ho seguito Rocco il primo anno in cui ha divulgato i video (vigentino) non ricordo l’anno se era 2011 o altro.. illuminante in quanto molte cose toccano senza dubbio concetti corretti e utili ad uno sviluppo interiore.. ( contattato via mail mi aveva pure detto se vuoi aggiungiti al gruppo la porta e’ aperta vieni quando vuoi anche se le riunioni erano ad anno iniziato..quindi max gentilezza e disponibilita’) col passare del tempo ho notato che calcava la mano sulla politica ed ecco che dentro di me mi sono detto..ahia.. chi percorre una via interiore di ricerca lascia tutto ciò che divide religione politica sport etc.. al di fuori del proprio percorso.. ho immaginato che questo lato della politica sarebbe emerso.. d’un tratto ho iniziato a non seguire i video capivo che qualcosa no quadrava.. a distanza di tempo un annetto direi.. per curiosita’ ho fatto ricerche.. i miei sospetti erano fondati.. il suo parlare di politica sempre più concreto malumori per partecipazioni a incontri politici Anche dai suoi seguaci.. progetto zion e donazioni.. il mio allontanamento era quindi motivato da qls di interiore che forse avevo percepito..
    L’idea che mi sono fatto non e’ la malvagita’ del soggetto ma anzi la corruttibilita’ dell duomo comune che lui stesso ha sempre criticato..la politica a mio avviso il suo tallone d Achille poi il resto chi lo sa’..
    Contento cm di aver appreso per un periodo del mio percorso personale determinate cose..
    Chi e’ alla ricerca e ha iniziato un certo percorso va avanti cmq..
    Scusate per il papiro..e’ solo frutto di esperienza/opinione

  219. BitCoin BitFilm ha detto:

    Rocco Bruno .. questo tizio ha creato un sistema attorno a se inespugnabile. Il suo è un business a porte chiuse !! .. Osservate attentamente .. guadagna con i social .. guadagna con i libri ed ebook .. guadagna con le donazioni punto di guadagno che può arrivare a cifre veramente inimmaginabili ma che richiede molti anni di costante impegno in modo da indottrinare per bene i propri seguaci scelti secondo dei criteri ben stabiliti .. Anche a ME sembrava un uomo onesto e sincero disponibile a confronti ed opinioni sui suoi argomenti .. Ma una volta accecati dalla luce che scaturisce .. non per TUTTI è facile capire che si tratta di luce falsa, artificiale. Questo tizio non accetta amicizie con persone, povere .. con il portafoglio stretto .. non italiani .. o con chi non è tanto d’accordo a quello che lui crede di aver capito. Non vi accetta per un semplice ma importante motivo .. non gli potrai fruttare soldi in futuro !! Metti a confronto una persona povera .. che ha i soldi necessari solo per sopravvivere, con una forte personalità e grande intelligenza .. con una persona benestante, facilmente manipolabile e disponibile all’indottrinamento .. e quindi .. la possibilità di VENDERE i libri e RICEVERE donazioni in cambio di qualcosa simile a ZION ?. . Cosa sceglierà ?? Infine .. non vi meravigliate se attorno a lui vedete persone che lo difenderanno .. anche con le prove in mano che è un “profeta del cazzo” . Come in ogni cosa .. ognuno difende ciò in cui crede. E se lui RIESCE a convincere le persone a CREDERE in lui .. ci saranno sempre persone disposte anche a dare la propria vita per persone come lui, ignare di far parte di un gioco molto pericoloso !! Non credo che faccia parte di qualche setta o ne abbia fondata qualcuna, Rocco gioca semplicemente sulla nostra coscienza e dalla sua presunta provenienza, ed essendo questi fatti non ancora certificati e provati dalla scienza ufficiale .. per mancanza di dati ed informazioni .. basta dire qualcosa di “sensato” giocando con le parole per avere attorno una miriade di seguaci pronti ad ascoltarti.. Qualche tempo ancora e scomparirà dalla rete, ma nel frattempo state lontani, un mio modestissimo consiglio.. Amen ..

  220. usciredallorrore ha detto:

    Grazie del commento Dan. In fondo mi sono reso conto che più importante di ciò che si dice è l’energia che si emana. Qualsiasi persona intelligente può pigliare concetti espressi da maestri e riproporli, come fa Rocco. Diverso è invece emanare un’energia di amore, comprensione, compassione e saggezza. Tutte cose che, al contrario, mi sembra manchino del tutto a Rocco.

  221. Dan ha detto:

    Ciao. Posso dire che ho seguito, tramite video, Rocco dal 2011 e fino a qualche tempo fa in quanto è un tipo che mi ha sempre un po’ incuriosito, ma posso affermare di essere completamente d’accordo con te! Infatti più o meno posso dire di aver avuto un’esperienza simile alla tua.
    Praticamente io sono stato un grande lettore e sempre alla ricerca di qualcosa che mi potesse riportare ad essere me stesso e staccarmi per sempre da tutte queste convinzioni sociali. Rocco diciamo che capitò nel 2011, casualmente per internet, a fagiolo!
    Non è che mi stavo facendo il lavaggio del cervello guardando i suoi video però i suoi insulti, le sue cattive considerazioni su alcuni autori (che in passato ho stimato e seguito) mi hanno inizialmente aiutato a fare uno sforzo grande proprio distaccarmi. Poi c’è stato un periodo in cui non l’ho seguito più perchè ciò che lui fa è mancare di rispetto agli altri. Dopo alcuni mesi ripesi a guardare qualche suo video e sono andato persino ad una delle sue conferenze. Ti posso dire che lì, mi sentivo puramente estraneo, come se fossi un gatto in mezzo a un branco di lupi.
    Le persone erano tutte con la puzza sotto al naso, sembrava di avere accanto illuminati convinti. Rocco come sempre fece dei discorsi interessantissimi, ma sempre dal pulpito. Alla fine della conferenza, trovai un momento tranquillo, lo presi un attimo all’angolo e gli chiesi un consiglio, ma lui mi diede una risposta che non centrava nulla.
    Comunque, nonostante una forte delusione del suo strano atteggiamento con alcune persone e il suo banchetto di vendita di libri (quando poi commenta braden e company di essere venditori!!), continuai ogni tanto a seguire i suoi video. Nel tempo capii che Rocco appare (e si maschera in modo ecceziionale) come una persona illuminata, che ha capito tutto e che cerca di uscire dal sistema, ma che in verità è schiavo di un altro sistema di credenze che si è creato lui stesso e che sta annebbiando la visione dei suoi seguaci. Rocco può essere utile, se sfruttato bene, per liberarsi delle comuni idee sociali, ma poi VIA, perchè come dici tu anche lui mi puzza di setta.
    Rocco purtroppo è capo di questa setta e nessuno può dire il suo pensiero perché è sempre sbagliato… Nn si tratta di confronto, ma solamente per riflettere assieme e questo lui non lo permette o forse come la società stessa non vuole… Egli sa bene che la riflessione, il ragionamento è la minaccia di ogni sistema e per questo prima dice di distaccarsi e poi ti infila le sue idee perchè sempre parole sue: o sei dentro (e segui le mie convinzioni) o se fuori (e vai via).
    Quindi nel tempo sono rimasto deluso dal suo atteggiamento e indotrtrinamento… Lui crede di essere diverso dalla chiesa cattolica, dalla politica, dalla scienza comune o altre religioni. Sono d’accordo che queste cose indottrinano le persone, ma anche lui non si è accorto che ha creato un altro insieme di credenze e convinzioni, quindi è sempre dentro la sua stessa Matrix.
    Aggiungo anche un’altra cosa. Accetto le persone che vogliono capire il senso della vita, ma è brutto sentirsi dire che lui è l’unico che ha capito tutto e tu o ogni altro autore è solo un buffone mangiasoldi perchè so cosa significa scrivere e voler trasmettere qualcosa alla gente.Io non dico di essere un illuminato, affermo solamente quello che ho percepito.

