Hamer: le 2 sensibilità delle mucose ectodermiche

NB: per comprendere questi articoli è necessaria una conoscenza di base delle leggi biologiche e degli studi di Hamer. Per approfondire vedi la pagina sopra.

Come confermato dalle scoperte di Hamer, il corpo umano ha subito diverse modificazioni nel corso dell’evoluzione. In questo articolo parlerò delle mucose ectodermiche, perchè comprendere la loro evoluzione filogenetica è di grande aiuto per la corretta diagnosi dei processi in atto. Vediamo perchè.

Con il graduale sviluppo del neoencefalo, le antiche mucose (tessuti produttori di muco) endodermiche sono state via via ricoperte dalle mucose ectodermiche. Stessa sorte ha subito il derma (cervelletto, sempre nel paleoencefalo), ricoperto dalla mucosa ectodermica dell’epidermide.

Altra grande novità del neoencefalo è la creazione dei dotti. Nel corpo umano diretto dal solo paleoencefalo, infatti, i succhi utili alla digestione venivano direttamente riversate nell’intestino. Col neoencefalo, invece, vengono creati i dotti, che rappresentano un’ulteriore possibilità di regolazione dell’afflusso delle produzioni ghiandolari. Discorso simile può essere fatto anche per i dotti lattiferi e per i dotti tiroidei, e in generale ovunque vi siano dotti.

Nel corso dell’evoluzione, tuttavia, le mucose ectodermiche si sono differenziate in due gruppi: dapprima si sono formate le mucose del tratto oro-faringo-anale, che posseggono una sensibilità di tipo “interno”, e in seguito si sono sviluppate le mucose della cute esterna e del tratto respiratorio, le quali invece posseggono una sensibilità di tipo “esterno”. Benchè in entrambi i casi abbiamo ulcera in fase attiva e riparazione in fase di soluzione, questi due tipi di mucosa presentano una sensibilità (insensibilità, iperestesia, dolore) diversa (praticamente opposta) nei diversi momenti del programma SBS, come evidenziato dai seguenti schemi:

SENSIBILITA’ DEL TRATTO ORO-FARINGEO (SENSIBILITA’ INTERNA)

Schema sensibilita Interna

SENSIBILITA’ DELLA CUTE ESTERNA (SENSIBILITA’ ESTERNA)

Schema sensibilita Esterna

Per capire quali mucose, nello specifico, posseggono una determinata sensibilità dobbiamo ancora una volta osservare come è avvenuta l’evoluzione del corpo umano.

Mentre queste mucose erano in formazione, infatti, è avvenuto un fatto evolutivo molto importante. La struttura ad anello (con un unico orefizio per ingestione del cibo ed espulsione degli scarti), che caratterizzava fino a quel punto il nostro corpo, si è spezzata, creando due orefizi separati: uno per l’ingestione del cibo (bocca), un altro per l’espulsione degli scarti (ano).

In questo importante cambiamento le mucose del tratto finale oro-faringo-anale hanno perso la loro innervazione originaria, e la nuova innervazione creata, passante tramite la spina dorsale, è diventate di tipo “esterno”. Per questo motivo le mucose di retto, vescica, vie urinarie, vagina e collo dell’utero seguono lo schema della cute esterna.

In definitiva, fan parte delle mucose a sensibilità “interna” le mucose del tratto oro-faringeo:

  • mucosa della bocca e della faringe, smalto dei denti, dotti delle ghiandole salivari
  • mucosa dei 2/3 superiori dell’esofago
  • piccola curvatura dello stomaco
  • dotti biliari e pancreatici

A cui va aggiunto il reticolo nervoso del periostio, le vene e le arterie coronarie, i dotti tiroidei e le mucose dei seni paranasali (eccezione).

Esempio: se ho un conflitto che riguarda la piccola curvatura dello stomaco, dovrò aspettarmi iperestesia e dolore in fase attiva e in CE, mentre insensibilità durante la fase PCL.

Fanno parte invece della sensibilità “esterna”, oltre alla cute esterna, anche le mucose del tratto respiratorio:

  • mucosa del naso
  • mucosa della laringe
  • mucosa dei bronchi

In più come detto, le mucose del tratto finale oro-faringo-anale:

  • mucosa della vescica e delle vie urinarie
  • mucosa della vagina e del collo dell’utero
  • mucosa del retto

A cui vanno aggiunti anche i dotti lattiferi (eccezione).

Esempio: se ho un conflitto che riguarda l’epidermide, dovrò aspettarmi insensibilità in fase attiva e in CE, mentre avrò bruciore, dolore, prurito nella fase PCL.

 

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in La Nuova Medicina Germanica scoperta dal dottor R.G. Hamer e contrassegnata con , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...