  222. usciredallorrore ha detto:

    Può essere elisa, non ho approfondito l’argomento. Non conoscevo questo Weor e non ho mai sentito Rocco nominarlo, comunque in effetti la sua faccia mi sembra arcigna come quella di Rocco 😉

  223. Elisa ha detto:

    “…alla fine del suo variegato e geniale pensiero ritorna sempre e solo alla questione del sesso. Sarà che è l’unica cosa che crede di aver capito. Perchè per Rocco Bruno, la spiritualità è sesso. Ma non nel senso che intendeva Osho. Lui diffonde proprio pratiche di astinenza e di USO dell’energia sessuale. E’ più simile ad Aleister Crowley, anche se non credo lo conosca, nè che sia nemmeno lontanamente vicino alla comprensione e alla sapienza raggiunta dall’inglese.”
    Non c’entra nulla con Crowley, lui si basa sugli insegnamenti di Samael Aun Weor.

  224. usciredallorrore ha detto:

    La tua visione spirituale del mondo non mi interessa. Spero davvero non disturberai più.

  225. Lupo nella Notte ha detto:

    Bene, prendo atto del tuo rifiuto a voler rispondere alla domanda conclusiva, che va a sommarsi a tutti gli altri. Tutto il resto che hai detto, riguardo alla presunta rigidità di chi scrive, è solo frutto del tuo fanatismo ideologico che non ti permette di vedere in te quello che ravvisi negli altri – e facilmente smentibile semplicemente leggendo questa discussione dove ho piú volte affermato la validità della NMG purché non venga assolutizzata, esattamente come fai tu e tutti quelli vittime del medesimo fanatismo, mentre tu non ti sei mai smosso dalle tue granitiche posizioni preconcette; inoltre ti sono state fornite ogni volta obiezioni argomentate, cosa che ti sei ben guardato dal fare tu – e della conseguente convinzione di essere “spiritualmente” piú avanti di chiunque non si dichiari hameriano al 100%, tipico di persone poco radicate e molto rinchiuse nella mente che sulla scia di novità pseudo-spiritualeggianti si sentono approdate a chissà quali vette di conoscenza, e da lí si sentono autorizzate a guardare tutti dall’alto in basso. Parafrasando il tuo idolo, posso dirti che “la Conoscenza è un’altra cosa”. Il tuo atteggiamento è paradigmatico e riassuntivo dello hamerismo piú hamerista di Hamer, ne hai data l’ennesima dimostrazione. Sappi che quello che davvero “non è per tutti” è la visione del mondo – Hamer e alimentazione a parte – che ho provato ad accennarti ripetutamente in questi interventi, e di cui tu, infatti, con ogni evidenza, non hai colto neanche un barlume. Chissà, magari piú in là. Te lo auguro.

    Buon proseguimento a te, ti garantisco che non sarai piú disturbato.

  226. usciredallorrore ha detto:

    A dire il vero mi sembri tu molto rigido sulle tue posizioni, come tutti quelli fissati con l’alimentazione e l’inquinamento.
    A questo punto comunque direi che è inutile continuare ad accusarci reciprocamente di rigidità. Ti posso solo dire che non hai capito quasi nulla della Nuova Medicina di Hamer. E in più non vuoi nemmeno capire, perchè sei solo impegnato a far rientrare Hamer nei tuoi rigidi schemi mentali. Mi spiace, non ci riuscirai mai. Ti auguro prima o poi di capirlo, perchè comprendere Hamer è un grande dono, soprattutto spirituale. Se no, pace. Ho capito ormai da lungo tempo che ognuno ha il suo percorso, e che Hamer non è per tutti. Buon proseguimento

  227. Lupo nella Notte ha detto:

    Peccato, finora eri stato piuttosto aperto a un sereno confronto, poi adesso hai calato il sipario, per non dire il muro, mischiando per giunta un po’ le carte. Innanzitutto, ti chiedo di non confondere le acque: quello che ho detto sulla concezione materialistica della scienza era riferito, nella fattispecie, alle tue affermazioni – che però temo discendano direttamente dalla “dottrina” hameriana; se mi sbaglio, correggimi su questo, allora, senza ripararti dietro il “paravento” di Hamer – e a quelle ho risposto. Non per niente, quella che ho citato in apertura – e anche tutte le altre… – era una frase tua, non di Hamer o chissà chi altri. Quindi perché non stare al punto e divagare? Devo dire che questo atteggiamento – di cui non sto insinuando la malafede – è ricorrente fra chi si identifica con la NMG; si criticano delle affermazioni fatte dalla persona stessa, rimanendo a quelle, e ci si sente rispondere che non si è compreso Hamer… In ogni caso, da ciò che avevi detto, la tua adesione inconscia alla concezione dominante del mondo risulta palese. Hai semplicemente descritto un mondo basato sulla visione darwinista, quindi moderna e materialistica, niente di piú, niente di meno. E se Hamer basa le sue leggi biologiche sul conflitto “indispensabile all’evoluzione” come si evince dalle tue parole, non fa che aderire allo stesso rigido schema mentale inscritto nel medesimo sistema cognitivo. E questo è un fatto, che possa piacerti o no. Ma di questo ho già parlato commentando la sua velleiteria – perché priva di senso – teoria della presunta cellula primordiale. E tu, infatti, seguendo per tua stessa affermazione le linee hameriane mi hai risposto in modo molto “evoluzionista”, chiedendomi inoltre se l’evoluzione non sia anche a mio modo di vedere un fatto “accertato”, il che la dice lunga su come la pensi. Hamer non sarebbe materialista – intendendo il termine solo nella sua accezione puramente scientifica – solo perché prende in esame fatti meno “grossolani” della medicina ufficiale, come l’incidenza del disagio psichico sui malesseri fisici? Ma se bastasse questo per non esserlo, la psicologia e la medicina psico-somatica sarebbero arrivate molto prima di Hamer… ma anche la psicologia e i suoi mille derivati sono materialisti… tu come definiresti la concezione di Hamer? “Spirituale”, forse..? Mi auguro di no.

    > Ma tu, onestamente, sei mai riuscito a far “aprire gli occhi” a qualcuno?

    Nessuno può farlo al posto della persona interessata; ma si può tentare di mettere quella persona in condizione di poter scegliere di farlo. Non si tratta certo di “illuminare” qualcuno – dal momento che nessuno, qui, è illuminato, nessuno può farlo… – ma solo di presentare alcune evidenze relative a quell’àmbito circoscritto – in questo caso la “malattia” – a chi si trova ad affrontare un problema da cui si sente terrorizzato per il condizionamento ricevuto. Ci vuole tempo; comunque, per rispondere alla tua domanda – che però, data la chiara intenzione polemica, è mal formulata – con il tempo ho potuto constatare su alcuni fatti specifici come le persone possano liberarsi da certi condizionamenti se riescono a vederli come tali, e se, soprattutto riescono a trovare, dietro incoraggiamento e soprattutto dietro esempio, la voglia di sperimentare in prima persona, cosa indispensabile. Posso dirti che molte persone hanno potuto constatare indubbî benefici. Poi credermi o no, è una tua insindacabile scelta. Però, data la tua risposta, mi pare che non sia fuori dal mondo tacciare l’approccio hamerista, cui tu esplicitamente ti rifai, di fatalismo rinunciatario.

    > “È l’organismo che guarisce sé stesso, non altri, sempre e immancabilmente, e l’unica cosa possibile è metterlo in condizioni di poterlo fare, lasciando agire quell’intelligenza biologica di cui si parla anche nella NMG.”. Questo è esattamente ciò che dice Hamer.

    Già, ed è qui infatti che vedo contraddizione tra ciò che si predica e ciò che si pratica. Allora si cerchi di essere coerenti fino in fondo con questo imprescindibile assunto, senza scendere a compromessi controproducenti e contraddittorî, di cui si è già parlato; senza considerare che, cedendo a questi ultimi, non si fa che perpetuare una condizione di schiavitú di quella persona che, credendo di esser guarita per merito della medicina ufficiale, al primo starnuto, continuerà a ricorrere a quella, continuando a intossicarsi – corpo e psiche – e rimanendo nel circolo vizioso. Quindi a che pro tanta fatica, se comunque gli anelli della catena anziché allentarsi vengono addirittura rinforzati? Dire “così tutti si convincono che a guarire il tumore è stata la chemio”, e quindi pazienza, mi pare di una leggerezza incomprensibile. Non è un dettaglio, va a rinforzare le credenze errate e funzionali al Sistema di quella persona, e fa la differenza fra un risultato reale e duraturo e una vittoria di Pirro…

    > Si è semplicemente visto che nella stragrande maggioranza dei casi di disagio o malattia la causa non è l’intossicazione alimentare del nostro corpo

    A parte che l’intossicazione non è solo alimentare; ti intossica ciò che respiri, ciò con cui la tua pelle – l’organo piú esteso del nostro organismo – entra in contatto, ciò che vedi e ciò che senti, le energie con cui entri in contatto, le emissioni elettro-magnetiche di cui siamo ormai circondati, tutti gli scambî che hai con l’esterno possono intossicarti corpo e psiche, soprattutto se vengono artatamente distorti in modo che sia cosí.

    > Si è capito qual’è il problema principale, la causa scatenante, e quindi non si perde tempo su questioni secondarie.

    E qui tu rispondi come tutti gli hameriani. Mi pare che sia tu a non conoscere molte cose, e soprattutto a non aver mai sperimentato di persona e metodicamente qualcosa che esuli dalla concezione teorica di cui ti sei evidentemente “invaghito”. La mia impressione è che gli hameriani pecchino spesso di “astrattezza”, quando si lasciano andare a simili considerazioni. La tossiemia di un organismo non può esser giudicata una “questione secondaria”, e se non fosse seria la cosa farebbe persino sorridere. Personalmente – e cosí anche altre persone intorno a me – ho sperimentato sul mio organismo come un drastico cambio di alimentazione, e non solo, come accennato piú sopra, possa risolvere tanti problemi che la medicina ufficiale giudica invece “cronici”, generati da null’altro che dal perpetuarsi di abitudini sbagliate e dannose, e tali, molto banalmente, solo fin quando perdurano le abitudini che le originano – non a caso create, nutrite e cristallizzate dal Sistema in cui viviamo – e creare invece condizioni di generalizzato benessere, tanto fisico quanto – di riflesso – psichico, prima impensabili, a dimostrazione del fatto che il rapporto corpo-psiche è biunivoco e non unidirezionale come sembra troppo spesso – di fatto – pensare chi si dichiara hameriano. Eppure non dovrebbe essere cosí difficile comprendere come un’intossicazione organica incida anche sulla psiche. Non ti è mai venuto in mente che un malessere psichico provocato da una scarsa efficienza organica possa anche essere all’origine di un “conflitto”, e generare un circolo vizioso? Perché voler a tutti i costi identificare una causa prima “unica e sola”, quando tutto in noi è correlato? Cosí si esce da un sistema cognitivo parziale solo per entrare in un altro, altrettanto parziale, anche se all’apparenza molto piú “saggio”, e magari pure “spirituale”…
    Un problema, o malattia, può essere affrontato da diversi punti di vista; quello di Hamer è uno di questi, ma non il piú immediato e concreto da poter mettere in pratica, secondo me.

    Quanto al “si è visto” e “si è capito”, potrei citarti tanti studî, misconosciuti perché insabbiati dagli organi di (dis)informazione ufficiali, in cui “si è visto e capito” anche molto altro, che lo hamerismo semplicemente non considera… lo studio di Cambridge 2000, o quello piú recente di Stoccolma, per esempio, che mettono in risalto come l’incidenza di patologie sia pressoché inesistente tra chi si premura di evitare gli alimenti di origine animale e quelli provenienti dalla catena industriale, e in generale tutti gli alimenti “morti”, devitalizzati, svuotati dei veri nutrienti e bassamente radianti sulla scala di Simoneton . Probabilmente molto dipende da ciò che si vuol capire e da quello che invece si preferisce non vedere, per mille motivi… per quanto mi riguarda, come già affermato all’inizio, ritengo valide le conclusioni di Hamer, purché non vengano assolutizzate, come troppo spesso accade… mentre dall’altra parte – quella hamerista, piú lealista del re… – non vedo altrettanta apertura “ideologica”, tutt’altro.

    Una domanda a cui nessun hameriano ha mai risposto è questa: se l’intossicazione – intesa nell’accezione allargata che ho piú sopra descritto – è cosí “secondaria”, perché il Sistema si prodiga tanto per avvelenarci in ogni modo possibile? Ripeto, nessun hameriano è mai riuscito a rispondere, continuando a ripetere i mantra del loro “guru” – suo malgrado, è ovvio – o semplicemente ignorandola fino al caso limite della censura. Se ti va prova a dare tu una risposta.

    Un saluto

  228. usciredallorrore ha detto:

    Guarda Lupo, tutto il tuo primo discorso rivela la tua scarsa conoscenza delle leggi biologiche. Hamer è tutt’altro che materialista. La descrizione che hai fatto va bene per la medicina ufficiale. E’ vero che Hamer era un medico, però del suo passato ha mantenuto solo il profondo desiderio di essere di aiuto a chi soffre. Tutto il resto, è cambiato. Non so su che basi puoi dire quello che hai scritto.
    Sul secondo punto, ovvero lavorare sulle credenze, posso essere d’accordo. Ma tu, onestamente, sei mai riuscito a far “aprire gli occhi” a qualcuno? Ognuno ha le sue credenze, e ribaltarle è un’impresa quasi impossibile. Penso che tu lo sappia.
    Dai quando parlo di Hamer intendo le leggi biologiche e la NMG, è ovvio. “È l’organismo che guarisce sé stesso, non altri, sempre e immancabilmente, e l’unica cosa possibile è metterlo in condizioni di poterlo fare, lasciando agire quell’intelligenza biologica di cui si parla anche nella NMG.”. Questo è esattamente ciò che dice Hamer.
    Riguardo alla disintossicazione, la concezione hameriana non è un passivo fatalismo. Si è semplicemente visto che nella stragrande maggioranza dei casi di disagio o malattia la causa non è l’intossicazione alimentare del nostro corpo, bensì un conflitto biologico recidivato e aggravato. Quindi, nell’ottica della NMG, si agisce in quel senso. Si è capito qual’è il problema principale, la causa scatenante, e quindi non si perde tempo su questioni secondarie. In particolare, si cerca di evitare il terrorismo, molto comune nel campo delle “intossicazioni”, alimentari e non. Tutto ciò, tuttavia, puoi comprenderlo solo se conosci meglio le leggi biologiche.
    Grazie a te per lo scambio

  229. Lupo nella Notte ha detto:

    > Il vivere conflitti e conseguenti programmi SBS rappresenta proprio come funziona la vita su questo pianeta.

    Questa è solo la rappresentazione della vita su questo pianeta che viene data dalla scienza moderna – cui inevitabilmente Hamer aderisce – che si basa su una concezione meramente quantitativa della vita e di ogni altra cosa, e costituisce un’ipnosi di massa, esattamente come il terrore del cancro, o dei virus “contagiosi”, dell'”indispensabilità” dei vaccini – e, a proposito, nessuno che si chieda come diamine facciano, allora, tutti gli animali selvatici a diventare adulti senza il meritorio aiuto di un veterinario pronto a bucherellarli non appena venuti alla luce… – e di un sacco di altre cose di cui non sto a far la lista perché sicuro che conoscerai anche tu. Conta solo ciò che si può misurare, soppesare, analizzare, vivisezionare, in un mondo che si ritiene solo il frutto del Caso e dove regna sovrana la legge del conflitto, essendo sconosciuta qualsiasi superiore armonia. Non è sempre stato cosí. Ma, ripeto, non pretendo di convincere alcuno, perché parliamo da due visioni del mondo che si trovano agli antipodi, e non c’è modo di intendersi se manca un terreno comune. Lo dico senza voler sembrare in alcun modo “spocchioso” ma prendendo semplicemente atto di un dato oggettivo, e mi auguro di riuscire a trasmetterlo.

    > Entrando in quella dimensione ti rendi facilmente conto che il tuo principale compito è evitare che il paziente vada nel panico.

    Lo comprendo, ma ritengo che vi sia anche un altro approccio per cercare di evitarlo, senza dover per forza scendere a compromessi cosí deleterî per la salute già provata del paziente, ed è quello di tentare un’opera di “liberazione” – e non di un indottrinamento alternativo – dalle credenze limitanti e devïanti indotte dal Sistema e di trasmettere la fiducia nei meccanismi di auto-guarigione insiti in qualsiasi organismo biologico, illustrando una serie di dati di fatto eloquenti tanto sulla giustezza e l’infallibilità di tali meccanismi naturali quanto sull’estrema perniciosità delle pratiche della medicina moderna, cedendo alle quali, per giunta, non si fa che rafforzare.

    > Così tutti si convincono che a guarire il tumore è stata la chemio, non Hamer.

    Hamer sicuramente non ha la facoltà di guarire nessuno, come nessun altro “terapeuta” vero o presunto, sedicente o riconosciuto. È l’organismo che guarisce sé stesso, non altri, sempre e immancabilmente, e l’unica cosa possibile è metterlo in condizioni di poterlo fare, lasciando agire quell’intelligenza biologica di cui si parla anche nella NMG.

    > Se non ti piace chiamarla evoluzione, non chiamarla così.

    Non è una semplice questione di terminologia; le parole implicano concetti, e la cristallizzazione dei concetti forma gabbie cognitive; la reiterazione dei primi non fa che irrobustire le sbarre della prigione. Le eggregore si creano anche cosí. E l’evoluzionismo è una “signora” eggregora… l’adattamento ambientale sicuramente esiste ma non ha nulla a che fare con ciò che viene chiamato “evoluzione”, però la loro frequente confusione si rivela funzionale al perpetuamento dell’eggregora. Se porti un leone in Canada quello – o meglio l’intelligenza organica insita in esso – svilupperà una pelliccia molto folta per adattarsi al clima e non soccombere, finendo col somigliare a un puma gigante. Ma resterà un leone, e non evolverà mai in nulla di diverso, né esso, né i suoi discendenti.

    > Considerando quanto ci siamo allontanati da un alimentazione e da uno stile di vita naturali, possiamo tranquillamente dire di essere tutti “intossicati”

    Ineccepibile.

    > Ciò, secondo Hamer (e entro certi limiti…), non è un grosso problema, vista la già citata capacità di adattamento dell’essere umano

    Che è come dire, “hai il motore di una Ferrari ma se vuoi adattarti a usarlo come quello di una 500 fai pure, non è un grosso problema…”. Be’, è molto opinabile che non lo sia e soprattutto che col tempo non lo diventi; anche perché, proprio a proposito di “credenze”, se ci si abitua ad usarlo come quella di una 500, prima o poi, oltre che logorarlo ed ingolfarlo, si finirà col credere di avere davvero il motore di una 500, dimenticandosi che una volta si disponeva di quello di una Ferrari… con tutte le conseguenze del caso.

    > Hamer non consigli alcun tipo di disintossicazione. Non la consiglia, ma neanche la osteggia. Dipende tutto dalle particolari credenze della persona.

    Voler eliminare ciò che intossica l’organismo non è una credenza ma un saggio proponimento. A mio modesto avviso la NMG dovrebbe farsi piú propositiva e meno improntata a un passivo fatalismo sotto questo aspetto.

    Grazie per lo scambio,

    un saluto

  230. usciredallorrore ha detto:

    Riguardo alla disintossicazione.. Considerando quanto ci siamo allontanati da un alimentazione e da uno stile di vita naturali, possiamo tranquillamente dire di essere tutti “intossicati”. Ciò, secondo Hamer (e entro certi limiti…), non è un grosso problema, vista la già citata capacità di adattamento dell’essere umano. Per risponderti, quindi, ti dico di no, Hamer non consigli alcun tipo di disintossicazione. Non la consiglia, ma neanche la osteggia. Dipende tutto dalle particolari credenze della persona. Ogni pratica può quindi andar bene, purchè fatta senza fanatismo e conoscendo i meccanismi del corpo.

  231. usciredallorrore ha detto:

    Caro Lupo, i conflitti li vivono tutti, dagli esseri unicellulari alle piante e agli animali, dal più inconsapevole degli esseri umani al più illuminato dei maestri. Il vivere conflitti e conseguenti programmi SBS rappresenta proprio come funziona la vita su questo pianeta. La differente consapevolezza ci porterà a vivere in modo diverso i programmi SBS, non a evitarli, perchè ciò è impossibile.
    Per quanto riguarda la chemio, è verò tutto quello che dici, però… Hai mai provato a fare il terapeuta? Entrando in quella dimensione ti rendi facilmente conto che il tuo principale compito è evitare che il paziente vada nel panico. Il panico è il più deleterio circolo vizioso. Immagina che il paziente abbia tutte le persone che gli vogliono bene intorno a lui a dirgli: “sei pazzo, se non fai la chemio muori, lo dicono tutti!!!”. Questo paziente, anche solo per recuperare un po’ di pace, può fare un ciclo di chemio. Almeno sono tutti contenti, e gli smettono di rompere le balle. Se no non la finiscono più, non ti lasciano in pace, non ti permettono di guarire. Ho visto diverse storie finire bene così, con un singolo ciclo di chemio. Così tutti si convincono che a guarire il tuomre è stata la chemio, non Hamer. Si rimettono il paraocchi, e sono tutti contenti. Non so se mi hai capito.
    La natura si adatta, quello intendevo. Se non ti piace chiamarla evoluzione, non chiamarla così. Noi ci siamo adattati, in milioni di anni, alle diverse condizioni che si presentavano sulla terra. E’ ok così?

  232. Lupo nella Notte ha detto:

    > Hamer stesso spiega nel suo testamento il meccanismo di reazione del corpo, che porta sensatamente all’insorgere di leucemie. Come vedi, quindi, la causa può anche essere esterna.

    Benissimo, mi fa piacere poter essere smentito su un punto cosí importante. Sono allora i “volenterosi” epigoni di Hamer ad interpretare a senso unico i suoi scritti; perché piú volte contraddicendo asserzioni di questo tipo, anziché ribattere con questa semplice ed efficace affermazione come hai fatto tu, non si faceva che ripetere simili fumose dichiarazioni. In altre circostanze, mi è capitato di leggere cose del tipo “solo in pochi possono comprendere certi insegnamenti” e chi cosí scriveva, chiaramente, si annoverava fra gli eletti… tipici tiri giocati di solito dal cosiddetto ‘”ego spirituale”.

    > non c’è nessun “livello di coscienza” raggiungibile che ci metta al ripare dal vivere conflitti. Semplicemente perchè i conflitto SERVONO, sono la nostra risposta sensata a qualcosa di inaspettato.

    In questo contesto attuale, no, l’ho detto, e ho parlato di “favole” di chi afferma il contrario.
    Sul fatto che i conflitti servano, è cosí per il livello raggiunto da questa umanità, che è semmai frutto di “involuzione”, o meglio di “Caduta”, di cui del resto si parla in ogni tradizione originale, e non di evoluzione… naturalmente non pretendo di convincere alcuno.

    > Però converrai con me che piuttosto che vivere nel panico, oppure nel continuo assillo di familiari incoscienti e incosapoevoli, allora un ciclo di chemio o di radio si può anche fare.

    No, su questo non posso convenire. A seconda delle condizioni di salute della persona un ciclo di simili aberrazioni potrebbe anche risultare letale, e in ogni caso non fa che sottoporre l’organismo a una quantità di tossine da cui dovrà giocoforza liberarsi, generando un’altra di quelle “risposte sensate” chiamate “malattie” che si pretenderebbe di evitare ricorrendo a certe pratiche che in questa visione risulterebbero “tranquillizzanti”, ma di fatto precipiterebbero cosí la persona in un circolo vizioso da cui non si esce se non abbandonando l’idea di qualsiasi interventismo medico, di qualsivoglia genere.

    >Che poi la natura evolva e si adatti, converrai con me, è un fatto accertato, no?

    Su Wikipedia, sicuramente sí… 🙂 L’adattamento, in ogni caso, non equivale a “evoluzione”, se con ciò si intende, e nell’accezione comune è cosí, il concetto di “miglioramento”, “progresso”; se vengo rinchiuso in una stanza alta un metro posso anche adattarmi a vivere curvo ma dubito che ciò mi porterà a un'”evoluzione”… per la visuale che sposo dopo averla intimamente accolta, ogni idea di “progresso” è un’illusione.

    >Se hai altri dubbi ti rispondoi volentieri.

    Ti ringrazio per la disponibilità. Volevo sapere se Hamer prevede qualche accorgimento per assecondare la disintossicazione dell’organismo, di cui ho fatto gli esempî nel precedente intervento.

    Ti ringrazio nuovamente per la disponibilità al dialogo e per alcune precisazioni che mi aiuteranno a inquadrare in maniera piú appropriata – sia pure tra le divergenze di approccio che comunque permangono – la NMG.

    Un saluto

  233. Lupo nella Notte ha detto:

    Ringrazio per la risposta e mi scuso per il primo invio anonimo, quando l’intervento non era ancora completato. Me ne avvedo solo ora. Risponderò appena possibile.

  234. usciredallorrore ha detto:

    Caro anonimo, anzitutto grazie per il tuo intervento. Lasciando un attimo da parte Rocco Bruno, su cui mi sembra ci troviamo d’accordo, vorrei precisare alcune cose riguardo ad Hamer. Prima di tutto: Hamer non guarda solo la causa “sottile” della cosiddetta “malattia”. Per esempio, nel caso di avvelenamento da radiazioni, Hamer stesso spiega nel suo testamento il meccanismo di reazione del corpo, che porta sensatamente all’insorgere di leucemie. Come vedi, quindi, la causa può anche essere esterna. Altro esempio: se mi rompo un braccio, subito parte la fase di riparazione, saltando il conflitto attivo. Però anche in questo caso la fase di riparazione segue le leggi biologiche. C’è poi anche il conflitto locale, che però è un po’ più lungo da spiegare. Il problema principale. ormai, è che troppi parlano di Hamer senza averlo capito fino in fondo, facendo a volte danni anche gravi. Su questo sono d’accordo con te. Altro concetto importante: non c’è nessun “livello di coscienza” raggiungibile che ci metta al ripare dal vivere conflitti. Semplicemente perchè i conflitto SERVONO, sono la nostra risposta sensata a qualcosa di inaspettato. Quindi, o uno riesce a vivere una vita completamente programmata in ogni dettaglio (cosa assurda, e impossibile da fare persino per un giorno solo), oppure vivrà conflitti, fasi attive e fasi di riparazione. E ciò è bene, perchè i programmi SBS sono ciò che ci ha mantenuto in vita fino ad adesso. Per quanto riguarda chemio, radio e vaccini, Hamer li ha sempre condannati in toto, senza appello, come pratiche medievali, ascientifiche ed estremamente dannose per il corpo. Ciò che alcune volte gli operatori hameriani dicono è un’altra cosa. Se, per esempio, vediamo che una persona proprio non riesce a stare tranquilla se non fa un ciclo di chemio o non fa vaccinare suo figlio, allora, al limite, si può anche accompagnare la persona nella sua scelta. Senza, ben inteso, approvarla. Però converrai con me che piuttosto che vivere nel panico, oppure nel continuo assillo di familiari incoscienti e incosapoevoli, allora un ciclo di chemio o di radio si può anche fare. La questione terapeutica in chiave hameriana è piuttosto complessa, perchè bisogna interagire con le personali credenze del paziente, avendo come fine ultimo il suo bene. Ultimo punto che hai toccato: l’evoluzionismo. Hamer non sposa l’evoluzionismo. Dice semplicemente che i folgietti embrionali hanno un ordine ben preciso: dalle funzioni fondamentali per la vita (endoderma e mesoderma antico, ovvero paleoencefalo), via via verso le funzioni relative al movimento e alla socialità (mesoderma recente e ectoderma, neoencefalo). E’ quindi presumibile che la razza umana abbia avuto un’evoluzione, nei milioni di anni, attraverso la quale siamo passati da essere un semplice verme d’acqua, a quello che siamo ora. Presumibile, non sicuro. E in realtà tutto questo ha ben poca importanza, perchè ciò che è importante sono i riscontri scientifici sull’essere umano attuale. Che poi la natura evolva e si adatti, converrai con me, è un fatto accertato, no? Il positivismo che invece secondo me, non esiste, e quello relativo all’evoluzione dell’umanità, intesa come società. In questo senso non andiamo verso il meglio, sono totalmente d’accordo con te, bensì verso un sempre più profondo degrado nel materialismo. E infatti ci siamo sempre più staccati dalla comprensione profonda del nostro corpo e della natura. Hamer è qualcosa da conoscere bene, altrimenti si rischia di travisarlo, e perdersi così il meraviglioso messaggio che manda. Se hai altri dubbi ti rispondoi volentieri. Un saluto, Davide

  235. Anonimo ha detto:

    Su Rocco Bruno sono completamente d’accordo. Ho partecipato ad alcune sue conferenze, per curiosità. Dopo un primo impatto abbastanza positivo per la chiarezza con cui esprimeva alcuni (pochi) concetti, è subentrato un sottile senso di disagio nei confronti di alcuni suoi atteggiamenti guasconi e visibilmente molto autocompiaciuti. Però, lí dove il fanatismo rocco-brunista – inteso anche come quello di chi lo segue acriticamente – raggiunge l’apice mi pare sia proprio saldandosi alle teorie hameriane, altro àmbito, peraltro, dove il fanatismo non manca. Non voglio criticare Hamer in toto, secondo me ha avuto molte ottime intuizioni, ma pecca di “monotematismo”, se è ammesso il termine. Andare sempre e solo in cerca della causa “sottile” della “malattia” può portare a estremi piuttosto risibili. Sembra si voglia ignorare, all’interno dello hamerismo – che la “risposta sensata” dell’organismo può anche essere, e spesso lo è, nei riguardi di un evento meramente organico, soprattutto nell’attuale civiltà. Molto banalmente, se anche fossi in perfetta armonia con me stesso e con gli altri, ma mi avvelenano quello che mangio, qualche “problema” lo avrò lo stesso e non sarà stato alcun “conflitto” ad averlo generato… ma questo pare non volersi proprio considerare, lí dentro (tra hameriani hameristi e hameriani rocco-brunisti…). Favoleggiare di un livello di coscienza cosí alto da cui si sarebbe al riparo da ogni minaccia esterna – come fanno alcuni hameristi – significa, almeno all’attuale livello di coscienza dell’umanità, raccontar favole, appunto, e illudere un sacco di gente che viene sviata dall’unica reale alternativa al Sistema medicalistico, che è la scelta della non-cura dei sintomi e l’assecondamento delle esigenze psico-fisiologiche dell’organismo fino alla sua disintossicazione ma senza alcun interventismo di alcun tipo. Perché Hamer è comunque un medico, con un retroterra positivista, da cui discendono “tare” come l’ammissibilità – sia pure in casi estremi – di terapie devastanti e insensate come la radioterapia e la chemioterapia, che si accaniscono ottusamente sul sintomo anziché sulla causa, in barba alle stesse affermazioni hameriane. Assistendo a una conferenza di un hamerista ora entrato anche nell’orbita rocco-brunista, tal Lacidogna, ho potuto ascoltare lo “sdoganamento” della radioterapia, oltre che dei vaccini, liquidati con un noncurante “ma sí, che volete che sia una quantità cosí minuscola iniettata, dopo un po’ è già eliminata…”. Inutile dire che per chi abbia una minima cognizione dei danni da vaccino questa è un’idiozia pura e semplice, nonché un’affermazione del tutto irresponsabile (Big Pharma ringrazia sentitamente). Inoltre – ma su questo punto, e temo non solo su questo, credo che non potrò esser capito da molti – essendo la visione del mondo hameriana impregnata del positivismo di cui sopra, ne deriva che la sua concezione della vita biologica è imperniata su rigide basi evoluzionistiche, dalle quali si parte, in fase teorica, per andare in cerca della prima, favolosa “cellula primordiale” (sic) da cui sarebbe discesa tutta la vita sulla Terra cosí come oggi la conosciamo… quindi una concezione del tutto e di fatto materialistica – nonché fallace, visto che per chi vuol vedere l’evoluzionismo è già stato ampiamente confutato quale ipotesi non suffragata da fatti – in cui sarebbe inutile tentar di trovare qualcosa che vada “oltre”, nonché antitetica a tutte le concezioni proprie alle antiche civiltà tradizionali. Ma fosse “solo” questo… è che sull’evoluzionismo si basa questa stessa civiltà terminale di cui qui, mi pare, si sia comunque consapevoli. Non a caso l’evoluzionismo è difeso strenuamente da tutto il Sistema, Cicap e suoi omologhi internazionali in testa. E allora, che senso ha, predicare giustamente una comprensione piú profonda di tutta la realtà quando poi le basi di questa pretesa rinnovata e “illuminata” comprensione fondano sui pilastri del Sistema che di tale asserita visione è l’antitesi? Quanto a Rocco Bruno, mi pare cominci sempre piú a somigliare – che ne sia consapevole o meno – a uno dei tanti gate-keeper di cui già son piene le maglie del web. Può benissimo darsi che sia in totale buona fede – con tutti i limiti personali e caratteriali già evidenziati – ma che lo voglia o no, che ne sia complice – cosa che sinceramente son restio a pensare o che piú probabilmente sia stato opportunamente indirizzato in tal senso – la sua “funzione” è ormai di fatto quella di “intrappolare” persone in ricerca nel “budello cieco” della sua piccola porzione di Matrix, quella Matrix da cui voleva tanto scappare ma in cui pare essere rimasto lui per primo in una nicchia su misura per lui, e per chi volenterosamente lo sta seguendo. La funzione di un gate-keeper, appunto.

    Un saluto

  236. usciredallorrore ha detto:

    Guarda, io all’inizio ho apprezzato Rocco Bruno per gli argomenti trattati, per l’entusiasmo che metteva, e per (almeno all’apparenza) l’assoluta mancanza di interessi personali ed egoistici. Ora mi sembra diventato tutto il contrario. Questa deriva è particolarmente grave perchè, tra l’altro, Rocco si dice esperto di Gurdijeff, il quale ha spiegato più volte e molto bene i rischi legati alla divulgazione spirituale. In pratica, se non stiamo attentissimi, in breve tempo ci troviamo ad essere esattamente ciò che, all’inizio, abbiamo criticato. Hai visto l’ultimo video del progetto zion? E’ sempre più inquietante… Tutto ciò mi fa pensare che anche le sue comprensioni “esoteriche” siano o lacunose, oppure setacciate per mantenere solo quelle funzionali al messaggio ipnotico che vuole, cosciente o meno, trasferire…
    Per quanto riguarda Hamer.. L’argomento è complesso e occorre un certo impegno per comprenderlo. Non è per tutti. Chi non lo comprende a fondo e ne parla a vanvera può fare discreti disastri, su questo sono d’accordo con te. Però sottolineo il fatto che Hamer è sempre stato un medico nel senso più alto del termine, cioè ha sempre messo l’individuo nella sua complessità ed unicità al primo posto. Ti assicuro che è tutt’altro che un ciarlatano, nonostante la radiazione dell’albo subita dal sistema farmaco-centrico, i cui interessi vengono pesantemente calpestati dalle sue scoperte. Quanto sai dell’argomento? Se sei interessato chiedi pure.

  237. Emanuele Pirotta ha detto:

    Purtroppo concordo ma secondo me c’è anche di peggio:se hai fatto caso al suo eloquio è quello di una persona con una istruzione universitaria superiore… un pochino di più ed un pochino troppo per uno che afferma di essere un ex professore di geografia in aspettativa… persino l’uso delle parolacce sembra del tutto artificiale, quasi un mascheramento. Tra le culture e sottoculture di cui parla cita di tutto ma senza esagerare in dettagli: su facebook vieni abbordato all’istante da esaltati che testano il tuo grado di “consapevolezza” proponendoti tutta una serie di concezioni strampalate osannandolo come fosse il messia. SE VOLESSI CREARE UNA SCUOLA PER FANATICI È COSÌ CHE FAREI: creerei un contenitore ecumenico col quale attirare i membri più convinti delle varie sottoculture (psicobiofisica, scie chimiche, pranoterapia ecc.) per poi SELEZIONARLI… in base alla loro caratteristica distintiva: IL FANATISMO, l’incapacità di ragionare in proprio, privi del transfert messianico. Se ci pensi bene è proprio una SELEZIONE E FORMAZIONE perché, proprio come un colino, fuoriescono alcuni, più scettici o semplicemente più preparati a fare domande, PERMANGONO quelli assolutamente FANATICI. A questi puoi fare di tutto se sei malintenzionato: puoi cominciare estorcendo soldi (progetto zion: così fumoso quando progetti non profit sul medesimo sito buoncausa.org specificano bene: dobbiamo comprare tot libri scolastici, un portatile per la segreteria, dobbiamo comprare un ascensore per disabili che costa così e così ecc.)

    NELLA PEGGIORE DELLE IPOTESI PUOI SERVIRTENE ANCHE PER…. ORGANIZZARE DI TUTTO ma proprio DI TUTTO. Strategia della tensione, terrorismo pilotato: i fanatici possono essere utilizzati a piacimento. NON È UNA COSA DA PRENDERE SOTTOGAMBA. Poi si può dire che esagero. Io per esempio non credo alla Hamer (come ci credi tu) ma, nel caso, preferirei rivolgermi ad esperti che a fumosi guru mediatici. Sbaglio? C’è qualcosa di veramente strano nel modo in cui approccia la gente: sono convinto che in pratica ricerchi persone con autostima particcolarmente bassa… e chi si orienta verso questo genere di persone raramente ha buone intenzioni.

  238. usciredallorrore ha detto:

    sì ho visto che ha cominciato a chiedere soldi, e mi è sembrato anche a me un progetto un tantino ambizioso, e anche per niente chiaro. Anche a me sembrerebbe più sensato partire da un centro, che possa servire da modello. Non so chi c’è dietro a quel progetto, non mi convince e non mi piace. Purtroppo c’è tantissima gente che, in fondo, cerca solo una setta a cui aderire. Cambiano un padrone con un altro, perchè gli sembra “più bello” ^^

  239. sirio ha detto:

    ho avuto simili sensazioni alle tue!!! non c ´e´nessuna confrontazione e alla fine nessuna critica nei suoi canali…sembra una cosa a senso unico…o sei come dice lui o sei contro praticamente…manca il dialogo! Ora vuole fondare il progetto Zion, secondo me stimabile per gli ideali e le idee…ma solo una domanda: perche vuole partire da 10 comuitá e non puo partire dal suo piccolo orticiello, con una sola e poi a raggiera? specie perche vuole raccimolare una barca di soldi per fondere sto progetto…. Sono io scettico??

  240. miwell ha detto:

    mannaggia….la raggia…sto azz di ego ci frega sempre…rocco e i suoi fratelli (ego ) al plurale…pero’ ammiro la sua costanza…che da mal di panza. i love my self i love you.

  241. usciredallorrore ha detto:

    dipingo quello che vedo e comprendo, come tutti 😉 buon proseguimento anche a te

  242. karnhack.com ha detto:

    eh eh… certo che ci metti un attimo a farti le tue idee e a dipingere le persone come vuoi tu… buon proseguimento… 🙂

  243. usciredallorrore ha detto:

    E ora sei di nuovo dentro. L’attitudine mentale non si cambia andando dietro a falsi guru come Rocco.

  244. karnhack.com ha detto:

    Non solo sono stato in una setta, ne sono anche uscito… torna pure alle tue convinzioni

  245. usciredallorrore ha detto:

    sì, maestro. Come chiami uno che organizza un gruppo in cui o si fa come dice lui oppure vaffanculo? Senza un minimo di confronto?
    E comunque, non hai risposto a niente di quello che ti ho scritto e chiesto. Poi se vi chiamano setta vi incazzate… Sai cos’è una setta?
    Se vuoi sono sempre pronto a dialogare, se no torna pure dal tuo guru 😉

  246. karnhack.com ha detto:

    Maestro? e poi uno non si deve incazzare!
    In ogni caso, ti ho detto la mia, fanne quello che vuoi. Ti saluto e buona vita.

  247. usciredallorrore ha detto:

    ma hai letto l’articolo? Sono giunto alle mie conclusioni DOPO aver avuto a che fare direttamente con Rocco. Se poi volete continuare con questa manfrina che “di persona è un’altra cosa”, continuate pure. Per me, se uno si comporta così su Internet, si comporterà così anche di persona, e di certo non è un illuminato. E’ ancora preda del suo ego, gonfiato a dismisura dall’illusione di non esserlo. E non importa quanto si sbatte, anzi proprio lo sbattersi tanto dovrebbe farti pensare… I maestri si sbattono così tanto? O hanno capito che cambiare il mondo è un’illusione? Un conto è l’opinione che si ha di una persona, e quella è personale. Però quando uno si erge a maestro e poi non fa altro che creare una setta di adoratori acritici, allora un po’ mi fa incazzare. Ti posso fare una domanda? Hai mai provato a criticare, anche solo leggermente, Rocco? Hai notato come REAGISCE? Ti sembra un comportamento da maestro?

  248. karnhack.com ha detto:

    Motivare? e che c’è da motivare? le tue conclusioni sono tratte da video e da post su facebook! Se ci avessi parlato ed interagito di persona invece di prendere notizie di terza mano, avrei rispettato le tue considerazioni ma è evidente che non lo hai fatto. Non sono quì per difendere lui né per offendere te, puoi parlare quanto vuoi… ma quando dai a chi lo segue dello stupido (adoratori acritici) in quel caso mi coinvolgi e ti dico: ripigliati! critichi chi ha alzato il culo e si è fatto i chilometri per vedere le cose come stanno e lo ha fatto con tutti i suoi organi di senso anzichè solo con le orecchie e con quella scatoletta che associa idee.
    La filosofia esoterica tutta è fondata sul “triamazikamno sacro”, legge del tre, dei tre corpi, dei tre cervelli, ma molti che dicono di aver capito di cosa si tratta poi usano un solo cervello e traggono conclusioni con quello solo… se avessero capito davvero di cosa si tratta, avrebbero evitato attentamente di trarre conclusioni prima di interagire con “tutte le tre parti”… ma è evidente che non si è capito.

  249. usciredallorrore ha detto:

    In che senso? Una frase detta così, senza motivare, non vuol dire granchè.

  250. karnhack.com ha detto:

    Vi state facendo delle gran pippe mentali…

  251. Neo ? ha detto:

    Mi preoccupa anche la “pressione mediatica” (scusate ma nn so come definirla) con la quale questa sorta di suoi adepti pubblicano su facebook in continuazione un link che rimanda a Zion

  252. Neo ? ha detto:

    Alessia puoi spiegare meglio? Anche io conosco una persona molto fragile alla quale sembra abbiano fatto il lavaggio del cervello

  253. usciredallorrore ha detto:

    lol speriamo di no dai…

  254. Roberto ha detto:

    Si, sono io..
    hai visto l’ultimo suo video, sta organizzando la Zion sull’Appennino Tosco-Emiliano e verso la fine del video dice che lo scopo è quello di “ascendere”, ci scommetto le palle che finirà come a Waco o la setta di Jim Jones, ad un certo punto fa bere a tutti una bevanda e s’ammazzano tutti.

  255. usciredallorrore ha detto:

    Ma sei Io Robert? Ho visto come ti hanno massacrato, poco prima di me. Il problema è che se uno fa il monologo, nel senso che non accetta mai commenti, critiche, domande, non è difficile far credere di saperla lunga. Guarda Berlusconi… Riguardo a Filippo Giordano, non è tanto questione di capacità divulgative, è che ha fatto un’analisi dell’argomento partendo già prevenuto, e per di più il “buon senso” che tanto sbandierava mi è sembrato completamente assente. Come ho scritto nell’articolo, mi è sembrata una pura e semplice relazione da debunker: una marea di cazzate fatte passare per verità evidenti, con una spocchiosità insopportabile, un’ignoranza totale, una intelligenza assai limitata. Questo mi puzza. Rocco, con i suoi difetti, non mi sembrava così. Forse sono troll anche loro.

  256. Roberto ha detto:

    Avevo criticato io per primo l’assoluta mancanza di capacità divulgative di tale Filippo Giordano in quel video e Rocco se la prese togliendomi l’amicizia.Poi una sua adepta mi cancellò anche dall’evento FB che Rocco aveva (e ha) in preparazione nella mia città.Dai video l’impressione è positiva, perchè parla sempre solo Rocco ma poi quando interagisci su FB capisci che gli schemi mentali sono quelli delle sette, di lobotomizzati, altro che persone aperte, risvegliate e consapevoli, oltretutto, come ho avuto modo di scrivere qui http://www.youtube.com/watch?v=MGR_aQwzds0 Rocco Bruno è una persona fondamentalmente ignorante, nel senso che conosce solo 3 materia in croce, musica, informatica ed esoterismo (nemmeno a livelli eccelsi bisogna dire…) mentre non sa una mazza di tutto il resto dello scibile umano.Una persona cosi limitata intellettualmente non può essere un illuminato.Comunque resta un soggetto interessante ma da non perderci più di tanto.

  257. usciredallorrore ha detto:

    ciao Alessia, puoi raccontare brevemente la sua storia?
    Se ti va ovviamente.

  258. Alessia ha detto:

    bravo…sante parole, lui e i suoi amici hanno fatto impazzire una ragazza meravigliosa… che gente di merda….

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...